10.02.17

  da Alex   , 416 parole  
Categorie: Servizi, Strumenti, Risorse

Google Maps: Servizio Notifica Nuove Immagini Satellitari

Google Maps: Servizio notifica nuove Immagini Satellitari

Google Maps: Servizio notifica nuove Immagini Satellitari

Aggiornamento post 03.03.12

Se utilizzi già Google Maps per le tue ricerche geografiche e i tuoi itinerari stradali, sai bene che si tratta del miglior strumento cartografico gratuito disponibile online, e molto probabilmente anche tra quelli con i dati cartografici satellitari piú aggiornati.

Le immagini satellitari di Google Maps vengono continuamente aggiornate a rotazione con frequenza variabile ed é impossibile per i non addetti ai lavori conoscere quando per una determinata area goografica sono disponibili nuove immagini satellitari aggiornate.

Pochi sanno però che esiste un ottimo servizio gratuito denominato Follow Your World che ti permette gratuitamente di sapere quando sono disponibili nuove immagini in Google Maps e Google Earth di una o piú specifiche aree geografiche dovunque sulla terra.

Google Maps: Servizio notifica nuove Immagini Satellitari



Niente di complicato, tutto quello che devi fare per monitorare le zone di tuo interesse è semplicemente aprire nel tuo browser la pagina di Follow Your World, e eseguire i seguenti 4 semplici passaggi :

Passaggio 1 - Cerca la località desiderata o la zona inserendo il nome di un Paese, una Regione, una Città o un Indirizzo specifico, puoi anche inserire le coordinate esatte di latitudine e longitudine della località, poi fai clic sul pulsante "Cerca" per avviare la ricerca.

Passaggio 2 - Trascina la mappa per centrare i mirino sul punto esatto che desideri contrassegnare, poi fai clic sul pulsante "Seleziona punto" per generare automaticamente le coordinate di latitudine e latitudine corrette.

Passaggio 3 - Inserisci una località o modificane il nome di riferimento per tenerne traccia nella dashboard, poi fai clic sul pulsante "Invia" quando tutte le informazioni sono corrette.

Passaggio 4 - Riceverai un'email di conferma per ciascuna località che hai registrato nella tua Dashboard.

A partire da questo momento, ogni volta che verranno aggiornate le immagini satellitari di una delle tue aree di interesse, verrai informato automaticamente via e-mail come puoi vedere nell'esempio sotto :

Google Maps: Servizio notifica nuove Immagini Satellitari

Nella Dashboard di Follow Your World puoi tenere traccia dei tuoi luoghi di interesse e gestire le impostazioni delle tue iscrizioni email, trovi altre informazioni nelle FAQ.

Se i programmi di mappe e cartografia in generale sono di tuo interesse, leggi anche Come usare Google Earth senza Connessione Internet.

Trovi altri post Taggati "Mappe" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Esplora anche gli Oceani con il nuovo Google Earth 5.0
Come stampare grandi Poster da semplici Foto e Disegni
Simulatore di Volo Parapendio con Google Earth Plugin
Impara le Tecniche su come aggirare la Censura Internet
Cercare e Trovare facilmente Informazioni sulle Persone

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

05.02.17

  da Alex   , 734 parole  
Categorie: Servizi, Risorse, Libri

[¯|¯] Ebook: La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene

[¯|¯] Ebook: La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene

" La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene " di Pellegrino Artusi
( clicca per scaricare in .PDF 886p. 2.25MB )

Autore: Pellegrino Artusi
Lingua: Italiano
Pagine: 886
Download: Formato PDF, EPUB, Kindle (altro link alternativo)
Fonte: WIKISOURCE via FeedBooks
Copyright: Pubblico dominio

" La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene " è da sempre il manuale di riferimento di qualsiasi cuoco, una vera "bibbia" della cucina italiana scritto dallo scrittore e gastronomo romagnolo Pellegrino Artusi.

Scritto con sapienza ed ironia, tradotto in tutto il mondo, rappresenta un capolavoro della cucina italiana e del servire a tavola.

Artusi pagò di tasca propria la pubblicazione del libro, non avendo trovato nessun editore disposto a finanziarlo. L'opera fu pubblicata nel 1891 presso la tipografia "L'Arte della Stampa", di Salvadore Landi, inizialmente, anche le difficoltà di distribuzione furono enormi: chi voleva acquistare l'opera doveva scrivere direttamente all'autore e farsene spedire una copia per posta, oppure rivolgersi all'editore Landi.

Le 790 ricette piú varie appendici che trovi nel manuale, sono state raccolte da Artusi durante i suoi viaggi in Italia, ed in gran parte sono ricette di carattere casalingo, descritte talora con piccoli commenti personali e preventivamente provate dai suoi due cuochi.

Particolarmente interessante la divisione degli argomenti, per ordine di portata : Brodi, Gelatine e Sughi, Minestre, Minestre in brodo, Minestre asciutte e di magro, Principi, Salse, Uova, Paste e Pastelle, Ripieni, Fritti, Lesso, Tramessi, Umidi, Rifreddi, Erbaggi e Legumi, Piatti di pesce, Arrosti, Pasticceria, Torte e dolci al cucchiaio, Siroppi, Conserve, Liquori, Gelati e Cose diverse.

... La cucina è una bricconcella; spesso e volentieri fa disperare, ma dà anche piacere, perché quelle volte che riuscite o che avete superata una difficoltà, provate compiacimento e cantate vittoria.

Diffidate dei libri che trattano di quest’arte: Sono la maggior parte fallaci o incomprensibili, specialmente quelli italiani; meno peggio i francesi: al più al più, tanto dagli uni che dagli altri potrete attingere qualche nozione utile quando l’arte la conoscete.

Se non si ha la pretesa di diventare un cuoco di baldacchino non credo sia necessario per riuscire, di nascere con una cazzaruola in capo basta la
passione, molta attenzione e l’avvezzarsi precisi: poi scegliete sempre per materia prima roba della più fine, che questa vi farà figurare.

Il miglior maestro è la pratica sotto un esercente capace; ma anche senza di esso, con una scorta simile a questa mia, mettendovi con molto impegno al lavoro, potrete, io spero, annaspar qualche cosa.

Vinto dalle insistenze di molti miei conoscenti e di signore, che mi onorano della loro amicizia, mi decisi finalmente di pubblicare il presente volume, la cui materia, già preparata da lungo tempo, serviva per solo
mio uso e consumo.

Ve l’offro dunque da semplice dilettante qual sono, sicuro di non ingannarvi, avendo provati e riprovati più volte questi piatti da me medesimo; se poi voi non vi riuscirete alla prima, non vi sgomentate; buona volontà ed insistenza vuol essere, e vi garantisco che giungerete a farli bene e potrete anche migliorarli, imperocché io non presumo di aver toccato l’apice della perfezione.



Sempre riguardo gli [¯|¯] Ebook, leggi anche tutti i post precedenti :

Corso di Compostaggio Domestico in Città

Una sfida al Polo - Emilio Salgari

La Scienza in cucina e l'Arte di mangiar bene

Telescopi Spaziali Hubble & Webb [ NASA ]

La Scotennatrice - Far West #2 - Emilio Salgari

Jolanda, la figlia del Corsaro Nero - E. Salgari

Manuale segreto NSA - Strategie Ricerca Web

Peter Pan nei giardini di Kensington - J. Barrie

ALTAI - Wu Ming ( collettivo di scrittori )

Leggende delle Alpi - Maria Savi Lopez

Sulle frontiere del Far West - Emilio Salgari

30 Years Space Shuttle Program + App iPad

" Il Giglio Rosso " - Anatole France

Il Giornalista Hacker - Giovanni Ziccardi

Malombra - Antonio Fogazzaro

Attraverso l'Atlantico in pallone - E. Salgari

"Windows 8 For Dummies" Free DELL Pocket

" La Terra come Arte " + App iPad [ NASA ]

Aforismi, novelle, profezie - Leonardo da Vinci

" Amore e Ginnastica " di Edmondo De Amicis

" Dalla Terra alla Luna " di Jules Verne

Sostenibilita Globale, Umanita e Ambiente

Manuale di Buonsenso in Rete - edizione 2012

Manuale Autodifesa Facebook + Twitter 2012

Ventimila leghe sotto i mari " ( Jules Verne )

" L'amore di Loredana " ( Luciano Zùccoli )

Trovi altri post Taggati "Ebook" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Singolarità Tecnologica: Nuove Intelligenze Super Umane
Android App: Controllare gli Additivi alimentari nei Cibi
NeuroEtica & NeuroScienze: Video Corso Penn University
Museo Rijks Amsterdam: 125K Capolavori Olandesi Online
TED Talks - Carl Schoonover: Come guardare nel Cervello

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

30.01.17

  da Alex   , 311 parole  
Categorie: Video, Foto, Risorse

77 Icone di Bellezza Femminile nella Storia del Cinema

77 Icone di Bellezza Femminile nella Storia del Cinema

Aggiornamento post 30.03.09

Dopo 500 anni di Bellezza Femminile in 90 Ritratti di Donne, ecco un altro bellissimo video sempre realizzato da Philip Scott Johnson, dove in meno di tre minuti, si susseguono in una continua mutazione morfologica i volti in bianco e nero di 77 attrici che hanno rappresentato la bellezza femminile nella storia del cinema :

La musica di sottofondo é il Preludio della Suite per violoncello solo BWV 1007 di Bach, mentre i 77 volti delle attrici che si susseguono nel filmato, sono in sequenza :

Mary Pickford, Lillian Gish, Gloria Swanson, Marlene Dietrich, Norma Shearer, Ruth Chatterton, Jean Harlow, Katharine Hepburn, Carole Lombard, Bette Davis, Greta Garbo, Barbara Stanwyck, Vivien Leigh, Greer Garson, Hedy Lamarr, Rita Hayworth, Gene Tierney, Olivia de Havilland, Ingrid Bergman, Joan Crawford, Ginger Rogers, Loretta Young, Deborah Kerr, Judy Garland, Anne Baxter, Lauren Bacall, Susan Hayward, Ava Gardner, Marilyn Monroe, Grace Kelly, Lana Turner, Elizabeth Taylor, Kim Novak, Audrey Hepburn, Dorothy Dandridge, Shirley MacLaine, Natalie Wood, Rita Moreno, Janet Leigh, Brigitte Bardot, Sophia Loren, Ann Margret, Julie Andrews, Raquel Welch, Tuesday Weld, Jane Fonda, Julie Christie, Faye Dunaway, Catherine Deneuve, Jacqueline Bisset, Candice Bergen, Isabella Rossellini, Diane Keaton, Goldie Hawn, Meryl Streep, Susan Sarandon, Jessica Lange, Michelle Pfeiffer, Sigourney Weaver, Kathleen Turner, Holly Hunter, Jodie Foster, Angela Bassett, Demi Moore, Sharon Stone, Meg Ryan, Julia Roberts, Salma Hayek, Sandra Bullock, Julianne Moore, Diane Lane, Nicole Kidman, Catherine Zeta-Jones, Angelina Jolie, Charlize Theron, Reese Witherspoon, Halle Berry

Trovi altri post Taggati "Cinema" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).


Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Cerca e ascolta Web-Radio AM / FM con sintonia manuale
Aumenta il segnale radio WiFi del tuo router a costo zero
Come leggere le pagine di siti lenti o non raggiungibili
Come puoi ascoltare PANDORA Web Radio anche in Italia
Rimuovi facilmente qualsiasi programma dal tuo PC

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

25.01.17

  da Alex   , 2601 parole  
Categorie: Servizi, Video, Ricerca

TED Talks - Stefano Mancuso: L'Intelligenza delle Piante

TED Talks - Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

TED Talks - Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

Aggiornamento post 17.10.10

In questa interessantissima video-presentazione ( assolutamente da vedere ) tenuta al TED, lo studioso e ricercatore italiano di Botanica e Neurobiologia Stefano Mancuso ci spiega come le piante si comportano in maniera curiosamente intelligente.

Dal suo laboratorio LINV vicino a Firenze, Mancuso e il suo team studia come le piante comunicano, o "segnalano" tra di loro, utilizzando un complesso sistema di analisi dati per trovare sostanze nutritive, diffondere le loro specie e anche difendersi dai predatori.

Le ricerche mirano a modificare la nostra considerazione delle piante, dagli organismi piú semplici alle complesse strutture ecologiche e comunità in grado di raccogliere, elaborare e, cosa più incredibile, condividere informazioni importanti, potendo affermare con prove inconfutabili che le piante possiedono una forma propria di intelligenza.

TED Talks - Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante
( con sottotitoli in Italiano)

Trascrizione integrale del testo
A volte sfoglio le pagine di una vecchia rivista, dove ho trovato un 'aguzzate la vista' che riguarda la storia dell'Arca. E l'artista che ha disegnato queste illustrazioni ha introdotto alcuni errori, delle inesattezze. Ci sono all'incirca 12 errori. Alcuni sono facili da trovare. Ci sono un imbuto, parte di un'antenna, una lampada e una chiave da orologio sull'arca. Alcuni errori riguardano il numero degli animali. Ma c'è un errore fondamentale nel contesto generale della storia dell'Arca che qui non è riportato. Il problema è: dove sono le piante? Abbiamo Dio, che sta per sommergere la Terra in modo definitivo, o almeno per un lungo periodo, e nessuno si interessa delle piante. Noè si è dovuto prendere cura di ogni tipo di uccello, di ogni tipo di animale, di ogni creatura che si muove, ma non si fa alcuna menzione delle piante. Perché? In un'altra parte della stessa storia, tutte le creature viventi sono solo le creature viventi che sono uscite dall'Arca, quindi uccelli, bestiame, e animali bianchi. Le piante non sono creature viventi. E' questo il punto. Questo è un punto che non proviene dalla Bibbia, ma è qualcosa che da sempre accompagna l'umanità.

o questo bellissimo codice che proviene da un testo rinascimentale. Vi troviamo la descrizione dell'ordine della natura. E' una bella descrizione perché comincia da sinistra - ci sono le pietre - subito dopo le pietre, le piante che sono solo in grado di vivere. Ci sono gli animali, che vivono e sono dotati di sensi, e, in cima alla piramide, c'è l'uomo. Questo non è l'uomo comune. E' l'Homo Studiosus - l'uomo che studia. Confortante, per uno come me, un professore, ritrovarsi in cima alla piramide della creazione. Ma è del tutto sbagliato. Voi conoscete bene i professori. Ma è sbagliato anche nei confronti delle piante, perché le piante non sopravvivono semplicemente; le piante sono dotate di sensi. Possiedono una capacità percettiva molto più sofisticata degli animali. Solo per farvi un esempio, ogni singolo apice di una radice è in grado di percepire e monitorare simultaneamente e continuamente almeno 15 differenti parametri chimici e fisici. E riescono a mostrare e rivelare un comportamento talmente bello e complesso che possiamo solo definire 'intelligente'. Bene, ma è qualcosa - questo sottovalutare le piante, è qualcosa che è innato in noi.

Guardiamo questo breve filmato con David Attenborough. David Attenborough è un grande amante delle piante. Ha prodotto alcuni dei più bei filmati sul comportamento delle piante. Ora, quando parla delle piante, tutto ciò che dice è corretto. Quando parla degli animali, tende a rimuovere il fatto che le piante esistono. La balenottera azzurra, la più grande creatura vivente del pianeta. Questo è errato, completamente sbagliato. La balenottera azzurra è microscopica se paragonata alla vera più grande creatura vivente che esiste sul nostro pianeta, vale a dire, questo splendido spettacolare Sequoiadendron giganteum. (Applausi) E questo è un organismo vivente con una massa di almeno 2000 tonnellate. Ora, la storia che le piante siano organismi di basso livello fu formalizzata secoli fa da Aristotele che, nel De Anima - un testo davvero determinante per la civiltà occidentale - scrisse che le piante si trovano sul confine tra il vivere e il non vivere. Possiedono solo un'anima di basso livello, detta anima vegetativa, in quanto sono prive di movimento e quindi non hanno bisogno dei sensi. Vediamo.

Bene. Alcuni dei movimenti delle piante sono molto noti Questo è un movimento molto rapido. Si tratta della Dionea, la Venere Carnivora, che cattura una lumaca. Peccato per la lumaca. Ed è una cosa che è stata rifiutata per secoli nonostante l'evidenza. Non si poteva dire che le piante erano in grado di mangiare un animale, perché ciò andava contro l'ordine naturale. Ma le piante sono anche in grado di mostrare molti movimenti. Alcuni sono ben noti, come lo sbocciare dei fiori. si tratta solo di usare alcune tecniche come la velocizzazione dei fotogrammi. Alcuni movimenti sono molto più sofisticati. Osservate questo giovane fagiolo che ogni volta si muove per incamerare la luce. Ed è davvero aggraziato. Sembra la danza di un angelo. Sanno anche giocare. Stanno realmente giocando. Questi sono giovani girasole, e ciò che stanno facendo non si può descrivere in altro modo se non come 'gioco'. Si stanno preparando, come fanno molti cuccioli di animale, alla vita adulta, dove dovranno seguire il sole per tutto il giorno. Sono in grado di reagire alla gravità, ovviamente, quindi i germogli crescono contro il vettore della gravità e le radici verso il vettore della gravità. Ma sono anche in grado dormire. Questa è una Mimosa Pudica. Durante la notte, loro ripiegano le foglie per ridurre il movimento e di giorno vediamo le foglie che si riaprono - abbiamo molto più movimento. E' molto interessante perché questo meccanismo del sonno è perfettamente conservato. E' il medesimo nelle piante, negli insetti e negli animali. Quindi, se si deve studiare un problema del sonno, è più facile studiarlo nelle piante, per esempio, che negli animali, ed è molto più semplice anche eticamente. E' un tipo di sperimentazione vegetariana.

Le piante sono anche in grado di comunicare. Sono comunicatrici straordinarie. Comunicano con le altre piante. Sanno distinguere i propri simili. Comunicano con le piante e con altre specie, e comunicano con gli animali producendo sostanze chimiche volatili, per esempio durante l'impollinazione. Ora, l'impollinazione è una cosa molto seria per le piante, perché trasferiscono il polline da un fiore all'altro, ma loro non possono trasferirsi da un fiore all'altro. E quindi ci vuole un vettore, e questo vettore, è comunemente un animale. Molti insetti sono utilizzati dalle piante come vettori per il trasporto del polline, ma non solo gli insetti: anche uccelli, rettili e mammiferi come i pipistrelli sono comunemente addetti al trasporto del polline. E' una questione molto seria. Abbiamo le piante che offrono, agli animali, una sostanza dolce - molto energetica - in cambio del trasporto del polline. Ma ci sono piante che manipolano gli animali, è il caso delle orchidee, che promettono sesso e nettare ma non danno nulla in cambio del trasporto del loro polline.

Ora, c'è un grosso problema alle spalle di questi comportamenti che abbiamo osservato. Come è possibile fare tutto ciò senza un cervello? Dobbiamo aspettare fino al 1880, anno in cui questo grand'uomo, Charles Darwin, pubblica un libro sorprendente, straordinario, che dà inizio a una rivoluzione. Si intitola: "Il potere del movimento nelle piante". Nessuno poteva parlare di movimento nelle piante prima di Charles Darwin. Nel suo libro, assistito dal figlio, Francis - il primo professore al mondo di fisiologia delle piante, a Cambridge - si presero in considerazione, uno ad uno, tutti i movimenti per 500 pagine. e nell'ultimo paragrafo del libro, come fosse una nota stilistica, perché normalmente Charles Darwin, nell'ultimo paragrafo del testo conservava il messaggio più importante, egli scrisse: non è un'esagerazione dire che l'apice della radichetta agisce come il cervello di uno degli animali inferiori". Questa non è una metafora. Darwin scrisse alcune lettere molto interessanti all'amico J.D. Hooker, a quel tempo Presidente della Royal Society, quindi la massima autorità scientifica in Inghilterra, e gli parlò del cervello delle piante.

Questo è l'apice di una radice che cresce contro un pendio. Questo tipo di movimento è riconoscibile, è lo stesso che i vermi, i serpenti, e tutti gli animali che si spostano sul terreno senza l'uso di zampe mettono in mostra. E non è un movimento facile, perché per ottenere questo movimento è necessario muovere diverse zone della radice e sincronizzare queste diverse zone senza essere dotati di un cervello. Quindi noi abbiamo studiato l'apice della radice e abbiamo trovato una regione specifica, che si trova qui, in blu - chiamiamola zona di transizione. E questa regione è minuscola, meno di un millimetro. E in questa piccola regione troviamo il maggior consumo di ossigeno nelle piante e, più importante, qui rileviamo questo genere di segnali. I segnali che vedete qui indicano il potenziale di azione, e sono gli stessi segnali che i neuroni del mio, del vostro cervello, utilizzano per scambiare informazioni. Ora, noi sappiamo che l'apice di una radice possiede solo poche centinaia di cellule che mostrano questa caratteristica, ma sappiamo quanto è grande l'apice della radice di una piccola pianta, per esempio la segale. Abbiamo quasi 14 milioni di radici. Abbiamo quasi 11 milioni e mezzo di apice radicale e una lunghezza complessiva di 600 e più km e una vasta area di superficie.

Ora immaginiamo che ogni singolo apice radicale lavori in collaborazione con tutti gli altri. Qui sulla sinistra abbiamo l'internet e sulla destra l'apparato radicale. Funzionano allo stesso modo. Sono una rete di piccoli elaboratori che lavorano in collaborazione. E perché sono tanto simili? Perché si sono evoluti per la medesima ragione: sopravvivere ai predatori. Funzionano nello stesso modo. Quindi possiamo rimuovere il 90% dell'apparato radicale e le piante continuano a funzionare. Possiamo rimuovere il 90% dell'internet, e continua a funzionare. Allora il mio consiglio per coloro che lavorano con la rete è: le piante sono in grado di darvi buoni consigli su come si possano evolvere i network.

Un'altra possibilità la offorno sul piano tecnologico. Immaginiamo di poter costruire dei robot, robot ispirati dalle piante. Finora, l'uomo si è ispirato solo ad altri uomini o agli animali per produrre i robot. Abbiamo l'animaloide, il comune robot ispirato agli animali, l'insettoide e così via. Abbiamo gli androidi, che si ispirano all'uomo. E perché non abbiamo nessun plantoide? Bene, se vogliamo volare, è giusto osservare gli uccelli, ispirarsi agli uccelli. Ma se vogliamo esplorare i terreni, o se vogliamo colonizzare nuovi territori, la miglior cosa è lasciarsi ispirare dalle piante, che sono i maestri in questo campo. Abbiamo un'altra possibilità. Nel nostro laboratorio stiamo lavorando sulla costruzione di ibridi. E' molto più facile creare degli ibridi. Per ibrido intendiamo qualcosa che è per metà vivo e per metà macchina. E' molto più facile lavorare con le piante che con gli animali. Hanno capacità elaborative. Mandano segnali elettrici. Il legame con una macchina è molto più semplice, e anche molto più eticamente accettabile. E queste sono tre possibilità alle quali stiamo lavorando per costruire degli ibridi derivati dalle alghe o dalle foglie e, infine, dalla parte più forte della pianta, dalle radici.

Bene, vi ringrazio per l'attenzione. E prima di concludere vorrei assicurare tutti voi che nessuna lumaca ha sofferto nella preparazione di questa presentazione. Grazie.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

75° William Noel e il codice perduto di Archimede

76° P. Diamandis: L'abbondanza è il nostro futuro

77° M.Banzi: Arduino Immaginazione Open-source

78° M.Little: Test per il Parkinson con 1 Telefonata

79° Peter Norvig: La classe di 100 000 studenti

80° J.Enriquez: I nostri figli di una specie diversa ?

81° D.Koller: Imparare dall'Istruzione Web Online

82° S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

83° Andrew Blum: Cos'è veramente Internet ?

84° Carl Schoonover: Come guardare nel Cervello

85° Maurizio Seracini: La vita segreta dei dipinti

86° Killingsworth: Essere felice ? Stai nel presente

87° Schwartzberg: Natura, Bellezza e Gratitudine

88° E.Sirolli: Volete aiutare qualcuno ? State zitti !

89° A.Cuddy: Il linguaggio corporeo mostra chi sei

90° Amy Tan: La Creatività e il Processo Creativo

91° C.Shirky: Come Internet trasformerà il governo

92° E.Jorgensen: Il BioHacking puoi farlo anche tu

93° Michael Dickinson: Come Vola una Mosca

94° Elon Musk: La mente dietro Tesla e SpaceX

95° C. Mota: Giocare con i Materiali Intelligenti

96° D.Hillis: Internet puó bloccarsi, serve Piano B

97° Sergey Brin: Perché creare i Google Glass ?

98° Todd Humphreys: Come ingannare un GPS

99° P.Singer: " Altruismo Efficace " come e perché

100° Rodney Brooks: Perché ci affideremo ai Robot

101° D.Wolpert: La vera ragion d'essere del cervello

102° Kelly McGonigal: Come farsi amico lo Stress

103° Russell Foster: Perché Dormiamo ?

104° McCallum: Aiuti Tecnologici per Non Vedenti


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

20.01.17

  da Alex   , 310 parole  
Categorie: Sicurezza, Risorse, Sport

Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate

Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate
Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate
Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate

Aggiornamento post 13.11.09 Nuovo sito Web

Vuoi imparare a fare ben 120 Nodi tecnici utilizzati in Mare, in Montagna, a Pesca, nello Scautismo, dalla Protezione Civile e in molte altre occasioni ?

Allora guarda le facili istruzioni animate passo a passo di Animated Knots.

Imparare a fare correttamente i nodi non é sempre facile anche con l'ausilio di spiegazioni dettagliate, la differenza tra altri siti e Animated Knots sono le ottime immagini animate che mostrano la corretta successione dei vari passaggi necessari per effettuare correttamente il nodo desiderato.

Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate
Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate

Tra i 120 Nodi proposti da Animated Knots guarda ad esempio le istruzioni per la Gassa ( tra i piú utilizzati in mare ), lascia caricare la pagina web e passa il mouse sopra i numeri sotto l'immagine per visualizzare la sequenza dei vari passaggi.

Qui trovi la lista completa dei 120 nodi in ordine alfabetico.

Per gli iPhone é ora disponibile la bella App che vedi qui sotto :

Come imparare a fare 120 Nodi con facili Istruzioni Animate




Attenzione : Tutti i nodi indeboliscono la corda !

Angoli, pieghe, nodi e stress sulle fibre in modo non uniforme indeboliscono la corda mediamente del 50% e in alcuna casi si puó arrivare fino all'80% !

Per sicurezza quindi, utilizza sempre la corda con carichi non superiori del 50% del suo carico di rottura nominale.

Se la corda è vecchia, usurata, o danneggiata dalla luce solare o sostanze chimiche aspettati una resistenza ancora minore, per approfondimenti sul tema leggi i risultati dei test Knot Break Strength vs Rope Break Strength.

Trovi altri post Taggati "Fai-da-te" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Disegna un oggetto sul PC e ricevilo a casa fabbricato
Come monitorare gratis 24x7 lo stato del tuo sito Web
Leggere le password nascoste dietro gli * * * * * asterischi
Motori di ricerca e comparazione prezzi per acquisti online
MP3 con le piu belle storie e fiabe narrate per bambini

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

1 3 5 6 7 8 9 10 11 ... 324