14.05.13

  da Alex   , 2660 parole  
Categorie: Servizi, Video, Tecnologia

TED Talks - D.Hillis: Internet puó bloccarsi, serve Piano B

TED Talks - D.Hillis: Internet puó bloccarsi, serve Piano B

TED Talks - D.Hillis: Internet puó bloccarsi, serve Piano B

Negli anni '70 e '80 uno spirito di generosità pervadeva Internet, i cui utenti erano pochi e lontani tra loro, oggi la rete è onnipresente, connette miliardi di persone, macchine e parti essenziali delle infrastrutture, rendendoci tutti molto piú vulnerabili agli attacchi cibernetici o al collasso della rete.

Il pioniere di Internet Danny Hillis, inventore, scienziato, scrittore, ingegnere ( ha introdotto il concetto di computer paralleli alla base dei supercomputer ) e detentore di oltre 100 brevetti informatici, sostiene a ragione che Internet non era stato progettato su questa scala.

In questa interessane video-presentazione tenuta al recente TED Global 2013, Danny Hillis fa alcune interessanti riflessioni e lancia un appello per sviluppare un "Piano B", un sistema parallelo su cui contare nel caso in cui Internet vada in Crash.

Danny Hillis: Internet potrebbe andare in crash. Ci serve un Piano B
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo
Il libro che ho in mano è un elenco di tutti quelli che avevano un indirizzo email nel 1982. (Risate) In realtà è sorprendentemente lungo. In effetti ci sono solo 20 persone circa su ogni pagina, perché abbiamo nome, indirizzo e numero di telefono di ognuno. E, in realtà, tutti sono riportati due volte perché una volta è organizzato per nome e un'altra per email. Ovviamente una comunità molto piccola. Allora c'erano solo due Danny su Internet. Li conoscevo entrambi. Non ci conoscevamo tutti, ma in qualche modo ci fidavamo l'uno dell'altro, e quel sentimento basilare di fiducia pervadeva tutta la rete, e c'era davvero la sensazione di dipendere l'uno dall'altro per fare le cose.

darvi un'idea del livello di fiducia in questa comunità, lasciate che vi dica come si faceva a registrare un dominio allora. A me capitò di registrare il terzo dominio su Internet. Quindi potevo avere qualsiasi cosa volessi eccetto bbn.com e symbolics.com. Così ho scelto think.com, ma poi ho pensato, ci sono tanti nomi davvero interessanti. Forse dovrei registrarne altri, non si sa mai. E poi ho pensato: "No, non sarebbe molto carino."

(Risate)

Quell'atteggiamento di prendere solo ciò di cui hai bisogno era davvero l'atteggiamento che allora tutti avevano nella rete, e in realtà non riguardava solo le persone nella rete, ma era in un certo senso parte dei protocolli dello stesso Internet. Quindi l'idea di base dell' I.P., il protocollo Internet, e dell'algoritmo di routing che lo utilizzava, erano in sostanza "da ognuno a seconda della propria abilità, a ognuno a seconda dei propri bisogni." E quindi, con una larghezza di banda extra, avresti recapitato un messaggio a qualcuno. Con una larghezza di banda extra, loro ti avrebbero recapitato un messaggio. Dipendevi dalle persone per farlo, e questa era la cosa basilare. Era davvero interessante che un principio così comunista fosse la base di un sistema sviluppato durante la Guerra Fredda dal Dipartimento della Difesa, ma ovviamente ha funzionato davvero bene, e tutti abbiamo visto cosa è successo con Internet. Ha avuto un successo incredibile.

In realtà, ha avuto talmente tanto successo che non c'è modo oggi di creare un libro come questo. Secondo il mio calcolo approssimativo sarebbe spesso circa 40 chilometri. Ma di certo non si può fare, perché non conosciamo i nomi di tutte le persone con Internet o indirizzi email, e anche se li conoscessimo, sono abbastanza sicuro che non vorrebbero il loro nome, indirizzo e numero di telefono pubblicati.

Il fatto é che ci sono molti brutti ceffi su Internet adesso, e ci siamo occupati di ciò creando comunità murate, sottoreti sicure, reti VPN, piccole cose che non sono davvero Internet ma che sono costruite sulle stesse basi, ma in sostanza stiamo ancora costruendo usando gli stessi mattoni con gli stessi presupposti di fiducia. E ciò significa che è vulnerabile ad alcuni tipi di errori che possono verificarsi, o ad alcuni tipi di attacchi deliberati, ma anche gli errori possono essere spiacevoli.

Per esempio, di recente in tutta l'Asia è stato impossibile guardare You Tube per un po' perché il Pakistan ha fatto degli errori nel modo di censurare You Tube nella propria rete interna. Non intendevano incasinare l'Asia, ma lo hanno fatto a causa del modo in cui funzionano i protocolli. Un altro esempio che può aver riguardato molti di voi nel pubblico è, dovreste ricordarlo un paio di anni fa, tutti gli aerei a ovest del Mississippi erano a terra perché una sola scheda di routing a Salt Lake City aveva preso un virus. Ora, non pensate davvero che il nostro sistema di aerei dipenda da Internet, e in un certo senso non lo fa. Ritornerò su questo discorso dopo. Ma il fatto è che la gente non poteva decollare perché qualcosa stava andando storto su Internet, e la scheda del router non funzionava.

E molte di queste cose hanno iniziato a verificarsi. Una cosa interessante è successa lo scorso aprile. All'improvviso, una percentuale molto alta del traffico su Internet, inclusa una gran parte del traffico tra gli impianti militari statunitensi, ha iniziato a essere reinstradata attraverso la Cina. Quindi per qualche ora, tutto è passato attraverso la Cina. La China Telecom dice che si è trattato soltanto di un errore in buona fede, ed è veramente possibile che fosse il modo in cui funzionano le cose ma di certo qualcuno avrebbe potuto commettere un errore non in buona fede se avesse voluto, e ciò mostra quanto il sistema sia vulnerabile anche agli errori. Immaginate quanto il sistema sia vulnerabile agli attacchi deliberati.

Quindi se qualcuno volesse davvero attaccare gli Stati Uniti o la civiltà occidentale oggigiorno, non lo farebbe con i carri armati. Quello non funzionerebbe. Quello che farebbero è un qualcosa molto più simile all'attacco verificatosi all'impianto nucleare iraniano. Nessuno ha rivendicato quel gesto. Era in sostanza una fabbrica di macchine industriali. Non pensava di essere su Internet. Pensava di essere disconnessa da Internet, ma era possibile che qualcuno introducesse di nascosto una chiave USB là dentro, o qualcosa di simile, e il software arrivato all'interno portasse le centrifughe, in quel caso, ad autodistruggersi. Quello stesso software potrebbe distruggere una raffineria di pertolio o un'azienda farmaceutica o una fabbrica di semiconduttori. E perciò ci sono -- sono sicuro che avete letto sui giornali, delle preoccupazione per gli attacchi cibernetici e di come difendersi da essi.

Ma il fatto è che la gente è più concentrata sulla difesa dei computer su Internet, e sorprendentemente c'è stata poca attenzione sulla difesa dello stesso Internet come mezzo di comunicazione. E credo che probabilmente dovremmo fare più attenzione a questo, perché è davvero fragile. In realtà, in passato, quando c'era ARPANET, ci sono state volte -- c'è stata una volta precisa in cui si è completamente bloccata perché un solo message processor aveva un virus al suo interno. E il modo in cui Internet funziona è che i router si scambiano informazioni sul modo in cui consegnare i messaggi, e questo processore, a causa di una scheda rotta, decise che avrebbe potuto ricevere un messaggio in qualche posto in un tempo negativo. Quindi pretendeva di consegnare un messaggio prima che tu lo inviassi. Certo, il modo più veloce per portare un messaggio ovunque era inviarlo a questa macchina, che lo avrebbe inviato indietro nel tempo e consegnato prestissimo, così ogni messaggio su Internet ha iniziato a passare da questo unico nodo, e ha intasato tutto. Tutto ha iniziato a rompersi. La cosa interessante era che gli amministratori di sistema poterono aggiustarlo, ma dovettero spegnere ogni singola cosa su Internet. E questo non si può fare oggi. Spegnere tutto è come la telefonata di servizio dalla società elettrica, ma per tutto il mondo.

Oggi non si potrebbe fare per molte ragioni. Una delle ragioni è che molti dei loro telefoni usano un protocollo IP e cose come Skype che adesso passano attraverso Internet, e ne stiamo diventando dipendenti per molte cose diverse, quando state per decollare da Los Angeles, non pensate di usare Internet. Quando fate benzina, non pensate di usare Internet. Sempre di più questi sistemi stanno iniziando a usare Internet. Molti di essi non sono ancora basati su Internet, ma stanno iniziando a usare Internet per funzioni di servizio, per funzioni amministrative, quindi se pensate al sistema dei cellulari, che è ancora relativamente indipendente da Internet per molti aspetti, pezzi di Internet stanno iniziando a intrufolarsi dentro nelle funzioni di controllo e amministrative, ed è invitante usare gli stessi mattoni di base perché funzionano così bene, costano poco, si ripetono, e così via. Sempre di più tutti i nostri sistemi stanno iniziando a usare la stessa tecnologia e a dipendere da questa tecnologia. Quindi anche un razzo spaziale oggi usa un protocollo Internet per comunicare da una parte all'altra del razzo. È pazzesco. Non era stato progettato per fare cose come questa.

Quindi abbiamo costruito questo sistema di cui conosciamo tutte le parti, ma lo stiamo usando in un modo molto diverso da come ci aspettavamo e ha una portata molto diversa da quella per cui era stato progettato. Nessuno capisce veramente le cose per cui ora è usato. Sta diventando uno di quei sistemi emergenti come il sistema finanziario, in cui abbiamo progettato tutte le parti ma nessuno capisce veramente come funziona e tutti i suoi dettagli e quali comportamenti emergenti può avere. Quindi se sentite un esperto parlare di Internet e dire che può fare questo, che fa o farà quello, dovreste trattarlo con lo stesso scetticismo con cui considerate i commenti di un economista sull'economia. o di un meteorologo sul tempo. Sono ben informati, ma tutto cambia così velocemente che anche gli esperti non sanno bene cosa stia succedendo. Quindi se vedete una di queste mappe di Internet, è solo l'ipotesi di qualcuno. Nessuno sa veramente cosa sia Internet adesso perché è diverso da ciò che era un'ora fa. Cambia e si riconfigura continuamente.

E il problema è che penso che ci stiamo preparando per una sorta di disastro come quello del sistema finanziario, in cui abbiamo preso un sistema costruito sulla fiducia, costruito per un sistema su più piccola scala, e lo abbiamo esteso oltre i limiti di ciò per cui era stato pensato. E adesso, credo sia vero che non sappiamo quali siano le conseguenze di un attacco legato alla negazione dei servizi su Internet, e, in ogni caso, sarà peggio l'anno prossimo, e peggio quello dopo, e così via.

Quindi abbiamo bisogno di un piano B. Adesso non c'è un piano B. Non c'è un chiaro sistema di backup che sia indipendente da Internet, costruito secondo diversi schemi di base. Abbiamo bisogno di qualcosa che non debba per forza avere le stesse prestazioni di Internet, ma la polizia deve poter essere in grado di chiamare i vigili del fuoco anche senza Internet, o gli ospedali devono poter ordinare olio combustibile. Questo non deve essere un progetto governativo di miliardi di dollari. In realtà è tecnicamente semplice da fare, perché può servirsi delle fibre già esistenti, dell'infrastruttura wireless esistente. È solo questione di decidere di farlo.

ma la gente non deciderà di farlo finché non ne riconoscerà il bisogno, e questo è il problema che abbiamo adesso. Ci sono state molte persone molti di noi hanno sostenuto per anni che dovremmo avere questo sistema indipendente, ma è molto difficile far concentrare le persone su un piano B quando il piano A sembra funzionare così bene.

Penso che se le persone capissero quanto stiamo diventando dipendenti da Internet, e quanto esso sia vulnerabile, potremmo concentrarci sul fatto di volere che questo altro sistema esista, e penso che se abbastanza persone dicessero: "Sì, lo vorrei usare, vorrei avere questo sistema", allora lo costruirebbero. Non è un problema difficile. Potrebbe anche essere risolto dalle persone in questa stanza.

Quindi penso che questo sia veramente, tra tutti i problemi che ascolteremo alla conferenza, uno dei più facili da risolvere. Sono contento di avere avuto l'occasione di parlarvene.

Grazie mille.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

75° William Noel e il codice perduto di Archimede

76° P. Diamandis: L'abbondanza è il nostro futuro

77° M.Banzi: Arduino Immaginazione Open-source

78° M.Little: Test per il Parkinson con 1 Telefonata

79° Peter Norvig: La classe di 100 000 studenti

80° J.Enriquez: I nostri figli di una specie diversa ?

81° D.Koller: Imparare dall'Istruzione Web Online

82° S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

83° Andrew Blum: Cos'è veramente Internet ?

84° Carl Schoonover: Come guardare nel Cervello

85° Maurizio Seracini: La vita segreta dei dipinti

86° Killingsworth: Essere felice ? Stai nel presente

87° Schwartzberg: Natura, Bellezza e Gratitudine

88° E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti !

89° A.Cuddy: Il linguaggio corporeo mostra chi sei

90° Amy Tan: La Creatività e il Processo Creativo

91° C.Shirky: Come Internet trasformerà il governo

92° E.Jorgensen: Il BioHacking puoi farlo anche tu

93° Michael Dickinson: Come Vola una Mosca

94° Elon Musk: La mente dietro Tesla e SpaceX

95° C. Mota: Giocare con i Materiali Intelligenti

96° D.Hillis: Internet puó bloccarsi, serve Piano B


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Android App: Controllare gli Additivi alimentari nei Cibi
Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi [ # 58 ]
Come puoi verificare il livello di Sicurezza delle Password
Android App: Localizza / Mappa dati Antenne reti GSM / 3G
NeuroEtica & NeuroScienze: Video Corso Penn University

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

12.05.13

  da Alex   , 367 parole  
Categorie: Servizi, Foto, Risorse

Foto Blog racconta l'attualità con Immagini Sorprendenti

Foto Blog racconta l'attualità con Immagini Sorprendenti

Foto Blog racconta l'attualità con Immagini Sorprendenti

Aggiornamento post 15.07.09

Se ti interessi di Fotografia e vuoi seguire tutti gli avvenimenti di attualità a livello mondiale con un taglio prettamente "Fotografico", e imparare da famosi fotografi delle piú rinomate agenzie stampa, allora tra le tue fonti non deve assolutamente mancare The Big Picture.

The Big Picture è il fantastico Foto Blog del quotidiano Boston Globe che contiene una accurata selezione di incredibili gallerie fotografiche di altissima qualità provenienti da tutto il mondo, su temi e argomenti vari di attualità.

The Big Picture è prodotto da un gruppo selezionato di redattori fotografici del Boston Globe, ogni Lunedi, Mercoledì e Venerdì vengono pubblicati nuovi reportage fotografici a tema, ciascuno contenente 30/50 foto con l'obbiettivo di mettere in evidenza e condividere stupende immagini di alta qualità, con un focus sugli eventi di attualità.

La maggior parte delle immagini provengono da aziende come l'Associated Press, Reuters, e Getty Images, che ne concedono i diritti esclusivi per il Boston Globe, altre foto provengono da fonti pubbliche come la NASA, e altre ancora da fotografi privati che le condividono con il giornale per la pubblicazione una sola volta.

Foto Blog racconta l'attualità con Immagini Sorprendenti

Ogni post oltre al Titolo contiene una breve Descrizione sul tema del reportage fotografico del giorno, e alla fine tra parentesi il numero di foto e il link alla sequenza completa di foto, per esempio ( 47 photos total ).

Per un altro esempio tra i tanti post, guarda qui ( fai scorrere la pagina ) le 40 foto del National Geographic Traveler Magazine: 2013 Photo Contest.

Ciascuna galleria fotografica contiene normalmente 30/50 foto ( clicca sulla prima immagine per visualizzare tutta la serie ) oltre a un breve commento, la miglior soluzione per accedere alle gallerie e visualizzare le immagini, é quella di sottoscrivere il feed RSS ricevendo cosi in automatico tutti gli aggiornamenti.

Un altra ottima risorsa di Foto-Giornalismo é il Reuters Photographer Blogs.

Trovi altri post Taggati "Fotografia" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Auto Elettrica: EVTraxer Piattaforma Omologata x FaiDaTe
BlaBlaCar - Offri o Trova passaggi in Auto e riduci le Spese
Batterie PC portatili: Come migliorare Prestazioni e Durata
Foto: Come verificare se sono False, Alterate o Ritoccate
[¯|¯] Ebook: Leggende delle Alpi - Maria Savi Lopez

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

11.05.13

  da Alex   , 489 parole  
Categorie: Servizi, Strumenti, Video, Foto

Art Project: 43 mila Opere d'arte # 230 Collezioni # 40 Paesi

Art Project: 30000 opere d'arte da 150 collezioni di 40 paesi
[clicca qui per ingrandire]

Aggiornamento post 11.05.13 +80 Musei +11 mila Opere d'arte

Art Project è un bellissimo progetto per la diffusione dell'Arte nel mondo nato da una collaborazione tra Google e 486 Partner d'arte di fama internazionale provenienti da 40 paesi.

Utilizzando una combinazione di varie tecnologie Google e le informazioni di esperti forniti dai vari musei, é stata creata un'esperienza unica per vedere l'arte on line.

Art Project: 30000 opere d'arte da 150 collezioni di 40 paesi

Puoi esplorare una vasta gamma di opere d'arte fino al livello di dettaglio pennellata, fare un tour virtuale di un museo e persino creare le tue collezioni da condividere.

Poche persone avranno mai la fortuna di poter visitare tutti i musei o vedere ogni opera d'arte, ma ora tutti possono godere di oltre 81 mila opere d'arte, dalla scultura all'architettura, fino ai disegni, e di esplorare più di 486 Collezioni d'arte, tutti in un unico posto.

Guarda una prima video-presentazione su come utilizzare al meglio la sofisticata interfaccia grafica di Art Project :

In un anno di lavoro Art Project ha ampliato da 151 a 230 il numero di musei partner che hanno messo a disposizione oltre 43 mila opere d'arte, il numero di Paesi di provenienza é passato da 9 a 40.

Molto lavoro è stato fatto per fornire una nuova ricca esperienza visiva attraverso una interfaccia molto funzionale, la scoperta di contenuti è più semplice e ti permette di raffinare, filtrare e visualizzare le opere d'arte e artisti provenienti da tutte le varie collezioni.

Ciò ti consente ad esempio di scoprire istantaneamente tutti i Rembrandt nel progetto e ti permette di esplorare Opere di un determinato periodo nelle varie collezioni.

Puoi navigare attraverso i contenuti ricercando il nome dell'artista, l'opera d'arte, il tipo di arte, la raccolta, il paese, la città e le Gallerie utente.

Le immagini di Street View e la qualità di navigazione sono migliorati, sono state sviluppate nuove tecnologie per migliorare le immagini in tutte le collezioni, ora si può vivere virtualmente ancora di più gli spazi fisici di questi ambienti straordinari.

Una nuova entusiasmante caratteristica è Gallerie utente, che ti consente di creare la tua galleria all'interno del sito, ora puoi modificare, riordinare e caricare i video di Youtube e molto altro nella sezione "My Galleries", inoltre, questa nuova versione del progetto ha caratteristiche più sociali con Google+ e altri social di ritrovo integrati al sito per caricare e condividere contenuti audio e video con gli amici.

Guarda il nuovo video-promo di Art Project :

Per finire un altro nuovo video con i "dietro le quinte" durante i lavori di Google Art Project nei vari Musei nel mondo:

Trovi altri post Taggati "Arte" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
SEAGAME - Videogioco Online Interattivo Multigiocatore
Foto Blog racconta l'attualità con Immagini Sorprendenti
Cronometrare Eventi e Attività con un Multi Timer per PC
Converti online con un solo click 40 Unità di Misura
Come leggere i Codici Quick Response con il Telefonino

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

09.05.13

  da Alex   , 425 parole  
Categorie: Programmi, Strumenti, Foto, Risorse

Come inserire un " Watermark " nelle tue Immagini Digitali

Come inserire un Watermark nelle tue Immagini Digitali

[ clicca qui per ingrandire ]

Aggiornamento post 27.02.10 Nuova versione 2.4.0.4 Maggio 2013

In informatica il termine Watermark che in italiano letteralmente significherebbe Filigrana, si riferisce all'inclusione di informazioni all'interno di un file multimediale o di altro genere, che possono essere successivamente rilevate o estratte per trarre informazioni sulla sua origine e provenienza, per mezzo del watermark il documento è ancora accessibile, ma contrassegnato in modo permanente.

I Watermark possono essere evidenti per l'utente del file ( per esempio nel caso di una indicazione di copyright applicata in sovraimpressione su una immagine digitale ) o latenti ( nascoste all'interno del file ), in questo caso il watermark può essere considerato una forma di Steganografia.

Se anche tu sei un Fotografo o un Webmaster e vuoi proteggere le tue foto o immagini digitali inserite nelle pagine web per evitarne la copia e il riutilizzo senza autorizzazione o attribuzione, la soluzione piú semplice e rapida é quella appunto di inserire un watermark personalizzato.

Tra le molte applicazioni disponibili per aggiungere i watermark alle immagini, Watermark Image é un ottimo programma gratuito, semplice e rapido, progettato appositamente solo ed esclusivamente per questo scopo e disponibile in molte lingue, Italiano compreso.

Come inserire un Watermark nelle tue Immagini Digitali

Watermark Image è un programma per OS Windows che puoi utilizzare in pochi minuti per creare Watermark personalizzati, per singole immagini o intere cartelle con centinaia di immagini in un unico processo.

Dopo aver scaricato da qui il programma, decomprimi il file .ZIP, installa e avvia Watermark Image che si presenta con una interfaccia grafica molto semplice e intuitiva come puoi vedere dall'immagine sopra ingrandita.

Il processo di watermarking inizia selezionando una Directory di origine e una di Destinazione, potendo includere le eventuali sottocartelle, la directory di destinazione è di default in una directory diversa per evitare di sovrascrivere l'immagine originale.

È inoltre possibile selezionare il Formato di output, il Ridimensionamento immagini, definire il Posizionamento della watermark, il livello di Trasparenza, oltre alla possibilità di scelta di un watermark Grafico o Testuale.

Come inserire un Watermark nelle tue Immagini Digitali

Con il pulsante "Select preview image" puoi visualizzare una anteprima temporanea della prima immagine per verificare se la watermark è esattamente come desiderata.

Watermark Image per funzionare necessita la presenza sul PC di del Microsoft .NET Framework, se non lo avessi già installato puoi scaricarlo qui.

Trovi altri post Taggati "Foto" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Singolarità Tecnologica: Nuove Intelligenze Super Umane
Android App: Controllare gli Additivi alimentari nei Cibi
NeuroEtica & NeuroScienze: Video Corso Penn University
Museo Rijks Amsterdam: 125K Capolavori Olandesi Online
TED Talks - Carl Schoonover: Come guardare nel Cervello

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

07.05.13

  da Alex   , 468 parole  
Categorie: Servizi, Audio, Risorse, Musica

+ Concentrazione - Distrazioni + Produttività = Focus@Will

+ Concentrazione - Distrazioni + Produttività = Focus@Will

Focus@Will ( Concentrarsi@Volontà ) è un nuovo servizio musicale che Ti consente di concentrarti meglio, riducendo le distrazioni e migliorando l'apprendimento quando lavori, studi, scrivi o leggi.

La nuova tecnologia si basa su provati riscontri medico-scientifici e si é dimostrata essere estremamente efficace per estendere i tempi di attenzione e concentrazione.

La maggior parte delle persone possono concentrarsi solo per un massimo di circa 100 minuti consecutivi prima di avere bisogno di prendere una piccola pausa per allungarsi, muoversi, o magari bere un bicchiere d'acqua, prima di poter riprendere un'altra sessione.

Focus@Will Ti permette di entrare più facilmente in uno stato di concentrazione, e poi ti aiuta a rimanere per piú tempo in questo stato riducendo le inevitabili distrazioni.

Funziona in sottofondo andando a interagire con il Sistema limbico cerebrale, quella parte del nostro cervello che supporta svariate funzioni psichiche come emotività, comportamento, memoria a lungo termine, olfatto, udito, afferenze sensoriali e reazioni corporee.

Le persone che lavorano o studiano normalmente necessitano di circa 20 minuti per ambientarsi al loro ambiente e concentrarsi realmente sul compito da svolgere, ci vuole un certo tempo al cervello per ottimizzare le risorse disponibili e "sintonizzarsi" in un compito specifico fino a raggiungere uno stato di "assuefazione" all'ambiente circostante.

Ogni brano musicale di ciascuno dei 7 canali disponibili ( Classical, Focus Spa, Up tempo, Alpha Chill, Acoustical, Cinematic e Ambient ), viene attentamente sequenziato da Focus@Will in modo da accellerare il processo cerebrale verso l'assuefazione all'ambiente circostante, caratteristiche quali la chiave musicale, l'intensità, velocità di riproduzione, valori emotivi, stile di registrazione, e altri fattori acustici determinano ciò che viene riprodotto come visualizzato nel grafico qui sotto :

+ Concentrazione - Distrazioni + Produttività = Focus@Will

[ clicca qui per ingrandire ]

Questa nuova tecnologia di sequenziamento audio in attesa di brevetto, massimizza un ciclo di 100 minuti invece che oscillare con incrementi meno efficienti, l'esclusiva libreria musicale strumentale è elaborata e curata sia sotto l'aspetto scientifico che artistico, e comprende un numero significativo di opere esclusive recentemente commissionate a noti compositori e produttori di musica.

Focus@Will oltre che come servizio web é anche disponibile come Android App e presto anche iOS App.

Per approfondire gli aspetti scientifici e di ricerca che stanno alla base di Focus@Will. leggi la sezione Science primer.

Sempre riguardo i sottofondi musicali leggi anche :

Android App: Musica ambiente per Rilassarsi e Dormire

Rilassarsi con i Suoni e sottofondi Musicali della Natura

Rilassarsi al PC con 6 Scenari e Suoni della Natura Virtuali

Sintonizza le tue Emozioni con le Playlist di Stereomood

Trovi altri post Taggati "Audio" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Test comparativo Batterie AA Litio, Alcaline, Zinco-carbone
COSM - Sensori, Dispositivi, Ambienti e Oggetti Intelligenti
Fences: Desktop sempre Pulito, Organizzato e Ottimizzato
Android App: Localizzazione piú facile con GPS Status
Posizione Ergonomica corretta lavorando al PC / Laptop

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

1 ... 68 69 70 ...71 ... 73 ...75 ...76 77 78 ... 324