« Si dice o non si dice ? Guida sull'uso della lingua italianaJohann Sebastian Bach: Gratis tutte le opere per Organo »

TED Talks - E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti !

01.01.13

  17:24:27, da Alex   , 2652 parole  
Categorie: Servizi, Video, Risorse

TED Talks - E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti !

TED Talks - E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti e ascoltate !

TED Talks - E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti e ascoltate !

Quando molti volontari sentono di un problema che possono risolvere, si mettono al lavoro. Secondo Ernesto Sirolli, una autorità nel campo dello sviluppo economico sostenibile e fondatore dell'Istituto Sirolli, è un comportamento da ingenui.

In questa appassionata e coinvolgente video-presentazione tenuta al recente TEDxEQChCh 2012, Ernesto Sirolli suggerisce che il primo passo è quello di ascoltare le persone che si cerca di aiutare per accendere il loro spirito imprenditoriale, i suoi consigli su ciò che veramente funziona, possono aiutare qualsiasi imprenditore.

TED Talks - E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti e ascoltate !
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo
Tutto quello che faccio e tutto quello che faccio a livello professionale -- la mia vita -- è stata segnata da sette anni di lavoro da giovane in Africa. Dal 1971 al 1977 -- sembro giovane, ma non lo sono -- (Risate) ho lavorato in Zambia, Kenya, Costa d'Avorio, Algeria, Somalia, in progetti di collaborazione tecnica con paesi africani.

to per una ONG italiana, e ogni singolo progetto creato in Africa è fallito. Sono rimasto sconvolto. A 21 anni, pensavo che noi Italiani fossimo brave persone e che stessimo facendo un buon lavoro in Africa. Invece, tutto ciò che toccavamo lo distruggevamo.

Il nostro primo progetto, quello che ha ispirato il mio libro, "Ripercussioni dallo Zambesi", era un progetto in cui noi Italiani abbiamo deciso di insegnare agli Zambiani come coltivare cibo. Siamo arrivati là con semi italiani nel sud dello Zambia in questa valle assolutamente magnifica che scendeva lungo il fiume Zambesi e abbiamo insegnato ai locali come coltivare pomodori italiani, zucchini e... E ovviamente i locali non avevano alcune interesse nel farlo, così li pagavamo per venire a lavorare, e qualche volta si presentavano. (Risate) Ed eravamo sbalorditi dal fatto che i locali, in una valle così fertile, non avevano nessun tipo di agricoltura. Ma invece di chiedere loro perché non coltivavano niente, abbiamo detto semplicemente, "Grazie a Dio siamo qui." (Risate) "Giusto in tempo per salvare lo Zambia dalla fame."

E ovviamente, tutto in Africa cresceva meravigliosamente. Avevamo questi magnifici pomodori. In Italia, un pomodoro diventa di questa dimensione, in Zambia, di questa dimensione. Non riuscivamo a crederci e dicevamo agli Zambiani, "Guardate com'è facile l'agricoltura." Quando i pomodori divennero belli, maturi e rossi, in una notte, 200 ippopotami vennero fuori dal fiume e mangiarono tutto. (Risate)

Dicemmo agli Zambiani, "Mio Dio, gli ippopotami!"

E gli Zambiani risposero, "Per questo non abbiamo agricoltura qui." (Risate)

"Percé non ce l'avete detto?" "Non avete mai chiesto."

Ho pensato che fossimo solo noi Italiani imbranati in Africa, ma poi ho visto quello che facevano gli Americani, quello che facevano gli Inglesi, quello che facevano i Francesi, e dopo aver visto quello che facevano loro, fui abbastanza fiero del nostro progetto in Zambia. Perché, vedete, almeno noi nutrivamo gli ippopotami.

Dovreste vedere i rifiuti -- (Applausi) -- Dovreste vedere i rifiuti che abbiamo lasciato agli ignari Africani. Se volete leggere il libro, leggete "Dead Aid" di Dambisa Moyo, un'economista zambiana. Il libro è stato pubblicato nel 2009. Noi paesi donatori occidentali abbiamo dato al continente africano 2 trilioni di dollari americani negli ultimi 50 anni. Non vi dirò i danni che questi soldi hanno causato. Andatevi a leggere il libro. Leggete da una donna africana, i danni che abbiamo provocato.

Noi Occidentali siamo imperialisti, colonialisti, missionari e abbiamo solo due modi di trattare con le persone: O li patrociniamo, o siamo paternalistici. Entrambe le parole vengono dalla radice latina "pater", che significa "padre". Ma hanno due significati diversi. Paternalista: tratto una persona di una cultura diversa come se fosse un bambino. "Ti amo così tanto." Patrocinare: tratto chiunque sia di un'altra cultura come se fosse mio servo. Ecco perché i bianchi in Africa vengono chiamati "bwana", capi.

Leggere il libro "Piccolo è bello", scritto da Schumacher, è stato uno schiaffo. Diceva, prima di tutto nello sviluppo economico, se la gente non vuole essere aiutata, lasciatela in pace. Questo dovrebbe essere il primo principio degli aiuti. Il primo principio dell'aiuto è il rispetto. Questa mattina, il gentiluomo che ha introdotto questa conferenza ha fissato dei paletti e ha detto, "Possiamo immaginare una città che non sia neo-coloniale?"

All'età di 27 anni decisi solo di rispondere alle persone ed inventai un sistema chiamato Enterprise Facilitation, in cui non si inizia niente, non si motiva mai nessuno, ma si diventa servitori della passione locale, servitori dei locali che sognano di diventare persone migliori. Si fa un'unica cosa -- si sta zitti. Si arriva in una comunità senza nessuna idea, ci si siede con gli abitanti locali. Non lavoriamo dagli uffici. Ci si incontra nei bar. Ci si incontra al pub. Non abbiamo nessuna infrastruttura. E quello che facciamo è diventare amici, per scoprire cosa quella persona voglia fare.

La cosa più importante è la passione. Possiamo dare a qualcuno un'idea. Se quella persona non vuole farlo, cosa si fa? La passione di quella persona per la propria crescita è la cosa più importante. La passione che quell'uomo ha per la propria crescita personale è la cosa più importante. E poi li aiutiamo a trovare le conoscenze, perché nessuno al mondo può riuscire da solo. La persona con l'idea potrebbe non avere le conoscenze, ma la conoscenza è disponibile.

Quindi diversi anni fa ho avuto questa idea: Perché, per una volta, invece di arrivare in una comunità a dire alle gente cosa fare, perché per una volta, non ascoltiamo? Ma non in incontri con la comunità.

Vi svelerò un segreto. Gli incontri con le comunità hanno un problema. Gli imprenditori non vengono mai, e non vi dicono mai, in un incontro pubblico, cosa vogliono fare con i loro soldi, quali opportunità hanno identificato. Quindi la pianificazione ha questo lato scuro. Le persone più intelligenti della comunità non vengono identificate perché non vengono agli incontri pubblici.

Quello che facciamo è lavorare con le singole persone, e per lavorare con i singoli si deve creare un'infrastruttura sociale che non esiste. Si deve creare una nuova professione. La professione è quella del medico di famiglia dell'impresa, il medico di famiglia delle attività, che siede accanto a voi in casa vostra, nella vostra cucina, in un bar e aiuta a trovare le risorse per trasformare la vostra passione in un modo per guadagnarvi da vivere.

Ho provato come esperimento a Esperance, nell'Australia occidentale. All'epoca stavo facendo un dottorato, cercavo di sfuggire da questa stupidaggine del paternalista in cui arriviamo e vi diciamo cosa va fatto. Quello che ho fatto a Esperance quel primo anno è stato semplicemente percorrere le strade, ed in tre giorni ho trovato il mio primo cliente e ho aiutato questa prima persona che affumicava pesce nel suo garage, era un Maori, l'ho aiutato a venderlo al ristorante a Perth, ad organizzarsi. Poi i pescatori sono venuti da me e hanno detto, "Tu, ragazzo che hai aiutato i Maori? Puoi aiutarci?" Ho aiutato questi cinque pescatori a collaborare e a portare questo bellissimo tonno non al conservificio di Albany per 60 centesimi al chilo, ma abbiamo trovato il modo di portarlo in Giappone per il sushi a 15 dollari al chilo e gli agricoltori sono venuti da me e hanno detto, "Hey, hai aiutato loro. Puoi aiutare noi?" In un anno ho avviato 27 progetti ed il governo è venuto da me, "Come ci riesce? Come si può --?" E ho detto, "Faccio una cosa molto, molto difficile. Sto zitto e ascolto loro." (Risate)

Quindi -- (Applausi) -- Allora il governo ci dice, "Lo faccia di nuovo." (Risate) Lo abbiamo fatto in 300 comunità in tutto il mondo. Abbiamo aiutato ad avviare 40 000 attività. C'è una nuova generazione di imprenditori che sta morendo di solitudine.

Peter Drucker, uno dei più grandi consulenti manageriali della storia, è morto all'età di 96 anni, qualche anno fa. Peter Drucker era professore di filosofia prima di essere coinvolto in attività imprenditoriali e Peter Drucker dice: "La pianificazione è imcompatibile con una società e un'economia imprenditoriale." Pianificare è il bacio della morte dell'impreditoria.

Ora ricostruite Christchurch senza sapere cosa le persone più intelligenti di Christchurch vogliono fare con i loro soldi e la loro energia. Dovete imparare come spingere queste persone a venire a parlare a voi. Dovete offrire loro confidenzialità, la privacy, dovete essere fantastici nell'aiutarli, e loro verranno da voi e verranno a frotte. In una comunità di 10 000 persone, riceviamo 200 clienti. Vi immaginate una comunità di 400 000 persone, l'intelligenza e la passione? Quale presentazione avete più applaudito stamattina? Persone locali, appassionate. Sono loro che avete applaudito.

Quello che voglio dire è che si tratta di spirito imprenditoriale. Siamo alla fine della prima rivoluzione industriale -- combustibili fossili non rinnovabili, industria manifatturiere -- ed improvvisamente abbiamo sistemi che non sono sostenibili. Il motore a combustione interna non è sostenibile. L'uso dei Freon per mantenere le cose non è sostenibile. Quello che dobbiamo guardare è come alimentiamo, curiamo, educhiamo, trasportiamo, comunichiamo per 7 miliardi di persone in maniera sostenibile. Le tecnologie per farlo non esistono. Chi inventerà la tecnologia per la rivoluzione verde? Le università? Scordatevelo! I governi? Scordatevelo! Saranno gli imprenditori, e lo stanno facendo già adesso.

C'è una storia splendida che ho letto in una rivista futurista tanti, tanti anni fa. Un gruppo di esperti fu invitato a discutere del futuro della città di New York nel 1860. E nel 1860, questo gruppo di persone si riunì, e ipotizzò cosa sarebbe successo alla città di New York nei 100 anni successivi e la conclusione fu unanime: La città di New York non sarebbe esistita 100 anni dopo. Perché? Perché analizzarono la curva e dissero, se la popolazione continua a crescere a questo ritmo, per spostare la popolazione di New York sarebbero stati necessari 6 milioni di cavalli, e il letame creato da 6 milioni di cavalli sarebbe stato impossibile da gestire. Stavano già annegando nel letame. (Risate) Quindi nel 1860, vedono questa tecnologia sporca che soffocherà la vita di New York.

Allora cosa succede? Nel giro di 40 anni, nel 1900 negli Stati Uniti d'America, c'erano 1001 aziende produttrici di automobili -- 1001. L'idea di trovare una tecnologia diversa aveva preso il sopravvento, e c'erano piccolissime fabbriche in zone isolate. Dearborn, MIchigan. Henry Ford.

Tuttavia, esiste un segreto nel lavorare con gli imprenditori. Primo, bisogna offrire loro la confidenzialità. Altrimenti non vengono a parlarvi. Poi bisogna offrire loro un servizio completamente dedicato, travolgente. Poi bisogna dire loro la verità sull'imprenditoria. L'azienda più piccola, l'azienda più grande, devono essere capaci di fare tre cose perfettamente: Il prodotto che volete vendere deve essere fantastico, dovete avere un marketing fantastico, e dovete avere una gestione finanziaria eccezionale. Indovinate un po'? Non abbiamo mai incontrato un singolo essere umano al mondo che possa: produrre, vendere e gestire i soldi. Non esiste. Questa persona deve ancora nascere. Abbiamo fatto ricerche, e abbiamo analizzato le 100 aziende più rappresentative del mondo -- Carnegie, Westinghouse, Edison, Ford, tutte le nuove aziende, Google, Yahoo. C'è una sola cosa che hanno in comune tutte le aziende di successo, solo una: Nessuna è stata avviata da una sola persona. Insegniamo l'imprenditoria ai ragazzi di 16 anni a Northumberland e iniziamo il corso dando loro le prime due pagine dell'autobiografia di Richard Branson, e il compito dei sedicenni è sottolineare nelle prime due pagine dell'autobiografia di Richard Branson quante volte Richard usa la parola "io" e quante volte usa la parola "noi". Non c'è mai la parola "io" e la parola "noi" c'è 32 volte. Non era solo quando ha iniziato. Nessuno avvia un'azienda da solo. Nessuno. Possiamo creare una comunità dove abbiamo agevolatori che vengono da un background di piccole attività seduti al bar, con amici devoti che faranno per voi, quello che qualcun'altro ha fatto per questa persona che parla di questa storia epica, qualcuno che vi dirà, "Di cosa hai bisogno? Cosa puoi fare? Ce la fai? Ok, riesci a venderlo? Riesci a gestire il denaro?" "Oh, no, questo non lo riesco a fare." "Vuoi che trovi qualcun'altro che lo faccia?" Attiviamo comunità. Abbiamo gruppi di volontari che sostengono l'Agevolatore Imprenditoriale per aiutare a trovare risorse e persone e abbiamo scoperto che il miracolo dell'intelligenza delle persone locali è tale che si può cambiare la cultura e l'economia di questa comunità solo cogliendo la passione, l'energia e l'immaginazione delle proprie persone.

Grazie. (Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

75° William Noel e il codice perduto di Archimede

76° P. Diamandis: L'abbondanza è il nostro futuro

77° M.Banzi: Arduino Immaginazione Open-source

78° M.Little: Test per il Parkinson con 1 Telefonata

79° Peter Norvig: La classe di 100 000 studenti

80° J.Enriquez: I nostri figli di una specie diversa ?

81° D.Koller: Imparare dall'Istruzione Web Online

82° S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

83° Andrew Blum: Cos'è veramente Internet ?

84° Carl Schoonover: Come guardare nel Cervello

85° Maurizio Seracini: La vita segreta dei dipinti

86° Killingsworth: Essere felice ? Stai nel presente

87° Schwartzberg: Natura, Bellezza e Gratitudine

88° E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti !


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Android App: Controllare gli Additivi alimentari nei Cibi
Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi [ # 58 ]
Come puoi verificare il livello di Sicurezza delle Password
Android App: Localizza / Mappa dati Antenne reti GSM / 3G
NeuroEtica & NeuroScienze: Video Corso Penn University

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)