21.04.12

  da Alex   , 163 parole  
Categorie: Audio, Risorse, Musica

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi [ # 48 ]

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi
Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi

Quarantottesimo post di una serie con cadenza settimanale "Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi", dove potrai trovare un vero super-mix di generi musicali: Folk, Punk, Hip Hop, Metal, Pop, Rock, Acoustic, Ambient, Electronic, Experimental, Alternative, Funk, Indie, etc.

SKYPILOT – EP

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi

Genere: rock, stadium rock, art rock

Steel Toed Slippers – Selftitled

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi

Genere: classic rock, modern funk, jazz, blues, rock’n'roll

Little Kim & the Alley Apple 3 – Riding the Rails

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi

Genere: jazz, swing, western

Mosaic Manifesto – The Butterfly Effect

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi

Genere: ambient, electronic, instrumental, chillout

Casting Call – Life Goes On

Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi

Genere: alternative, pop, punk, pop-punk

Trovi altri post Taggati "Musica" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Libri Catalogati e Condivisi con Biblioteca Web personale
Oltre 800 mila Manuali di Istruzione scaricabili Gratis Online
Ascolta dal PC l'esatta Pronuncia Inglese di tutte le Parole
Accordatore per Chitarra professionale e gratuito per PC
Cure Mediche Personalizzate con il tuo Profilo Genetico

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

17.04.12

  da Alex   , 3039 parole  
Categorie: Video, Ricerca, Tecnologia

TED Talks - Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

TED Talks - Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

In questa interessante video-presentazione tenuta durante un recente TED, la scrittice, psicologa e sociologa Sherry Turkle ci presenta alcune inconfessabili verità riguardo l'attuale tendenza delle relazioni sociali.

Mentre ci aspettiamo sempre di più dalla tecnologia, ci aspettiamo meno dal nostro prossimo ?

Sherry Turkle studia da anni come i nostri dispositivi elettronici e i nostri profili online stiano ridefinendo le connessioni umane e la comunicazione, e ci chiede di riflettere approfonditamente sui nuovi tipi di connessione che vorremmo avere.

TED Talks - Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo :
Un attimo fa, mia figlia Rebecca mi ha mandato un sms di buona fortuna. Il messaggio diceva: "Mamma, andrai alla grande." È meraviglioso. Ricevere quel messaggio è stato come ricevere un abbraccio. Allora, ecco. Io impersono il paradosso di fondo. Sono una donna che adora ricevere messaggi, e che vi dirà che troppi possono essere un problema.

quel promemoria di mia figlia mi riporta agli inizi della mia storia. Nel 1996, quando ho tenuto il mio primo TEDTalk, Rebecca aveva cinque anni ed era seduta proprio lì in prima fila. Io avevo appena scritto un libro che celebrava la nostra vita su internet e stavo per apparire sulla copertina di Wired. In quei primi anni, stavamo sperimentando le chat room e le comunità virtuali online. Stavamo esplorando diversi aspetti di noi stessi. E poi abbiamo staccato. Ero emozionata. Da psicologa, quello che più mi emozionava era l'idea di usare ciò che avevamo imparato nel mondo virtuale su noi stessi, sulla nostra identità, per vivere una vita migliore nel mondo reale.

Ora andiamo avanti veloce al 2012. Sono di nuovo sul palco di TED. Mia figlia ha 20 anni. È una studentessa universitaria. Dorme con il cellulare, come me. Io ho appena scritto un nuovo libro ma questa volta non è il genere che mi porterà sulla copertina di Wired. Allora cos'è successo? La tecnologia mi emoziona ancora, ma credo, e sono qui per dimostrarvelo, che stiamo lasciando che ci porti dove non vogliamo andare.

Negli ultimi 15 anni ho studiato tecnologie di comunicazione mobile e ho intervistato centinaia e centinaia di persone, giovani e anziane, sulla loro vita in connessione. Quello che ho scoperto è che i nostri piccoli dispositivi, i piccoli apparecchi nelle nostre tasche, psicologicamente sono tanto potenti da cambiare non solo quello che facciamo, ma quello che siamo. Alcune delle cose che sappiamo sui nostri apparecchi sono cose che, solo qualche anno fa, avremmo trovato strane o inquietanti, eppure sono diventate rapidamente familiari, perché ora si fa così.

Per fare solo qualche esempio: la gente manda messaggi o email durante le riunioni dei consigli di amministrazione. Manda messaggi, fa shopping e va su Facebook in classe, durante le presentazioni, durante ogni tipo di riunione. La gente parla di questa nuova importante abilità, ossia mantenere il contatto visivo mentre si inviano messaggi. (Risate) La gente mi spiega che è difficile, ma che si può fare. I genitori mandano messaggi e email a colazione e a cena mentre i figli si lamentano di non avere abbastanza attenzione da parte loro. Ma poi questi stessi figli si negano a vicenda la stessa attenzione. Questo è uno scatto recente di mia figlia e delle sue amiche, insieme, anche se non sono insieme. Mandiamo messaggi persino ai funerali. lo studio tutto ciò. Ci estraniamo dal nostro dolore o dal fantasticare e ci tuffiamo nei nostri telefoni.

Perché questo ha importanza? Per me ha importanza perché credo che ci stiamo mettendo nei guai -- guai, certamente, nei rapporti con gli altri, ma anche guai nel rapporto con noi stessi e la nostra capacità di auto-riflessione. Ci stiamo abituando a un nuovo modo di essere soli, insieme. La gente vuole stare con gli altri, ma vuole anche essere altrove -- connessa con tutti i luoghi in cui vuole essere presente. La gente vuole personalizzare la propria vita. Vuole entrare e uscire da dove si trova perché la cosa che ha più importanza è il controllo su dove concentrare l'attenzione. Quindi volete andare a quella riunione, ma volete ascoltare solo i momenti che vi interessano. E qualcuno pensa che sia una bella cosa. Ma si finisce per nascondersi da l'un l'altro, anche se siamo costantemente connessi.

Un uomo d'affari di 50 anni si è lamentato con me perché sentiva di non avere più colleghi al lavoro. Quando va al lavoro, non si ferma a parlare con nessuno, non chiama. E dice che non vuole interrompere i colleghi perché "sono troppo impegnati con le loro email." Ma poi si ferma e dice: "Sa, non le sto dicendo la verità. Sono io quello che non vuole essere interrotto. Dovrei desiderare un'interazione, ma in realtà preferirei fare un po' di cose sul Blackberrry."

In tutte le generazioni, vedo che la gente non ne ha mai abbastanza degli altri, se, e solo se, può rimanere a distanza, una distanza che può controllare. Io lo chiamo effetto Riccioli d'Oro: non troppo vicino, non troppo lontano, la distanza giusta. Ma la distanza giusta per quei dirigenti di mezza età può essere un problema per gli adolescenti che hanno bisogno di sviluppare relazioni faccia a faccia. Un ragazzo di 18 anni con l'abitudine di messaggiare per qualunque cosa mi dice malinconicamente: "Un giorno, un giorno, ma certamente non ora, vorrei imparare come si fa una conversazione."

Quando chiedo alla gente: "Cos'ha di sbagliato fare una conversazione?" la gente dice: "Ora le dico cosa c'è di sbagliato in una conversazione. È in tempo reale e non puoi controllare quello che verrà detto." Ecco il succo. Messaggiare, mandare email, postare, tutte queste cose ci consentono di presentarci come vogliamo essere. Possiamo modificare, e ciò significa che possiamo cancellare, e significa che possiamo ritoccare, il viso, la voce, la carne, il corpo -- non troppo, non troppo poco, al punto giusto.

Le relazioni umane sono ricche e complesse e sono impegnative. Noi le ripuliamo con la tecnologia. E facendolo, quello che può succedere è che sacrifichiamo la conversazione a favore della pura connessione. Imbrogliamo noi stessi. E con il tempo, sembra che ce lo dimentichiamo o che smettiamo di preoccuparcene.

Sono stata colta di sorpresa quando Stephen Colbert mi ha fatto una domanda profonda, una domanda profonda. Mi ha detto: "Tutti questi tweet, tutti questi sorsi di comunicazione online, non formano una grande sorsata di conversazione reale?" La mia risposta è stata: no, non si sommano. Connettersi a piccoli sorsi può funzionare per raccogliere pezzetti di informazioni, può funzionare per dire: "Ti sto pensando," o anche per dire "Ti amo,". Guardate come mi sono sentita quando ho ricevuto il messaggio di mia figlia; ma non funzionano veramente per conoscerci tra di noi, per arrivare a conoscerci e capirci l'un l'altro. Noi utilizziamo le conversazioni con gli altri per imparare a conversare con noi stessi. Quindi, trascurare la conversazione può essere pericoloso perché può compromettere la nostra capacità di auto-riflessione. Nei ragazzi che crescono, quella capacità è fondamentale per lo sviluppo.

Sempre più spesso sento: "Preferisco messaggiare che parlare." E quello che vedo è che la gente si abitua a brevi scambi rispetto alla vera conversazione, si abitua ad accontentarsi di meno, ed è sempre più intenzionata a fare a meno degli altri. Quindi per esempio, molti condividono con me questo desiderio, che un giorno una versione più avanzata di Siri, l'assistente digitale dell'iPhone di Apple, possa somigliare più a un migliore amico, a qualcuno che ascolta quando gli altri non lo fanno. Credo che quel desiderio rifletta una dolorosa verità che ho imparato negli ultimi 15 anni. La sensazione che nessuno mi sta ascoltando è cruciale nelle nostre relazioni con la tecnologia. Ecco perché è così invitante avere una pagina su Facebook o un feed di Twitter -- così tante persone ad ascoltare in automatico. E la sensazione che nessuno ci stia ascoltando ci porta a voler trascorrere il tempo con macchine che sembrano interessarsi a noi.

Stiamo sviluppando dei robot, che chiamano robot socievoli, progettati specificamente per essere dei compagni -- per i più anziani, per i nostri figli, per noi. Abbiamo perso a tal punto la fiducia nella possibilità di esserci l'uno per l'altro? Durante la mia ricerca ho lavorato nelle case di riposo, e ho utilizzato questi robot socievoli progettati per dare agli anziani la sensazione di essere compresi. Un giorno sono entrata e una donna che aveva perso un figlio stava parlando con un robot sotto forma di cucciolo di foca. Sembrava che la stesse guardando negli occhi. Sembrava che stesse seguendo la conversazione. La confortava. Molti lo trovano fantastico.

Ma quella donna stava cercando di dare un senso alla propria vita con una macchina che non aveva alcuna esperienza di vita umana. Quel robot ha dato uno spettacolo fantastico. E noi siamo vulnerabili. La gente percepisce questa falsa empatia come se fosse una cosa reale. In quel momento, mentre quella donna stava sperimentando quella finta empatia, ho pensato: "Quel robot non prova empatia. Non sperimenta la morte. Non sa cosa sia la vita."

E mentre quella donna traeva conforto da suo compagno robot, io non l'ho trovato fantastico; l'ho trovato uno dei momenti più complicati e lancinanti dei miei 15 anni di lavoro. Ma facendo un passo indietro, mi sono sentita nel cuore di una tempesta perfetta. Ci aspettiamo sempre di più dalla tecnologia e sempre meno da l'uno dall'altro. Allora io mi chiedo: "Come siamo arrivati a questo punto?"

E credo sia perché la tecnologia ci attrae di più quando siamo più vulnerabili. E siamo vulnerabili. Siamo soli, ma abbiamo paura dell'intimità. E quindi dai social network ai robot socievoli, progettiamo tecnologie che ci daranno l'illusione di una compagnia senza bisogno di amicizia. Ci rivolgiamo alla tecnologia perché ci aiuti a sentirci connessi in modi che possiamo agevolmente controllare. Ma non ci sentiamo a nostro agio. Non abbiamo il controllo assoluto.

Di questi tempi, quei telefoni nelle nostre tasche stanno cambiando le nostre menti e i nostri cuori perché ci offrono queste fantasie gratificanti. Uno, che possiamo rivolgere l'attenzione dovunque vogliamo; due, che saremo sempre ascoltati; e tre, che non dovremo più essere soli. E questa terza idea, che non dovremo mai essere soli, è cruciale nel cambiamento della nostra mentalità. Perché nel momento in cui le persone sono sole, anche solo per qualche secondo, diventano ansiose, irrequiete, si fanno prendere dal panico, vanno in cerca di un dispositivo. Pensate alla persone in fila alla cassa o a un semaforo rosso. Essere soli è percepito come un problema che va risolto. E così si cerca di risolverlo con la connessione. Ma qui, la connessione è più un sintomo che una cura. Esprime, ma non risolve, un problema di fondo. E ancora più che un sintomo, la connessione costante sta cambiando il modo in cui la gente pensa a se stessa. Sta dando forma a un nuovo modo di essere.

Il miglior modo di descriverlo è: condivido quindi sono. Usiamo la tecnologia per definire noi stessi condividendo i nostri pensieri e le nostre sensazioni persino quando le stiamo provando. Quindi, se prima era: ho una sensazione, voglio fare una chiamata. Ora è: voglio avere questa sensazione, devo mandare un messaggio. Il problema di questo nuovo regime di "Condivido quindi sono" è che, se non abbiamo una connessione, non ci sentiamo noi stessi. Quasi non sentiamo più noi stessi. E allora cosa facciamo? Ci connettiamo sempre di più. Ma nel farlo costruiamo il nostro isolamento.

Come passiamo dalla connessione all'isolamento? Si finisce isolati se non si coltiva la capacità di essere soli, la capacità di essere separati, di raccogliersi. E' nella solitudine che troviamo noi stessi, così da poter arrivare agli altri e creare un reale attaccamento. Quando non siamo capaci di restare soli, ci rivolgiamo agli altri per sentirci meno ansiosi o per sentirci vivi. Ma quando questo succede, noi non siamo in grado di apprezzarli. È come se li usassimo come parti di ricambio per sostenere il fragile senso del nostro sé. Ci culliamo nel pensiero che essere sempre connessi ci farà sentire meno soli. Ma siamo a rischio, perché la realtà è l'esatto opposto. Se non siamo in grado di stare soli, saremo ancora più soli. Se non insegniamo ai nostri figli a essere soli, non conosceranno altro che la solitudine.

Quando parlai a TED nel 1996, esponendo i miei studi sulle prime comunità virtuali, dissi: "Coloro che trascorrono la maggior parte della propria vita sullo schermo ci arrivano con uno spirito di auto-riflessione." Ed è quello che sto chiedendo ora: riflessione e, qualcosa di più, una conversazione su dove l'uso attuale della tecnologia, ci potrebbe portare, quello che ci potrebbe costare. La tecnologia ci divora. Abbiamo paura, come i giovani amanti, che parlare troppo possa rovinare l'atmosfera. Ma è il momento di parlare. Siamo cresciuti con la tecnologia digitale e quindi la vediamo matura. Ma non lo è. È agli albori. Abbiamo ancora tempo per riconsiderare il modo in cui la usiamo, come la costruiamo. Non sto suggerendo di abbandonare i nostri apparecchi, ma di sviluppare una relazione più consapevole con loro, con gli altri e con noi stessi.

Vedo i primi passi. Cominciate a pensare alla solitudine in modo positivo. Fatele spazio. Trovate modi per dimostrare ai vostri figli che è un valore. Create uno spazio dedicato in casa, la cucina, la sala da pranzo, e riservatelo alla conversazione. Fate lo stesso al lavoro. Al lavoro siamo talmente impegnati a comunicare che spesso non abbiamo tempo di pensare, non abbiamo tempo di parlare delle cose veramente importanti. Cambiate le cose. Ancora più importante, abbiamo tutti bisogno di ascoltarci l'un l'altro, comprese le parti noiose. Perché è quando inciampiamo o esitiamo o ci mancano le parole che riveliamo noi stessi agli altri.

La tecnologia sta tentando di ridefinire la connessione umana -- quanto ci interessiamo l'uno dell'altro, quanto ci interessiamo di noi stessi -- ma ci dà anche la possibilità di affermare i nostri valori e la nostra direzione. Sono ottimista. Abbiamo tutto ciò che ci serve per cominciare Abbiamo l'un l'altro. E abbiamo grandi possibilità di successo se riconosciamo la nostra vulnerabilità. Ascoltiamo quando la tecnologia dice che ci vorrà qualcosa di complicato e promette qualcosa di più semplice.

Nel mio lavoro, sento che la vita è dura, le relazioni sono piene di rischi. E poi c'è la tecnologia -- più semplice, promettente, ottimista, sempre giovane. È come chiamare i rinforzi. Una campagna pubblicitaria promette che online e con gli avatar, potrete "Finalmente, amare i vostri amici amare il vostro corpo, amare la vostra vita, online e con gli avatar." Siamo attratti da un'atmosfera virtuale, dai videogiochi che sembrano mondi, dall'idea che i robot, i robot, saranno un giorno i nostri veri compagni. Trascorriamo la serata sui social network invece di andare al bar con gli amici.

Ma le nostre fantasie di sostituzione ci costano. Ora dobbiamo tutti concentrarci sui molti modi in cui la tecnologia può riportarci alle nostre vere vite, ai nostri corpi, alle nostre comunità, alla nostra politica, al nostro pianeta. Hanno bisogno di noi. Parliamo di come possiamo usare la tecnologia digitale, la tecnologia dei nostri sogni, per fare di questa vita la vita che amiamo.

Grazie.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

16.04.12

  da Alex   , 305 parole  
Categorie: Programmi, Strumenti, Audio, Risorse

Cambia la tua Voce per Giocare e Scherzare online

Cambia la tua voce per giocare e scherzare online

Aggiornamento post 31.12.08

Sei appassionato di giochi di ruolo e vorresti interpretare il tuo personaggio alla perfezione anche nella voce, o ti piacerebbe semplicemente fare qualche scherzo agli amici via Instant Message, Skype, o altro programma VoIP ?

Con il programma gratuito MorphVOX Junior puoi cambiare istantaneamente la tua voce, scegliendo a piacere tra la voce di un uomo, di una donna o di un bambino.

Oltre al cambio della voce, il programma ti permette anche di utilizzare una serie di effetti sonori da inserire nel corso della conversazione, guarda un video-tutorial ( altri qui ) :



Il programma é stato sviluppato da Screaming Bee per essere utilizzato principalmente con i giochi di ruolo, e contempla diverse altre versioni a pagamento con librerie aggiuntive di voci e suoni ambientali.

L'ultima versione MorphVOX Pro Voice Changer 4.3.16 ha introdotto nuove funzionalità che migliorano la qualità audio del modificatore vocale, utilizzando un algoritmo aggiornato che azzera i rumori di fondo, e che puó essere utilizzato anche per commentare progetti audio / video, creando voci sintetiche, trovi la versione di base gratuita MorphVOX Junior 2.7.5 qui.

MorphVOX é in grado di funzionare anche con il famoso programma gratuito Audacity per registrare audio dal vivo, convertire dischi e musicassette in formato digitale, modificare file audio in vari formati, tagliare, copiare, dividere e mixare file audio, cambiare la velocità o l'intonazione di una registrazione e molto altro, trovi le istruzioni per l'uso congiunto qui.

Trovi altri post Taggati "Voce" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Come puoi emulare virtualmente CD e DVD sul tuo PC
Due strumenti utili per migliorare l'uso di Google Maps
Audio & Video archivio mondiale del Regno Animale
Crea, apri e gestisci facilmente archivi RAR, TAR, ZIP, G-Zip
Guarda traduci e diffondi Video sottotitolati in ogni lingua

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

13.04.12

  da Alex   , 292 parole  
Categorie: Programmi, Strumenti, Risorse

OOo4Kids - OpenOffice speciale per Ragazzi e Insegnanti

OOo4Kids - OpenOffice speciale per Ragazzi e Insegnanti

Aggiornamento post 28.09.10

OOo4Kids è una interessante versione speciale gratuita in italiano della nota suite di programmi per ufficio OpenOffice espressamente dedicata ai ragazzi dai 7 al 12 anni e ai loro insegnanti, sviluppata con l'aiuto di professionisti dell'educazione.

OOo4Kids contiene gli stessi quattro programmi di OpenOffice ma con meno funzioni e un design semplificato, mantenendo peró inalterate tutte le potenzialità del programma originale.

OOo4Kids comprende una identica suite di programmi da ufficio composta da 4 moduli: WRITER un elaboratore di testi, IMPRESS per le presentazioni, CALC un foglio di calcolo, e DRAW per i disegni.

Il video qui sotto fa una presentazione completa di OOo4Kids e ne spiega le funzioni, é disponibile anche in una versione documento PDF :

Oltre che in Italiano OOo4Kids é disponibile in altre 12 lingue ed é scaricabile gratuitamente per molti sistemi operativi: Windows, Windows Portable per chiavi USB, Mac e GNU/Linux.

Sono disponibili tutta una serie di Guide e Tutorial in Italiano e una sezione FAQ (Risposte veloci a domande comuni).

Una caratteristica interessante é quella di poter settare tre "Livelli utente" in termini di interfaccia e funzioni abilitate tra Principiante (tra 7 e 9 anni), Medio (tra 10 e 11 anni) e Esperto (da 11 anni o di più), in questo modo le Toolbar, i Menu e l’Editor di formule mostrano solo le opzioni adattate al livello selezionato.

Trovi altri post Taggati "Programmi" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).


Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Collegati gratis a internet da un free-hotspot Wifi
Recupera gli archivi danneggiati dal disco rigido
Usa due o piú computer con un solo mouse e tastiera
Usa il VoIP anche con il tuo cellulare o smartphone
Impara il Portoghese Brasiliano ascoltando i Podcast

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

11.04.12

  da Alex   , 821 parole  
Categorie: Strumenti, Foto, Risorse

Ripristinare al 100% le Schede di Memoria Fotografiche

Ripristinare al 100% le Schede di Memoria Fotografiche

Aggiornamento post 31.08.09

Se provi a chiedere ai tuoi amici esperti fotografi quale sia il miglior metodo per ripristinare al 100% una Scheda di Memoria Fotografica dopo aver trasferito sul PC le foto contenute, ti accorgerai che ciascuno sostiene una procedura differente.

"Basta eliminare le foto che non desideri", no "devi fare una formattazione nella fotocamera", no é ancora meglio "effettuare una formattazione a basso livello" se la tua fotocamera lo permette.

Per i meno esperti questi consigli contrastanti creano solo molta confusione, cosa significa esattamente "formattazione a basso livello" e perché è migliore ? Che cosa succede se mi limito semplicemente a cancellare le foto, o a fare una formattazione semplice ?

# Concetti di base

Immagina la scheda di memoria come un libro, un vero e proprio semplice libro con solo un Indice dei contenuti e delle pagine, per esempio immagina 10 pagine di Indice (Table Of Contents - TOC) e altre 990 di contenuti, 1000 pagine in tutto.

Quando scatti una foto, la macchina fotografica scrive tutte le informazioni della foto ( tutte le informazioni provenienti dal sensore della fotocamera ) su una determinata pagina del libro, e poi trascrive contenuto e numero di pagina nell'Indice, molto semplice. La fotocamera scrive ad esempio in una pagina tutti i dati relativi a una immagine di un fiore, e poi scrive nell'Indice che la pagina 574 contiene "Fiore, ripreso il 31 Agosto, etc. "

Ora immagina di aver terminato le tue riprese e di aver già scaricato tutti i dati delle foto dalla scheda al computer, quali sono ora le possibili alternative per ripristinare al 100% la tua scheda di memoria in modo da essere pronto per una nuova serie di riprese ?

# Eliminazione delle foto

Quando elimini semplicemente le foto dalla memoria, é come se tu andassi nelle pagine dell' Indice e cancellassi la relativa voce "Fiore, ripreso il 31 Agosto, etc. " in questo modo informi la fotocamera che la pagina 574 è ora disponibile per essere sovrascritta.

L'eliminazione puó avvenire per una singola foto, o anche per tutte insieme, ma i soli dati che si cancellano sono quelli dell' indice (TOC), non le pagine effettive che contengono le foto, a pagina 574 esistono ancora tutti i dati relativi all'immagine del fiore, ma la fotocamera fa riferimento a solo ciò che è riportato nell'indice, quindi per quanto ne sa, non c'è nulla a pagina 574 e può quindi riutilizzarla per memorizzare i dati di una nuova foto.

# Formattazione di base o di alto livello

Fino a qualche anno fa questo era l'unico tipo di formattazione disponibile sulle fotocamere, un metodo veloce per eliminare tutto il contenuto di una scheda e ricominciare da capo, ma proprio come l'opzione di eliminazione sopra, si pulisce solo l'indice, tutti i dati con le foto restano intatti.

# Formattazione profonda o di basso livello

Solo con la Formattazione profonda o di basso livello, non solo cancellerai le pagine Indice, ma riscriverai tutti i dati presenti nella scheda con degli "zero", il risultato sarà una scheda come nuova senza riferimenti nell'indice e dei valori "zero" ovunque nelle pagine di memoria, cosi facendo non c'è piú alcun modo di scoprire o recuperare le foto contenute precedentemente.

# Che cosa significa in pratica tutto quanto esposto sopra ?

Significa che se desideri recuperare il massimo spazio di memoria e avere la carta veramente pulita, devi utilizzare una formattazione a basso livello, se la tua macchina fotografica é in grado di eseguirla.



In caso contrario, devi essere consapevole che la fotocamera starà costantemente riscrivendo a pagine che contengono ancora i dati precedenti, e se decidi di cancellare solo alcune foto e poi iniziare a fotografare di nuovo, é come dire alla fotocamera che é consentito utilizzare ad esempio le pagine 423, 375 e 838.

La fotocamera potrebbe quindi utilizzare tutta la pagina 423 e poi anche una parte della 375, questa è la definizione classica di frammentazione e può rallentare le prestazioni di scrittura/lettura dati nel tempo ( anche se in forma minore con le memorie a stato solido rispetto ai dischi rigidi ). L'immagine successiva verrà poi salvata in parte ancora nella pagina 375, e per la parte restante nella 838, e così via.

Il metodo di eliminazione Formattazione di base o di alto livello ha peró un vantaggio, è annullabile utilizzando un programma adatto al recupero delle foto, in grado cercare e riscrivere le informazioni distrutte dell'indice, per sapere come funziona leggi il post precedente Recupera le foto perse da schede di memoria danneggiate.

Sempre riguardo le Schede di Memoria leggi anche i due post precedenti:

Consigli e Trucchi per utilizzare le Schede di Memoria

10 Trucchi per far durare a lungo le Schede di Memoria

Trovi altri post Taggati "Fotografia" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Ricerca e consulta gratis i nuovi brevetti online
Cambia la tua voce per giocare e scherzare online
Crea, edita e remixa facilmente i tuoi video online
Migliora le tue foto con la scuola di fotografia digitale
Come scegliere e prenotare i migliori posti in aereo

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

1 ... 103 104 105 ...106 ... 108 ...110 ...111 112 113 ... 324