« Google Zeitgeist 2011 - Le ricerche In Italia e nel MondoInvestigazioni Digitali: Come scoprire Informazioni e Prove »

TED Talks - Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

01.01.12

  14:41:13, da Alex   , 1849 parole  
Categorie: Video, Risorse, Ricerca

TED Talks - Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

TED Talks - Britta Riley: Un orto nel mio appartamento

TED Talks - Britta Riley: Un orto nel mio appartamento

In questa interessante video-presentazione tenuta al recente Manhattan TED, Britta Riley racconta che si era messa in testa di voler coltivare il proprio orticello nel suo mini appartamento a New York.

Insieme ad amici ha sviluppato un sistema per far crescere le piante in bottiglie di plastica usate.

Dopo aver fatto ricerca, varie prove e modifiche, anche grazie ai social media, Britta e i suoi amici hanno sperimentato diverse varianti, arrivando infine alla soluzione ottimale, che hanno chiamato DIY ( Do It Yourself, ovvero "fai da te" ) con ottimi risultati.

Queste nuove tecniche di coltivazione sono anche chiamate "Window Farms" che tradotto letteralmente starebbe per "Aziende agricole da finestra", e infatti un poco lo sono trattandosi di giardini da finestra verticali, modulari, a basso consumo energetico e ad alto rendimento.

Costruite utilizzando materiali locali a basso impatto energetico o riciclati, sono in grado di far crescere piante anche commestibili, leggi tutto in dettaglio nel post precedente Come coltivare Piante Idroponiche alle finestre di casa.

Riguardo le coltivazioni Idroponiche visita anche l'interessante Blog Idroponica l'orto evoluto.

TED Talks - Britta Riley: Un orto nel mio appartamento
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo :
Io, come molti di voi, faccio parte di quei due miliardi di persone sulla terra che vive nelle città. E a volte ci sono giorni - non so se capita anche a voi - in cui sento palesemente quanto io dipenda da altre persone in quasi tutti gli aspetti della mia vita. E alcuni giorni lo trovo anche un po' terrificante. Ma oggi sono qui per parlarvi di come questa stessa interdipendenza sia in realtà una struttura sociale estremamente potente che in effetti possiamo sfruttare per contribuire a risolvere alcune delle nostre più profonde problematiche civili se solo utilizziamo una collaborazione open-source.

i anni fa, lessi sul New York Times un articolo di Michael Pollan in cui sosteneva che coltivare anche solo un po' del proprio cibo è una delle azioni migliori che possiamo fare per l'ambiente. Al momento in cui leggevo l'articolo, eravamo in pieno inverno e di certo non avrei saputo dove mettere della terra nel mio appartamento a New York. Quindi stavo già per rassegnarmi e limitarmi a leggere il nuovo numero di Wired per scoprire come gli esperti sarebbero riusciti a risolvere al nostro posto tutti questi problemi in futuro. Ma in effetti era proprio questa la questione affrontata da Michael Pollan nel suo articolo - che è proprio quando si delega la responsabilità di tutte queste cose agli specialisti che causiamo tutti i problemi che vediamo nel sistema alimentare.

Si dà il caso che grazie al mio lavoro io sappia come la NASA utilizza metodi idroponici per studiare come coltivare cibo nello spazio. Ed effettivamente si può ottenere il massimo rendimento nutrizionale facendo colare una specie di terriccio liquido di alta qualità sull'apparato radicale delle piante. Ora, per coltivare delle piantine il mio appartamento è probabilmente un ambiente tanto ostile quanto lo spazio. Ma io posso fornire un po' di luce naturale e clima controllato tutto l'anno.

Facciamo un passo avanti di due anni: ora abbiamo delle coltivazioni a finestra che sono supporti verticali idroponici per coltivare cibo in appartamento. Funziona grazie ad una pompa nella parte inferiore che periodicamente spinge verso l'alto parte della soluzione nutritiva, che poi gocciola attraverso l'apparato radicale delle piante le quali sono sospese in granuli di argilla - quindi non rimane terra. La luce e la temperatura variano in base al microclima di ogni finestra, quindi, una coltivazione idroponica necessita di un agricoltore che decida che tipo di raccolto vuole nella sua coltivazione a finestra, e se lo vorrà biologico o meno.

Al tempo, una coltivazione a finestra non era altro che un'idea tecnicamente complessa che avrebbe richiesto molte prove e test. Ed io volevo davvero che fosse un progetto aperto, perché quello dell'idroponica è uno dei settori in cui i brevetti si stanno moltiplicando negli Stati Uniti al momento e potrebbe diventare un'altra area come Monsanto, dove c'è molta proprietà intellettuale d'impresa che impedisce alle persone di accedere al cibo. Così ho deciso che, invece di creare un prodotto, quello che avrei fatto era aprire questo progetto a un intero gruppo di co-sviluppatori.

I primi sistemi che abbiamo creato in qualche modo funzionavano. Infatti siamo riusciti a coltivare un'insalata alla settimana nella finestra di un tipico appartamento di New York. E siamo riusciti a coltivare pomodori ciliegini, cetrioli e ogni sorta di prodotti. Tuttavia, i primi sistemi erano rumorosi, consumavano molta energia e perdevano da ogni parte, cose che Martha Stewart non avrebbe assolutamente approvato. (Risate) Quindi, per attirare più co-sviluppatori, abbiamo creato un sito di social network su cui pubblicavamo i disegni, spiegavamo come funzionavano e sottolineavamo persino tutto ciò che funzionava male in questi sistemi. E poi abbiamo invitato gente di tutto il mondo a costruirli e sperimentare con noi. Ad oggi, su questo sito contiamo 18000 persone. E abbiamo coltivazioni idroponiche in tutto il mondo.

Quello che stiamo facendo è quello che la NASA o una grande multinazionale chiamerebbe R&D, ovvero ricerca e sviluppo. Ma noi lo chiamiamo la R&D-I-Y, ovvero ricerca e sviluppo fai da te. In questo modo, ad esempio, Jackson ci ha suggerito di utilizzare pompe ad aria al posto di pompe ad acqua. Abbiamo dovuto costruire moltissimi sistemi prima di trovare quello giusto, ma una volta trovato, siamo stati in grado di ridurre della metà le nostre impronte di carbonio. Tony di Chicago sta portando avanti colture sperimentali come molti altri agricoltori in finestra ed è riuscito a far maturare le sue fragole per nove mesi all'anno in condizioni di scarsa luminosità, semplicemente modificando i nutrienti biologici. E in Finlandia gli agricoltori in finestra hanno personalizzato le loro coltivazioni idroponiche per i giorni bui degli inverni finlandesi, dotandole di lampade a LED che ora hanno messo in open source all'interno del progetto.

Così le coltivazioni idroponiche si sono evolute versione dopo versione, un po' come un software. E in ogni progetto open source, il vero vantaggio è l'interazione tra le preoccupazioni specifiche di coloro che personalizzano i propri sistemi in base ai loro bisogni particolari e alle esigenze di tutti. In questo modo io e il mio team possiamo concentrarci sui miglioramenti che davvero vanno a vantaggio di tutti. E possiamo concentrarci sui bisogni dei nuovi arrivati??.

Quindi, per gli amanti del fai da te, mettiamo a disposizione un manuale gratuito ben rodato in modo che chiunque nel mondo possa costruire gratuitamente uno di questi sistemi. Per questi sistemi c'è anche un brevetto in corso di approvazione depositato dalla comunità. E per finanziare il progetto, troviamo partner per creare prodotti che poi vendiamo alle scuole e ai privati che non hanno tempo per costruire i propri sistemi.

E ora all'interno della nostra comunità è nata una certa cultura. Nella nostra cultura, è meglio essere colui che effettua i test e che sostiene l'idea di un'altra persona, piuttosto che essere solo colui che ha avuto quell'idea. Quello che otteniamo da questo progetto è il sostegno per il nostro lavoro, oltre all'esperienza di contribuire efficacemente alla tutela dell'ambiente in un modo che non sia solo cambiare nuove lampadine. Ma penso che Eileen abbia espresso al meglio ciò che realmente otteniamo da questo progetto, ovvero la gioia autentica della collaborazione. Lei qui esprime cosa significa vedere qualcuno dall'altra parte del mondo prendere la tua idea, svilupparla e poi riconoscere il tuo contributo. Se davvero vogliamo vedere un cambiamento nel comportamento dei consumatori, di cui tutti parliamo, e di cui parlano gli ambientalisti e coloro che si occupano di alimentazione, forse dovremmo solo sbarazzarci del termine "consumatore" e sostenere le persone che stanno facendo qualcosa.

I progetti open source tendono ad avere uno slancio proprio. E quello che stiamo vedendo è che la R&D-I-Y è andata oltre le semplici coltivazioni a finestra e le lampade a LED per passare ai pannelli solari e all'idroponica. Stiamo costruendo sulle innovazioni delle generazioni che ci hanno preceduto. E stiamo guardando alle generazioni future che hanno davvero bisogno di noi per rinnovare le nostre vite, ora. Quindi vi chiediamo di unirvi a noi nella riscoperta del valore dell'unione dei cittadini, e nel dichiarare che siamo ancora tutti pionieri.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)