05.07.14

  20:25:00, da Alex   , 4063 parole  
Categorie: Video, Ricerca

TED - Naomi Oreskes: Perché dovremmo fidarci degli Scienziati

TED - Naomi Oreskes: Perché dovremmo fidarci degli Scienziati

TED - Naomi Oreskes: Perché dovremmo fidarci degli Scienziati

Molti dei più grandi problemi del mondo necessitano di una spiegazione scientifica, ma perché dovremmo credere a quello che ci dicono gli Scienziati ?

Naomi Oreskes, storica della scienza e professore associato alla Harvard University, in questa interessante video-presentazione tenuta al TED 2014 , fa una riflessione profonda sulla nostra relazione con il credere alla scienza, e analizza tre problemi dell'atteggiamento comune nei confronti della ricerca scientifica, illustrando il suo ragionamento sul perché dovremmo fidarci della scienza.

TED - Naomi Oreskes: Perché dovremmo fidarci degli Scienziati
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo :
Ogni giorno ci confrontiamo con problemi come il mutamento climatico o la sicurezza dei vaccini e dobbiamo rispondere a domande le cui risposte si basano fortemente su informazioni scientifiche. Gli scienziati ci dicono che il mondo si sta riscaldando. Gli scienziati ci dicono che i vaccini sono sicuri. Ma come facciamo a sapere se hanno ragione? Perché dovremmo credere alla scienza? Il punto è che molti di noi in realtà non credono alla scienza. I sondaggi sull'opinione pubblica mostrano continuamente che una porzione significativa di Americani non crede che il clima si stia riscaldando a causa dell'uomo, non crede che ci sia un'evoluzione sulla base della selezione naturale e non è convinta della sicurezza dei vaccini.
0:51
Quindi, perché dovremmo credere alla scienza? Gli scienziati non ne fanno una questione di crederci. Loro infatti contrappongono la scienza alla fede e direbbero che il credere rientra nel campo della fede. E la fede è una cosa distinta e separata dalla scienza. Direbbero invero che la religione è basata sulla fede o forse sul calcolo della scommessa di Pascal. Blaise Pascal era un matematico del diciassettesimo secolo che cercò di applicare il ragionamento scientifico al dilemma sul credere o non credere in Dio. La sua scommessa era la seguente: Se Dio non esiste ma io decido di credere che esista in realtà non perderei molto. Forse qualche ora la domenica. (Risate) Ma se invece lui esiste ed io non ci credo allora mi troverei in un bel guaio. E quindi Pascal diceva che faremmo meglio a credere in Dio. O, come diceva uno dei miei professori all'università, "Si aggrappò alla ringhiera della fede". Fece un atto di fede lasciandosi indietro la scienza ed il razionalismo.
1:53
E il punto è proprio che per molti di noi la maggior parte degli assunti scientifici è un atto di fede. Non possiamo quasi mai giudicare gli assunti scientifici da soli. Ed in effetti questo è vero anche per gli scienziati fuori dall'ambito delle loro specializzazioni. Se ci pensate, un geologo non può dirvi se un vaccino sia sicuro oppure no. La maggior parte dei chimici non è esperto di teoria evolutiva. Un fisico non può dirvi, nonostante le pretese di qualcuno di loro, se il tabacco provochi il cancro o meno. Quindi anche gli stessi scienziati devono fare un atto di fede fuori dai loro ambiti. E quindi perché accettano le affermazioni degli altri scienziati? Perché credono gli uni agli assunti degli altri? E dovremmo crederci anche noi?
2:38
Quello che voglio dimostrare è che sì, dovremmo. Ma non per le ragioni a cui molti di noi pensano. A scuola ci hanno insegnato che il motivo per cui dovremmo credere nella scienza è il metodo scientifico. Ci hanno insegnato che gli scienziati seguono un metodo e che questo metodo garantisce la verità di ciò che dicono. Il metodo che ci hanno insegnato a scuola, noi lo chiamiamo il metodo da manuale, è il metodo ipotetico-deduttivo. Secondo il modello standard, il modello dei libri, gli scienziati sviluppano ipotesi, deducono le conseguenze di quelle ipotesi e poi si rivolgono al mondo e dicono: "Ok, sono vere queste conseguenze? Possiamo osservarle realizzarsi davvero nel mondo naturale?" E se le conseguenze sono vere allora gli scienziati dicono, "Fantastico, sappiamo che l'ipotesi è corretta".
3:26
Ci sono molti esempi famosi nella storia di scienziati che hanno fatto esattamente così. Uno degli esempi più famosi viene dal lavoro di Albert Einstein. Quando Einstein sviluppò la teoria della relatività generale una delle conseguenze della sua teoria era che lo spazio-tempo non era solo un vuoto ma aveva una struttura e quella struttura si piegava in presenza di oggetti enormi come il sole. Quindi se quella teoria fosse stata vera avrebbe significato che la luce, superando il sole, avrebbe dovuto ripiegarsi intorno ad esso. Era un'ipotesi sconvolgente e ci vollero degli anni prima che gli scienziati fossero in grado di testarla. Ma lo fecero nel 1919 ed ecco che diventò vera. La luce stellare si piega davvero quando viaggia intorno al sole. E questa è stata un'enorme conferma della teoria. È stata considerata la prova della veridicità di questa nuova idea radicale ed è stata riportata in molti giornali di tutto il mondo.
4:20
A volte ci si riferisce a questa teoria o a questo modello col nome di "modello nomologico-deduttivo", principalmente perché agli accademici piace fare le cose complicate. Ma anche perché, nel caso ideale, è un modello che riguarda le leggi. Quindi "nomologico" è qualcosa che ha a che fare con le leggi. E nel caso ideale l'ipotesi non è solamente un'idea: idealmente, è una legge della natura. Cosa significa che è una legge della natura? Significa che se è una legge, non può essere infranta. Se è una legge allora sarà sempre vera, in qualunque tempo e luogo, a prescindere dalle circostanze. E tutti voi conoscerete almeno un esempio di legge famosa: la famosa equazione di Einstein, E=MC2, che ci dice quale relazione esiste tra energia e massa e che quella relazione è vera a prescindere da tutto.
5:08
Tuttavia si scopre che ci sono diversi problemi con questo modello. Il problema principale è che è sbagliato. Semplicemente non è vero. (Risate) Vi dirò i tre motivi per cui questo modello è sbagliato. Il primo è un motivo logico. È il problema della fallacia dell'affermazione del conseguente. Che è un altro modo estroso degli accademici per dire che teorie false possono produrre previsioni vere. Quindi solo perché una previsione si avvera, secondo la logica ciò non implica che la teoria sia corretta. Ho un buon esempio anche di questo, tratto sempre dalla storia della scienza. Questa è un'immagine dell'universo tolemaico, con la Terra al centro dell'universo e il sole e i pianeti che le girano intorno. Il modello Tolemaico è stato preso per buono per molti secoli da persone molto intelligenti. Perché? La risposta è: perché faceva un sacco di previsioni che si sono avverate. Il sistema tolemaico ha consentito agli astronomi di fare previsioni accurate sul movimento dei pianeti. Previsioni addirittura più accurate di quelle venute con la teoria copernicana, che noi adesso riteniamo vera. Questo è il primo problema con il modello da manuale. Un secondo problema è di natura pratica, ed è il problema delle ipotesi ausiliarie. Le ipotesi ausiliarie sono delle ipotesi che gli scienziati fanno consapevoli o meno del fatto che le stiano facendo. Un esempio importante viene dal modello copernicano, che ha sostituito il modello tolemaico. Quando Niccolò Copernico disse che in realtà non era la Terra il centro dell'universo, ma che il sole stava al centro del sistema solare e che la Terra si muoveva intorno al sole, gli scienziati dissero: "Ok, Niccolò, se questo è vero dovremmo essere in grado di notare il movimento della Terra intorno al Sole". Questa slide illustra un concetto conosciuto come "parallasse stellare". Gli astronomi dissero: se la Terra si muove e guardiamo una stella fondamentale, diciamo per esempio Sirio -- lo so, sono a Manhattan e voi ragazzi non potete vedere le stelle, ma immaginate di essere in campagna, immaginate di aver scelto la vita rurale -- se guardiamo una stella a dicembre, vediamo quella stella sullo sfondo delle stelle lontane. Se ripetiamo la stessa osservazione sei mesi dopo, a Giugno, quando la Terra ha cambiato la sua posizione, guardando la stessa stella la vedremo con uno sfondo diverso. Quella differenza angolare, è la parallasse stellare. Quindi questa era la previsione che fa il modello Copernicano. Gli astronomi cercarono la parallasse stellare e non trovarono niente, niente di niente. Molti sostennero che questa fosse la prova della falsità del modello Copernicano.
7:43
Cos'era successo? Col senno di poi, possiamo dire che gli astronomi stavano facendo due ipotesi ausiliarie, ognuna delle quali possiamo ritenere oggi non corretta. La prima era un assunto sulla grandezza dell'orbita terrestre. Gli astronomi stavano assumendo che l'orbita terrestre fosse ampia in relazione alla distanza dalle stelle. Oggi rappresenteremmo l'immagine così, questa è un'immagine della NASA e vedete come l'orbita terrestre sia in realtà piuttosto piccola. E in realtà è ancora più piccola di quanto mostrato qui. La parallasse stellare quindi è molto piccola e molto difficile da individuare.
8:16
E questo ci porta al secondo motivo per cui la previsione non funzionò. Gli scienziati assumevano anche che i telescopi di cui erano in possesso fossero abbastanza sensibili da individuare la parallasse. E questo si rivelò non essere vero. Solo nel diciannovesimo secolo gli scienziati sono stati in grado di individuare la parallasse stellare.
8:34
C'è anche un terzo problema. Il terzo problema è semplicemente un problema effettivo: la scienza non sempre si adatta al modello da manuale. Molta scienza non è affatto deduttiva. È induttiva. E con questo intendo che gli scienziati non devono necessariamente iniziare da teorie ed ipotesi. Spesso iniziano dall'osservazione di quello che succede nel mondo. Il più celebre esempio è quello del più famoso scienziato mai vissuto, Charles Darwin. Quando Darwin da ragazzo partì con l'HMS Beagle, non aveva un'ipotesi né una teoria. Sapeva soltanto che voleva fare carriera come scienziato e cominciò a raccogliere dei dati. Sapeva di odiare la medicina, perché la vista del sangue lo faceva sentire male e aveva dovuto scegliere un altro percorso. Quindi cominciò a raccogliere dati. Raccolse anche molte altre cose, inclusi i suoi famosi fringuelli. Quando raccoglieva questi fringuelli li buttava in un sacco senza avere idea di cosa significassero. Molti anni dopo, una volta tornato a Londra, Darwin riguardò i suoi dati e cominciò a sviluppare una spiegazione. Quella spiegazione era la teoria della selezione naturale.
9:40
Oltre alla scienza induttiva, gli scienziati spesso partecipano anche alla costruzione di modelli. Una delle cose che gli scienziati vogliono fare nella vita è spiegare le cause delle cose. E come facciamo a farlo? Un modo è quello di costruire un modello che sperimenti un'idea.
9:55
Questa è una foto di Henry Cadell, un geologo scozzese del diciannovesimo secolo. Potete dire che è scozzese perché indossa un cappello da cacciatore di cervi e degli stivali Wellington. (Risate) Cadell voleva rispondere alla domanda su come si formano le montagne ed una delle cose che osservò fu che se si osservano montagne come gli Appalachi, vi si trovano spesso delle rocce che sono ripiegate e sono ripiegate in un modo particolare, che gli suggerì che le pietre fossero compresse ai lati. Quest'idea più tardi giocherà un ruolo importantissimo nella discussione sulla deriva dei continenti. Quindi costruì questo modello, questo aggeggio assurdo con leve, pezzi di legno, questa è la sua carriola secchi e un martello da fabbro. Non so perché indossasse degli stivali Wellington. Forse stava per piovere. Lui creò questo modello fisico per dimostrare che si possono creare in effetti delle forme con delle rocce o, almeno in questo caso, con del fango, che somigliavano molto a delle montagne se si comprimono ai lati. Questa fu una discussione sull'origine delle montagne.
10:55
Al giorno d'oggi gli scienziati preferiscono lavorare al chiuso, quindi non costruiscono molti modelli fisici, fanno delle simulazioni al computer. Ma una simulazione al computer è una sorta di modello. È un modello fatto con la matematica e, come i modelli fisici del diciannovesimo secolo, è molto importante per riflettere sulle cause delle cose. Una delle grandi questioni ha a che fare con il mutamento climatico. Abbiamo una quantità impressionante di prove che la Terra si stia surriscaldando. In questa slide, la linea nera mostra le misurazioni che gli scienziati hanno effettuato negli ultimi 150 anni. Dimostra che la temperatura della Terra è aumentata costantemente. Si può notare che negli ultimi 50 anni c'è stato un incremento drammatico di circa un grado centigrado o quasi due gradi Fahrenheit.
11:40
Cos'è che determina questo cambiamento? Come facciamo a sapere cosa sta causando il surriscaldamento che è stato rilevato? Beh, gli scienziati possono crearne un modello, usando una simulazione virtuale. Questo diagramma illustra una simulazione virtuale che ha osservato tutti i diversi fattori che sappiamo possono influenzare il clima sulla Terra. Particelle di solfato dall'inquinamento dell'aria, polvere vulcanica dalle eruzioni, cambiamenti nella radiazione solare e, ovviamente, i gas serra. Si sono posti la domanda: quale insieme di variabili messe in un modello riprodurrà quello che osserviamo nella vita vera? Ecco, in nero, la vita vera. E in grigio chiaro la simulazione. La risposta è: un modello che include -- sarebbe la risposta E di un test -- tutte le opzioni precedenti. L'unico modo in cui si possano riprodurre le misurazioni della temperatura è con tutti questi elementi messi insieme, inclusi i gas serra. In particolare, potete vedere che l'incremento dei gas serra segna questo aumento marcato della temperatura in questi ultimi 50 anni. Questo è il motivo per cui i climatologi dicono che non solo sappiamo che il mutamento climatico sta avvenendo ma sappiamo anche che i gas serra sono una parte fondamentale del motivo.
12:55
Proprio perché ci sono tutte queste cose che fanno gli scienziati, il filosofo Paul Feyerabend ha detto la famosa frase: "L'unico principio nella scienza che non inibisce il progresso è: qualsiasi cosa può andar bene". Questa citazione è stata spesso ripresa fuori contesto, perché in realtà Feyerabend non stava dicendo che nella scienza tutto può andare bene. Quello che stava dicendo era -- in realtà la citazione per intero è "Se mi costringete a dire quale sia il metodo della scienza, io dovrei dire: qualsiasi cosa può andar bene." Quello che stava cercando di dire è che gli scienziati fanno un sacco di cose. Gli scienziati sono creativi.
13:32
Ma questo rimanda alla domanda: se gli scienziati non usano un solo metodo, come fanno a decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato? E chi giudica? La risposta è: gli scienziati giudicano e giudicano giudicando le prove. Gli scienziati raccolgono prove in molti modi diversi, ma in qualunque modo lo facciano, devono sottoporle ad un esame minuzioso. Questo ci collega al sociologo Robert Merton, per focalizzarci su questa questione di come gli scienziati esaminino i dati in loro possesso e le prove. Disse che lo fanno in una maniera che ha chiamato "scetticismo organizzato". Intendeva dire che è "organizzato" perché gli scienziati operano collettivamente, come gruppo, e "scetticismo" perché agiscono da una posizione di diffidenza. Vale a dire, l'onere della prova è a carico di chi effettua la scoperta. In questo senso la scienza è intrinsecamente conservativa. È piuttosto difficile convincere la comunità scientifica a dire "Sì, conosciamo questa cosa ed è vera". Quindi, nonostante la popolarità del concetto del cambiamento del paradigma, quello che riteniamo è che in realtà i cambiamenti veramente grandi nel pensiero scientifico sono relativamente rari nella storia della scienza.
14:41
E questo ci porta ancora ad un'altra idea: se gli scienziati giudicano le prove collettivamente, questo ha portato gli storici a concentrarsi sulla questione del consenso. Alla fine dei giochi, ciò che è la scienza, ciò che è la conoscenza scientifica, non è altro che il consenso degli esperti scientifici che, attraverso questo processo di minuziosa analisi organizzata, un'analisi collettiva, hanno giudicato le prove e sono arrivati ad una conclusione, positiva o negativa.
15:12
Quindi possiamo pensare alla conoscenza scientifica come ad un'opinione generale che gli esperti hanno. Possiamo pensare alla scienza anche come ad una specie di giuria, una giuria molto speciale. Non è una giuria di persone come voi. È una giuria di geek. Una giuria di uomini e donne con titoli di dottorato. E, a differenza di una giuria normale, che ha solamente due scelte: colpevole o non colpevole, la giuria scientifica ha un gran numero di scelte. Gli scienziati possono dire: sì, questa cosa è vera. Possono dire: no, è falsa. O possono anche dire: beh, questa cosa potrebbe essere vera ma abbiamo bisogno di lavorarci di più e raccogliere più prove. O ancora: potrebbe essere vera ma non sappiamo come rispondere alla domanda e per adesso la mettiamo da parte, magari ci ritorneremo più avanti. Questo è quello che gli scienziati definiscono "non trattabile".
16:02
E ci porta all'ultimo problema: Se la scienza è quello che dicono gli scienziati, allora non è altro che un ricorso all'autorità? E non ci hanno forse insegnato a scuola che il ricorso all'autorità è una fallacia logica? Ecco il paradosso della scienza moderna, il paradosso della conclusione a cui credo storici, filosofi e sociologi siano arrivati: la scienza è davvero un appello all'autorità, ma non è l'autorità di un singolo individuo, non importa quanto sia intelligente quell'individuo, che sia Platone, Socrate oppure Einstein. È l'autorità della comunità collettiva. Potete pensarci in termini di una saggezza della folla, ma è una folla molto particolare. La scienza fa appello all'autorità, ma non è basata su un individuo, non importa quanto intelligente possa essere quell'individuo. È basata sulla saggezza collettiva, sulla conoscenza collettiva, sul lavoro di tutti gli scienziati che hanno lavorato su una specifica questione. Gli scienziati hanno una sorta di cultura della diffidenza collettiva, la cultura del "dimostramelo", illustrata da questa simpatica signora che illustra ai suoi colleghi la sua dimostrazione. Certo, queste persone non sembrano dei veri scienziati perché sono troppo felici. (Risate)
17:20
Ok, questo mi porta al punto conclusivo. La maggior parte di noi si alza al mattino. La maggior parte di noi si fida delle proprie automobili. Beh, adesso sto pensando che sono a Manhattan, non è un buon esempio. Ma la maggior parte degli Americani che non vive a Manhattan si alza al mattino e sale in macchina. Attiva l'accensione e la loro automobile funziona e funziona incredibilmente bene. L'automobile moderna difficilmente si rompe.
17:43
Perché? Perché le nostre macchine funzionano così bene? Non è per il genio di Henry Ford o di Karl Benz e neanche di Elon Musk. È perché l'automobile moderna è il prodotto di più di 100 anni di lavoro di centinaia, migliaia e decine di migliaia di persone. L'automobile moderna è il prodotto di un lavoro condiviso e della saggezza e dell'esperienza di ogni uomo e di ogni donna che abbia mai lavorato su una macchina. E l'affidabilità della tecnologia è il risultato di quello sforzo complessivo. Non beneficiamo solamente del genio di Benz, di Ford e di Musk, ma dell'intelligenza collettiva e del duro lavoro di tutte le persone che hanno lavorato sull'automobile moderna. E lo stesso vale per la scienza, solo che la scienza è ancora più vecchia. La nostra base per la fiducia nella scienza è la stessa base della fiducia nella tecnologia, e la stessa base della fiducia in qualunque cosa. E cioè l'esperienza.
18:43
Ma non dev'essere una fede cieca. Non dovremmo avere una fiducia cieca in nessuna cosa. La nostra fede nella scienza, come la scienza stessa, dovrebbe essere basata sulle prove, il che significa che gli scienziati devono diventare dei comunicatori migliori. Non devono semplicemente spiegarci quello che conoscono, ma devono dirci come lo conoscono. E questo significa che noi dobbiamo diventare degli ascoltatori migliori.
19:04
Grazie mille.
19:06
(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

75° William Noel e il codice perduto di Archimede

76° P. Diamandis: L'abbondanza è il nostro futuro

77° M.Banzi: Arduino Immaginazione Open-source

78° M.Little: Test per il Parkinson con 1 Telefonata

79° Peter Norvig: La classe di 100 000 studenti

80° J.Enriquez: I nostri figli di una specie diversa ?

81° D.Koller: Imparare dall'Istruzione Web Online

82° S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

83° Andrew Blum: Cos'è veramente Internet ?

84° Carl Schoonover: Come guardare nel Cervello

85° Maurizio Seracini: La vita segreta dei dipinti

86° Killingsworth: Essere felice ? Stai nel presente

87° Schwartzberg: Natura, Bellezza e Gratitudine

88° E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti !

89° A.Cuddy: Il linguaggio corporeo mostra chi sei

90° Amy Tan: La Creatività e il Processo Creativo

91° C.Shirky: Come Internet trasformerà il governo

92° E.Jorgensen: Il BioHacking puoi farlo anche tu

93° Michael Dickinson: Come Vola una Mosca

94° Elon Musk: La mente dietro Tesla e SpaceX

95° C. Mota: Giocare con i Materiali Intelligenti

96° D.Hillis: Internet puó bloccarsi, serve Piano B

97° Sergey Brin: Perché creare i Google Glass ?

98° Todd Humphreys: Come ingannare un GPS

99° P.Singer: " Altruismo Efficace " come e perché

100° Rodney Brooks: Perché ci affideremo ai Robot

101° D.Wolpert: La vera ragion d'essere del cervello

102° Kelly McGonigal: Come farsi amico lo Stress

103° Russell Foster: Perché Dormiamo ?

104° McCallum: Aiuti Tecnologici per Non Vedenti

105° R.D'Andrea: Potenza Atletica dei Quadricotteri

106° G.Giudice: L'Universo é sul filo di un rasoio ?

107° Hypponen: La NSA ha tradito la Fiducia di tutti

108° Rose George: I segreti del Trasporto Marittimo

109° M.Annunziata: La nuova era dell'Internet Industriale

110° S.Herculano: Cos'ha di speciale il cervello umano ?

111° Diana Nyad: Non mollare, non mollare mai !

112° Guy Hoffman: Perché i Robot avranno "un'anima"

113° Intervista a Larry Page: Dove sta andando Google ?

114° Edward Snowden: Come ci riprenderemo Internet

115° C.Bracy: Gli Hacker buoni sono bravi cittadini

116° D.Epstein: Gli atleti sono più veloci, più bravi e più forti ?

117° A.Bastawrous: Visite Oculistiche fatte con lo Smartphone

118° H.Herr: La nuova Bionica per Correre, Scalare e Ballare

119° Naomi Oreskes: Perché dovremmo fidarci degli Scienziati


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

03.07.14

  00:15:00, da Alex   , 230 parole  
Categorie: Servizi, Audio, Risorse, Musica

TINDECK: Condividi gratis online Musica, Audio e Podcast MP3

TINDECK: Condividi gratis online Musica, Audio e Podcast MP3

Hai una Musica, una Canzone, una Registrazione audio o un Podcast radio che vorresti rapidamente condividere online con i tuoi amici e i tuoi contatti sui social media ma non sai come fare ?

Con Tindeck puoi farlo gratis in pochi secondi dopo aver registrato un tuo account.

Tindeck é un ottimo servizio di upload MP3 gratuito che ti consente di condividere la tua musica e audio originali con persone di tutto il mondo, con oltre 120 mila utenti registrati, é uno dei migliori MP3 hosting gratuiti utilizzato da musicisti, podcaster, e tutti quelli che necessitano di condividere online audio MP3.

Dopo esserti registrato, puoi subito iniziare a caricare i tuoi audio MP3 e condividerli in molti modi o anche incorporare un Player con la traccia audio direttamente nel tuo Blog o sito web come vedi nei 3 esempi ( link 1 2 3 ) qui sotto :




Sempre riguardo Audio e Musica, leggi anche il post precedente Soma FM - Ottima Musica di sottofondo per lavorare al PC.

TINDECK: Condividi gratis online Musica, Audio e Podcast MP3

Trovi altri post Taggati "Audio" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
[¯|¯] Ebook: " Dalla Terra alla Luna " di Jules Verne
Schede di memoria SD: Guida e Criteri per la miglior scelta
Metronomo online per i tuoi esercizi musicali
TED Talks - Killingsworth: Essere felice ? Stai nel presente
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

01.07.14

  19:37:00, da Alex   , 243 parole  
Categorie: Programmi, Strumenti, Sicurezza

Rimuovere Malware e Rootkit con Spybot Search & Destroy

Rimuovere Malware e Rootkit con Spybot Search & Destroy

Con la nuova versione 2.4 Free Edition appena rilasciata, Spybot - Search & Destroy si conferma uno dei migliori programmi gratuiti disponibili in rete in grado di effettuare scansioni automatiche per rimuovere Malware e Rootkit dal sistema, e anche proteggere meglio il proprio PC immunizzando il browser e il file Hosts, gli utenti più esperti possono anche controllare diverse posizioni di esecuzione automatica utilizzando gli "Strumenti d’avvio".

Spybot - Search & Destroy può effettuare la scansione di file singoli o specifiche cartelle e, diversamente da altri software, non ha importanza se il file si trova su dischi locali o sulla rete condivisa, é inoltre fornito di una sua "lista bianca" come ausilio per decidere se un file è legittimo o meno.

Rimuovere Malware e Rootkit con Spybot Search & Destroy

Utilizzare Spybot - Search & Destroy non é difficile ma, avendo molti strumenti e opzioni, richiede un po di pratica, per questo é disponibile una ottima "Guida ai primi passi" in italiano, dove puoi trovare tutti i chiarimenti per la prima installazione e esecuzione, guarda anche questa video-introduzione che descrive brevemente le caratteristiche principali del programma :

Trovi altri post Taggati "Sicurezza" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).
Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Quiz e giochi di astuzia per allenare la mente
Censura Internet : come funziona e come puoi aggirarla
Programma e automatizza le attività ripetitive del tuo PC
Leggi gratis e-book " 55 modi per divertirti con Google "
Proteggi la tua connessione WiFi da accessi abusivi

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

29.06.14

  18:42:00, da Alex   , 270 parole  
Categorie: Servizi, Strumenti, Sport

Bicitalia: 18 mila km di Piste Ciclabili + 50 Itinerari Regionali

Bicitalia: 18 mila km di Piste Ciclabili + 50 Itinerari Regionali

Se possiedi una bicicletta da strada o una MTB e ami pedalare, sai bene che il vero pericolo costante di tutti i cilisti sono gli "automobilisti", ecco perché la ricerca di piste ciclabili e percorsi cicloturistici poco trafficati, o ancor meglio senza autovetture, é molto importante per poter godere appieno e in sicurezza i nostri giri in bici.

Proprio per venire incontro a questa crescente domanda di Itinerari e Piste ciclabili é nato Bicitalia, un bel portale che riunisce e traccia una grande mappa aggiornata di tutta la rete di ciclovie nazionali che ad oggi raggiunge i 18 mila km di strade ciclabili, di cui 10 mila già mappate, 18 itinerari e 50 ciclovie di qualità.

Bicitalia: 18 mila km di Piste Ciclabili + 50 Itinerari Regionali

I 18 itinerari di qualità sono prevalentemente su pista ciclabile con ottime caratteristiche del paesaggio, sicurezza e servizi offerti, sono percorsi particolarmente adatti a escursioni anche di una sola giornata.

Tra i servizi collaterali é molto interssante Albergabici, un motore di ricerca in tre lingue – italiano, inglese, tedesco specificamente concepito per il mondo del cicloturismo che ti permette di scegliere tra oltre 2000 strutture ricettive italiane comprendenti hotel, bed & breakfast, campeggi, agriturismi, rifugi montani etc., che offrono un’accoglienza dedicata ai turisti sulle due ruote.

Bicitalia: 18 mila km di Piste Ciclabili + 50 Itinerari Regionali

Trovi altri post Taggati "Bicicletta" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Disegna un oggetto sul PC e ricevilo a casa fabbricato
Come monitorare gratis 24x7 lo stato del tuo sito Web
Leggere le password nascoste dietro gli * * * * * asterischi
Motori di ricerca e comparazione prezzi per acquisti online
MP3 con le piu belle storie e fiabe narrate per bambini

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

27.06.14

  20:17:00, da Alex   , 357 parole  
Categorie: Programmi, Strumenti, Video, Foto

Foto, Video e Documenti: Come recuperarli se Persi o Danneggiati

Foto, Video e Documenti: Come recuperarli se Persi o Danneggiati

Prima o poi capita a tutti di fare delle belle foto e poi perderle durante il salvataggio o il trasferimnmeto da una scheda di memoria, o cancallare inavvertitamente una cartella contenente documenti e file importanti, e ovviamente scoprirlo solo dopo aver pulito il cestino.

Di solito ci si rassegna al fatto di aver perso le foto o i documenti, ma c'é una soluzione facile a portata di "click", si chiama PhotoRec, uno dei migliori ( se non il migliore ) programma gratuito di recupero dati progettato esclusivamente per recuperare oltre 100 tipologie di file persi o danneggiati, inclusi video, documenti e archivi vari, da Hard Disk, CD Rom, chiavi USB e supporti rimovibili vari.

Il nome PhotoRec deriva dall'inglese "Photo Recovery" ed indica il fatto che è molto efficace nel recupero di fotografie dalla memoria di macchine fotografiche digitali, perché PhotoRec ignora il formato di formattazione del supporto e va alla caccia diretta dei dati registrati, funziona anche nel caso di supporti gravemente danneggiati o riformattati.

Semplicissimo da utilizzare, PhotoRec si installa su tutti i sistemi operativi e riesce a operare anche quando il File system della scheda di memoria é danneggiato, dato che ricerca direttamente i file-header di tutti i formati di archivi foto, oltre che moltissimi altri tipi di archivi compresi anche quelli creati da Microsoft Office, guarda una video-guida in italiano :

PhotoRec non tenta di riscrivere sulla memoria danneggiata ma riscrive gli archivi recuperati nella stessa cartella dove é installato il programma.

Il programma é scaricabile qui insieme a TestDisk un altro ottimo programma abbinato per dischi rigidi.

Questo Esempio di recupero ti guida passo dopo passo per recuperare file cancellati o dati persi dovuti a una partizione formattata o a un filesystem corrotto.

Trovi altri post Taggati "Foto" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Ricerca e consulta gratis i nuovi brevetti online
Cambia la tua voce per giocare e scherzare online
Crea, edita e remixa facilmente i tuoi video online
Migliora le tue foto con la scuola di fotografia digitale
Come scegliere e prenotare i migliori posti in aereo

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

<< 1 ... 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 ... 319 >>