« Controllare e correggere gli Indirizzi Postali di 246 nazioniVideo Corso online Produzione Musicale - Berklee College »

TED Talks - S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

09.10.12

  16:10:58, da Alex   , 2810 parole  
Categorie: Strumenti, Ricerca, Tecnologia

TED Talks - S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

TED Talks - S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

TED Talks - S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer

La sola forza bruta dei computer non può risolvere i problemi del mondo, questo é il concetto che ci vuole trasmettere Shyam Sankar, un vero esperto e innovatore nel campo del " Data Intelligence " o analisi e estrazione di dati.

In questa interessante video-presentazione tenuta al recente TED 2012,
Shyam Sankar ci spiega perché per risolvere grossi problemi ( come catturare terroristi o identificare importanti enormi tendenze nascoste ) non si tratta tanto di scoprire il giusto algoritmo, quanto trovare il modo di creare la giusta relazione simbiotica tra computer e creatività umana.

TED Talks - Shyam Sankar: L'ascesa della collaborazione uomo-computer
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo
Vi voglio raccontare di due partite a scacchi. La prima si è tenuta nel 1997 e Garry Kasparov, umano, perse contro Deep Blue, una macchina. Per molti è stata l'alba di una nuova era, un'era in cui gli uomini sarebbero stati dominati dalle macchine. Ma eccoci qui, 20 anni dopo, il grande cambiamento delle nostre relazioni con i computer è l'iPad, non HAL.

a partita è un torneo di scacchi avanzati nel 2005 in cui uomo e macchina partecipavano insieme come compagni, anziché come avversari, se volevano. All'inizio i risultati erano prevedibili. Anche un supercomputer si faceva battere da un maestro con un laptop relativamente poco potente. La sorpresa arrivò alla fine. Chi vinse? Non un gran maestro con un supercomputer, ma due dilettante americani con tre laptop poco potenti. La loro capacità di manipolare e gestire i computer per esplorare fino in fondo specifiche mosse contrastò efficacemente la superiorità negli scacchi dei grandi maestri e la maggiore capacità di calcolo di altri avversari. È un risultato strabiliante: uomini comuni, macchine comuni che battono gli uomini e le macchine migliori. Comunque, non doveva trattarsi di un duello uomo-macchina? Invece si tratta di aziende e del giusto tipo di collaborazione.

Negli ultimi 50 anni abbiamo prestato molta attenzione alla visione sull'intelligenza artificiale di Marvin Minsky È certamente una visione sexy. Molti la condividono. È diventata la scuola di pensiero dominante nell'informatica. Ma entrando nell'era dei grandi dati, delle reti, delle piattaforme aperte e della tecnologia incorporata, vorrei suggerire che è tempo di rivalutare una visione alternativa sviluppata all'incirca nello stesso periodo. Parlo della simbiosi uomo-computer di J.C.R. Licklider, che forse dovremmo chiamare "aumento dell'intelligenza", A.I.

Licklider era un titano dell'informatica che ha avuto un profondo effetto sullo sviluppo della tecnologia e di internet. La sua visione era quella di permettere all'uomo e alle macchine di collaborare nel prendere decisioni, controllare le situazioni complesse senza la dipendenza e la mancanza di flessibilità di programmi predeterminati. Notate quella parola "collaborare". Licklider non ci incoraggia a prendere un tostapane e a farlo diventare Data di "Star Trek", ma a prendere un umano e renderlo più capace. Gli umani sono straordinari -- il nostro modo di pensare, il nostro approccio non lineare, la nostra creatività, le ipotesi iterative, tutto molto difficile, se non impossibile per i computer. Licklider intuitivamente se ne è accorto, osservando gli umani fissare obiettivi, formulare ipotesi, determinare criteri e fare valutazioni. Certo, in altre cose gli umani sono così limitati. Siamo terribili nelle misure, nel calcolo e nei volumi. Abbiamo bisogno di talento manageriale di alto livello per tenere insieme una band e suonare. Licklider aveva previsto che i computer avrebbero fatto i lavori ripetitivi richiesti per preparare l'accesso a informazioni e alla presa di decisioni.

Silenziosamente, senza far rumore, questo approccio ha reso possibili vittorie che vanno oltre gli scacchi. Il ripiegamento delle proteine, un tema che ha in comune con gli scacchi un'incredibile vastità -- esistono più modi di ripiegare una proteina del numero di atomi nell'universo. È un problema che può cambiare il mondo con profonde implicazioni sulla nostra capacità di comprendere e trattare le malattie. E per questo compito, la forza bruta di un supercomputer semplicemente non è sufficiente. Foldit, un gioco creato da informatici, spiega il valore di questo approccio. Dilettanti, non-tecnici, non-biologi con un videogioco riorganizzano visivamente la struttura della proteina permettendo al computer di gestire le forze atomiche e le interazioni e identificare i problemi strutturali. Questo approccio batte il computer la metà delle volte e pareggia il 30% delle volte. Di recente Foldit ha fatto un grande scoperta scientifica decifrando la struttura del virus Mason-Pfizer della scimmia. Una protease, la cui determinazione sfuggiva da più di 10 anni, è stata scoperta da questi tre giocatori nel giro di qualche giorno, probabilmente il più grande progresso scientifico proveniente da un videogioco.

L'anno scorso, sul sito delle Torri Gemelle, è stato aperto il memorial dell'11 settembre. Mostra i nomi di migliaia di vittime utilizzando un bellissimo concetto detto "adiacenze significative". Posiziona i nomi uno accanto all'altro a seconda delle loro relazioni: amici, famiglia, colleghi. Metterli tutti insieme è quasi una sfida matematica; 3500 vittime, 1800 richieste di adiacenze, l'importanza delle specifiche fisiche complessive e l'estetica finale. La prima volta che è stato riportato dai media, il merito dell'impresa è stato attribuito a un algoritmo dello studio di design Local Projects di New York. In realtà è un po' più sottile. Mentre è stato usato un algoritmo per sviluppare la struttura sottostante, gli umani hanno usato quella struttura per realizzare il risultato finale. In questo caso, un computer aveva valutato milioni di possibili disposizioni, aveva gestito un sistema di relazioni complesse, tenendo traccia di un'ampia serie di misure e variabili, permettendo agli umani di concentrarsi sul design e sulle scelte di composizione. Più vi guardate intorno, più vedete ovunque la visione di Licklider. Che sia la realtà aumentata nel vostro iPhone o il GPS nella vostra auto, la simbiosi uomo-computer ci rende più capaci.

Cosa si può fare per migliorare la simbiosi uomo-computer? Si può cominciare con inserire gli umani nel processo. Invece di pensare a quello che un computer farà per risolvere il problema, creare anche la soluzione intorno a quello che farà un essere umano. Facendo questo, ci si rende presto conto di aver passato il tempo sull'interfaccia uomo-macchina in particolare nell'eliminare l'attrito di questa interazione. Di fatto, questo attrito è più importante del potere dell'uomo o del potere della macchina nel determinare le capacità complessive. Ecco perché due dilettanti con qualche laptop hanno battuto facilmente un supercomputer e un maestro. Quello che Kasparov chiama processo è un sottoprodotto dell'attrito. Migliore è il processo, minore è l'attrito. La variabile decisiva diventa la minimizzazione di questo attrito.

Prendete un altro esempio: grandi quantità di dati. Tutte le interazioni al mondo vengono registrate da una serie crescente di sensori: il vostro telefono, la vostra carta di credito, il vostro computer. Il risultato sono tanti dati, e in realtà ci forniscono l'opportunità di capire più a fondo la condizione umana. La maggiore enfasi di molti approcci ai grandi dati si concentra su, "Come memorizzare questi dati? Come cercare all'interno di questi dati? Come processare questi dati? Queste sono domande necessarie, ma non sufficienti. L'imperativo non è scoprire come calcolare, ma cosa calcolare. Come si impone l'intuizione umana su dati di questa dimensione?

Ancora una volta, cominciamo con l'inserire l'essere umano nel processo. Quando PayPal ha iniziato ad operare, la sua più grande sfida non era, "Come trasferisco i soldi online?" Era, "Come lo faccio senza farmi intercettare dal crimine organizzato?" Perché è così sfidante? Perché mentre i computer possono imparare ad intercettare e identificare le frodi sulla base di schemi, non possono imparare a farlo sulla base di schemi che non hanno mai visto prima e il crimine organizzato ha molto in comune con questo pubblico: gente brillante, implacabili, pieni di risorse, spirito imprenditoriale -- (Risate) e una differenza enorme e importante: lo scopo. Così, mentre i soli computer possono prendere tutto tranne i più brillanti truffatori, prendere i più svegli fa la differenza tra un successo e un fallimento.

Ci sono una serie di problemi come questo, quelli con avversari adattabili. Si presentano raramente, se non mai, secondo uno schema ripetibile distinguibile dai computer. Invece, c'è una componente interna di innovazione o disturbo, e questi problemi sono sempre più seppelliti nei dati.

Per esempio il terrorismo. I terroristi si adattano continuamente alle nuove circostanze, e nonostante quello che vedete in TV, questi adattamenti, e il loro rilevamento sono fondamentalmente umani. I computer non rilevano nuovi schemi e nuovi comportamenti, lo fanno gli esseri umani. Gli esseri umani, usando la tecnologia, testano ipotesi, cercano indizi chiedendo alle macchine di fare per loro delle cose. Osama bin Laden non è stato catturato da un'intelligenza artificiale. È stato catturato da persone brillanti, piene di risorse, scrupolose in collaborazione con varie tecnologie.

Per quanto interessante possa sembrare, dai dati non si può estrarre una risposta. Non c'è il tasto "Trova Terrorista", e più si integrano dati da fonti diverse da formati di dati diversi, da sistemi diversi, meno efficace è l'estrazione dei dati. Invece, si dovranno cercare dati e cercare indizi, e come aveva previsto Licklider tempo fa, la chiave per ottenere grandi risultati è il corretto tipo di collaborazione e Kasparov si è reso conto che significa minimizzare l'attrito dell'interfaccia.

Questo approccio rende possibili cose come setacciare i dati disponibili provenienti da fonti diverse, identificare le relazioni chiave e metterle in un unico punto, una cosa che è sempre stata praticamente impossibile da fare. Secondo qualcuno ci sono implicazioni terribili sulla privacy e sulle libertà civili. Secondo altri preannuncia un'era di maggiore privacy e protezione delle libertà civili, ma la privacy e le libertà civili sono fondamentali. Bisogna tenerlo presente, e non possono essere trascurate, anche con le migliori intenzioni.

Esploriamo con un paio di esempi l'impatto che hanno avuto di recente le tecnologie sulla simbiosi uomo-computer.

Nell'ottobre del 2007, gli Stati Uniti e le forze alleate hanno fatto irruzione in un rifugio di al Qaeda a Sinjar al confine siriano con l'Iraq. Hanno trovato documenti segreti: 700 note biografiche di combattenti stranieri. Questi combattenti stranieri avevano lasciato le loro famiglie nel Golfo, in Africa del nord e orientale per unirsi ad al Qaeda in Iraq. Questi documenti erano moduli compilati da umani. I combattenti stranieri li avevano compilati per unirsi all'organizzazione. Si è scoperto che anche al Qaeda ha la sua burocrazia. (Risate) Rispondevano a domande del tipo, "Chi ti ha reclutato?" "Qual è la tua città natale" "Che tipo di lavoro cerchi?"

In quest'ultima domanda si è scoperta una cosa sorprendente. La maggior parte dei combattenti stranieri cercavano di diventare attentatori suicidi per i martirio -- molto importante, visto che tra il 2003 e il 2007 l'Iraq aveva 1382 attentatori suicidi, un'importante fonte di instabilità. Analizzare questi dati era difficile. Gli originali erano fogli di carta in arabo che dovevano essere scannerizzati e tradotti. La complessità del processo non consentiva di ottenere risultati significativi in tempi ragionevoli usando solo persone, PDF e tenacia. I ricercatori hanno dovuto sfruttare le loro menti umane insieme alla tecnologia per scavare, per esplorare ipotesi non ovvie, e effettivamente sono emersi indizi. 20% dei combattenti stranieri erano libici, 50% di questi provenivano da un'unica città in Libia, molto importante considerando che le statistiche precedenti riportavano quel numero al 3%. Ha aiutato anche a focalizzarsi su una figura di crescente importanza in al Qaeda, Abu Yahya al-Libi, un anziano ecclesiastico del gruppo dei combattenti islamici libici. Nel marzo del 2007 ha tenuto un discorso dopo il quale è cresciuta la partecipazione dei combattenti libici stranieri.

In maniera molti intelligente, anche se meno ovvia, rivoltando i dati che avevano in testa, i ricercatori sono stati in grado di esplorare le reti di coordinamento in Siria che si occupavano di accogliere e trasportare verso il confine i combattenti stranieri. Erano reti di mercenari, non di idealisti, che coordinavano per trarne un profitto. Per esempio, ai combattenti stranieri sauditi addebitavano più che ai libici; soldi che altrimenti sarebbero andati ad al Qaeda. Forse gli avversari avrebbero interrotto la loro rete se avessero saputo di essere traditi da jihadisti.

Nel gennaio 2010 un devastante terremoto del 7° grado ha colpito Haiti, il terzo terremoto di tutti i tempi in termini di mortalità, ha lasciato 1 milione di persone, 10% della popolazione, senza un tetto. Un aspetto apparentemente ininfluente tra tutte le iniziative umanitarie diventò sempre più importante quando cominciarono ad arrivare cibo e acqua. Ad Haiti gennaio e febbraio sono mesi secchi, eppure molti campi avevano sviluppato bacini d'acqua. La sola istituzione con le informazioni dettagliate delle piane alluvionali di Haiti era stata distrutta nel terremoto, dirigenti compresi. La domanda era quindi: quali campi sono a rischio, quante persone ci sono in questi campi, quali sono i tempi delle alluvioni, e considerate le risorse e le infrastrutture limitate, quali sono le priorità nella riallocazione? I dati erano incredibilmente eterogenei. L'esercito degli Stati Uniti aveva informazioni dettagliate solo di una piccola sezione del paese. Online c'erano dati del 2006 da una conferenza sui rischi ambientali, altri dati geo-spaziali, nessuno dei quali era integrato. L'obiettivo era identificare campi per l'allocazione secondo le priorità. Il computer doveva integrare una grande quantità di dati geospaziali, dati dai social media e informazioni di organizzazioni umanitarie per rispondere alla domanda. Implementando un processo ad alto livello, quello che altrimenti sarebbe stato un lavoro di tre mesi per 40 persone è diventato un lavoro semplice di 40 ore per 3 persone,

tutte vittorie per la simbiosi uomo-computer.

Siamo a più di 50 anni dalla visione del futuro di Licklider, e i dati suggeriscono che dovremmo essere entusiasti di affrontare i problemi più difficili di questo secolo, uomo e macchina che collaborano. Grazie. (Applausi) (Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

75° William Noel e il codice perduto di Archimede

76° P. Diamandis: L'abbondanza è il nostro futuro

77° M.Banzi: Arduino Immaginazione Open-source

78° M.Little: Test per il Parkinson con 1 Telefonata

79° Peter Norvig: La classe di 100 000 studenti

80° J.Enriquez: I nostri figli di una specie diversa ?

81° D.Koller: Imparare dall'Istruzione Web Online

82° S.Sankar: La nuova simbiosi Uomo-Computer


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

Tags: computer, ted, uomo

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)