« Guanti che Leggono e danno Voce alla Lingua dei SegniTechnology Review: Identificare le Tecnologie Emergenti »

TED Talks - William Noel e il codice perduto di Archimede

08.07.12

  14:49:26, da Alex   , 2962 parole  
Categorie: Video, Ricerca, Tecnologia, Libri

TED Talks - William Noel e il codice perduto di Archimede

TED Talks - William Noel e il codice perduto di Archimede

TED Talks - William Noel e il codice perduto di Archimede

Come si fa a leggere un manoscritto di 2000 anni fa, che è stato cancellato, tagliato, e su cui si trovano scritte e immagini dipinte ? Con un potente acceleratore di particelle, ovviamente !

In questa interessante video-presentazione tenuta al recente TED, il curatore di libri antichi William Noel ci racconta l'affascinante storia del Manoscritto di Archimede, un libro di preghiere bizantino che contiene testi originali mai visti prima d'ora, scritti dall'antico matematico greco Archimede e da altri autori.

TED Talks - William Noel e il codice perduto di Archimede
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo
I grandi testi dell'antichità non sopravvivono nella loro forma originale, ma sopravvivono perché gli amanuensi medievali li hanno copiati e ricopiati, e ricopiati. E' lo stesso per Archimede, il grande matematico greco.

che sappiamo su Archimede matematico lo dobbiamo essenzialmente a 3 libri, chiamati A, B e C. A lo ha perduto un umanista italiano nel 1564. B è stato avvistato l'ultima volta nella Biblioteca del Papa nel 1311 a Viterbo, un centinaio di miglia a nord di Roma. Il Codice C, invece, è stato scoperto solo nel 1906, ed è giunto sulla mia scrivania a Baltimora il 19 gennaio del 1999. Ed ecco qui il Codice C.

In realtà, il Codice C è sepolto in questo libro. E' un tesoro nascosto. Perché in realtà questo è un libro di preghiere. Fu completato da un tale Johannes Myrones, il 14 aprile del 1229, Per scrivere questo libro di preghiere, Myrones si servì di una pergamena. Ma non una pergamena nuova, quanto piuttosto una pergamena già utilizzata per altri manoscritti, ben 7 volte. E il Codice C di Archimede si trovava tra quei 7. Egli separò il manoscritto di Archimede dagli altri 7 manoscritti, ne cancellò i testi, tagliò i fogli di pergamena al centro, li rimescolò li ruotò di 90° gradi, e infine scrisse delle preghiere sopra questi libri. In pratica, questi 7 manoscritti sono scomparsi per 700 anni, e noi abbiamo un libro di preghiere.

Il libro di preghiere fu scoperto da Johan Ludvig Heiberg, nel 1906, il quale, con una lente d'ingrandimento, provò a trascrivere quanto più testo possibile. Egli scoprì 2 testi in questo manoscritto, ed erano testi unici. Non esistevano per nulla né in A, né in B; erano dei testi di Archimede completamente nuovi, intitolati "Il Metodo" e "Lo Stomachion". Questo manoscritto è diventato famoso in tutto il mondo.

Dovrebbe essere abbastanza chiaro, a questo punto, che il libro si trova in pessime condizioni. E' peggiorato nel corso del 20° secolo dopo che Heiberg l'ha scoperto. Ci hanno dipinto sopra dei falsi, ed è stato duramente danneggiato dalla muffa. Questo libro è un vero e proprio rottame. E' il tipo di libro che si pensa debba rimanere in un'istituzione Ma non lo è, è stato acquistato da un privato cittadino nel 1998.

Perché lo ha comprato? Perché voleva mettere al sicuro ciò che poteva venire distrutto. Voleva trasformare ciò che era unico in un bene comune. Voleva dar accesso gratuito a ciò che aveva un valore inestimabile. E lo ha fatto per una questione di principio. Perché non sono in molti ad avere intenzione di leggere Archimede in greco antico, ma dovrebbero avere la possibilità di farlo.

Per cui, ha riunito attorno a sé gli amici di Archimede, e si è offerto di pagare tutto il lavoro. Si è trattato di un lavoro costoso, ma non quanto potreste immaginare voi, perché queste persone non venivano dai soldi ma venivano da Archimede. E avevano le più varie formazioni accademiche alle spalle. C'erano l'esperto in fisica delle particelle, l'esperto in filologia classica, l'esperto in conservazione dei libri, l'esperto in matematica antica, l'esperto in gestione di dati, l'esperto in gestione di immagini scientifiche e programmi. E si sono messi tutti insieme a lavorare su questo manoscritto.

Il primo problema era relativo allo stato di conservazione. E questi sono alcuni dei problemi che abbiamo dovuto risolvere: c'era della colla sul dorso del libro. E se guardate attentamente questa foto, vedrete che la parte di sotto tende al marrone. E quella è colla animale. Se sei un conservatore di beni, sei in grado di rimuovere la colla con relativa facilità. La parte sopra è colla Elmer. E' un acetato di polivinile in emulsione che non si dissolve con l'acqua una volta asciugato. Ed è molto più resistente della pergamena su cui è stato scritto. Pertanto, prima di poter cominciare ad immaginare Archimede, abbiamo dovuto smembrare il libro. Ci abbiamo impiegato 4 anni per farlo. E questo è un raro scatto dell'operazione, signore e signori.

(Risate)

Un altro problema è stato doversi sbarazzare della cera, perché il libro veniva utlizzato durante i riti liturgici della Chiesa Greco Ortodossa dove si usava cera di candele. La cera delle candele era così sporca che non riuscivamo ad intravedere nulla. Perciò, con molta cura, abbiamo dovuto raschiar via meccanicamente tutta la cera.

E' difficile farvi capire esattamente le pessime condizioni in cui versa questo libro, ma cade facilmente a pezzi. Con un libro normale, non ci si preoccupa di questi piccoli particolari ma questi pezzettini potrebbero contenere del testo unico di Archimede. In realtà, i piccoli frammenti siamo stati in grado di ricollocarli al posto giusto.

Dopo aver fatto ciò, abbiamo cominciato a copiare il manoscritto. Abbiamo creato copie del manoscritto in 14 diverse frequenze di luce. Perché se si guarda qualcosa a diverse frequenze di luce, è possibile vedere cose differenti. E questa è l'immagine di una pagina copiata in 14 differenti frequenze di luce.

Ma nessuna di esse ha funzionato. Pertanto abbiamo elaborato tutte le immagini insieme, e abbiamo messo le due copie a contrasto su uno schermo bianco. E qui abbiamo due differenti copie del manoscritto di Archimede. La copia a sinistra è la normale immagine rossa. Mentre la copia a destra è un'immagine ultravioletta. E nella copia a destra è possibile distinguere parte della scrittura di Archimede. Se si fondono le due copie su una tela digitale, la pergamena appare brillante in entrambe le copie e il risultato finale è chiaro. Il libro di preghiere appare oscurato in entrambe le copie e risulta scuro. Il testo di Archimede è scuro in una copia e chiaro nell'altra. E risulta scuro ma tendente al rosso, per cui è possibile iniziare a leggerlo abbastanza facilmente. Ed ecco come appare.

Questa foto mostra il prima e il dopo, ma non è possibile leggere la copia sullo schermo in quel modo. Bisogna ingrandirla, e ingrandirla, e ingrandirla, e ingrandirla, e adesso è possibile leggere.

(Applausi)

Se elaborate le stesse 2 copie in modo diverso, è possibile sbarazzarsi completamente del libro di preghiere. E questo è d'importanza cruciale, perché i diagrammi nel manoscritto sono le uniche fonti da cui ricavare i diagrammi che Archimede disegnò nella sabbia nel 4°secolo a.C. Ed eccoli, posso farveli vedere.

Con questo tipo di immagini -- questo tipo di immagini create con luce infrarossa, ultravioletta ed invisibile-- siamo stati in grado di creare immagini andando oltre le falsificazioni d'oro sul fondo. Come avevamo intenzione di farlo? Bè, abbiamo preso il manoscritto, e abbiamo deciso di copiarlo in un'immagine con dei raggi-X fluorescenti. In sostanza, un raggio-X attraversa il diagramma a sinistra e colpisce un elettrone all'interno di un atomo. E quell'elettrone scompare. Non appena scompare, l'elettrone di un atomo più distante va a rimpiazzarlo. E nel farlo, emette radiazioni elettromagnetiche. Emana un raggio-X. Questo raggio-X ha una frequenza specifica in base all'atomo che colpisce.

E ciò che volevamo ottenere era il ferro. Perché l'inchiostro era scritto con il ferro. E se riusciamo a stabilire da dove viene questo raggio-X, da dove ha origine, possiamo rintracciare tutto il ferro presente nella pagina, e quindi in teoria essere in grado di leggere l'immagine.

Il problema è che è necessaria una fonte luminosa molto potente. Perciò abbiamo portato il libro al Laboratorio di Radiazioni di Sincrotrone di Stanford, in California, che è un acceleratore di particelle. Gli elettroni girano da una parte, i positroni girano dalla parte opposta. S'incontrano nel mezzo, e creano delle particelle subatomiche come il quark charm e il tauone. In realtà non avevamo intenzione di sottoporre Archimede a quel fascio. Ma quando gli elettroni si muovono alla velocità della luce, rilasciano raggi-X. E questa è la fonte luminosa più potente del sistema solare. E' chiamata radiazione di sincrotrone, e normalmente viene utilizzata per analizzare sostanze come le proteine e simili. Ma noi ne avevamo bisogno per dare un'occhiata agli atomi di ferro per poter leggere la pagine del prima e dopo. E abbiamo scoperto di poterlo fare davvero. Ci sono voluti all'incirca 17 minuti per una sola pagina.

Cosa abbiamo scoperto? Bè, uno dei testi unici di Archimede s'intitola "Lo Stomachion". E questo non esisteva né nel Codice A, né nel Codice B. E abbiamo scoperto che riguarda questo quadrato. Questo è un quadrato perfetto, diviso in 14 parti. Ma nessuno sapeva cosa se ne facesse Archimede di quelle 14 parti. Adesso pensiamo di saperlo. Stava cercando di capire in quanti modi puoi ricomporre quelle 14 parti e creare comunque un quadrato perfetto. Qualcuno vuole azzardare una risposta? Fa 17.152 diviso per 536 famiglie. Ciò che conta è che si tratta del più antico studio di matematica combinatoria. La combinatoria è un'affascinante e interessante branca della matematica.

Ma l'aspetto di questo manoscritto che lascia davvero stupefatti è che abbiamo dato un'occhiata agli altri manoscritti di cui il palinsesto era composto, da cui l'amanuense aveva ricavato il suo libro, e uno di quei manoscritti conteneva un testo scritto da Iperide. Iperide era un oratore ateniese vissuto intorno al 4°sec. a.C. Visse esattamente nell'epoca di Demostene. Nel 338 a.C., lui e Demostene decisero di affrontare la forza militare di Filippo il Macedone. Atene e Tebe scesero in campo per affrontare Filippo di Macedonia. Ma fu una pessima idea, perché Filippo il Macedone aveva un figlio di nome Alessandro Magno, e vennero sconfitte nella battaglia di Cheronea.

Alessandro Magno continuò la conquista del mondo conosciuto; Iperide venne processato per tradimento. E questo è uno dei discorsi che tenne mentre si trovava sotto processo -- è un gran bel discorso: "Non c'è cosa più bella", dice, "della vittoria. Ma se non puoi vincere, allora dovresti combattere per una causa nobile, perché solo così verrai ricordato. Prendete per esempio gli Spartani. Hanno ottenuto numerose vittorie, ma nessuno si ricorda di loro perché combattevano per scopi egoistici. L'unica battaglia combattuta dagli Spartani che tutti quanti ricordano è quella delle Termopili dove vennero massacrati, ma dove combatterono per la libertà della Grecia". Fu un discorso talmente toccante che la corte di giustizia ateniese decise di assolverlo. Visse per altri 10 anni, finché la fazione macedone lo trovò e arrestò. Gli tagliarono la lingua per mettere in ridicolo la sua arte oratoria, e nessuno sa cosa abbiano fatto del suo corpo. Per cui questa è la scoperta di una voce persa che viene dall'antichità, che ci parla, non da una tomba, perché la sua tomba non esiste, ma dalla corte di giustizia ateniese.

A questo punto mi tocca dire che normalmente quando si dà un'occhiata ai manoscritti medievali che sono stati raschiati via, non si trovano testi unici. E riuscire a trovarne addirittura 2 in un solo manoscritto è davvero raro. Trovarne 3 è pura follia. E noi ne abbiamo trovati 3.

Le "Categorie" di Aristotele sono uno dei testi su cui si fonda la filosofia occidentale, e noi abbiamo trovato un commento su questo testo risalente al 3°sec. a.C. probabilmente scritto da Galeno o da Porfirio.

Tutti questi dati che abbiamo raccolto, tutte le immagini, tutte le immagini non trattate, tutte le trascrizioni che abbiamo fatto e tutto quel genere di cose le abbiamo messe su Internet sotto la licenza Creative Commons cosicché ognuno possa utilizzarle per scopi commerciali.

(Applausi)

Come mai il possessore del manoscritto lo ha fatto? Lo ha fatto perché conosce i dati così come conosce i libri. Per quanto riguarda i libri, se volete garantire che la loro utilità permanga nel tempo, dovreste metterli via al riparo in un armadio e lasciare che solo poche persone ne abbiano accesso. Per quanto riguarda i dati, se volete che sopravvivano, dovreste garantirne accesso a tutti quanti ed esercitare il minor controllo possibile. Ed è proprio quello che egli ha fatto.

E le istituzioni dovrebbero trarne una lezione. Perché le istituzioni al momento proteggono i propri dati esercitando diritti di copyright e altre cose simili. E se si volesse dare un'occhiata a dei manoscritti medievali su Internet, al momento gli unici siti dove poter andare sono quello della Biblioteca Nazionale di 'y' o quello della Biblioteca dell'università di 'x', praticamente il modo più noioso al mondo per avere accesso a dei dati in formato digitale. Ciò che si dovrebbe fare è aggregarli tutti quanti insieme.

Perché la rete degli antichi manoscritti del futuro non verrà di certo creata dalle istituzioni. Saranno gli utenti stessi che dovranno plasmarla, persone che metteranno insieme tutti questi dati, persone che vorranno aggregare tutti i tipi di mappe da dovunque provengano, tutti i tipi di romanze medievali da dovunque provengano, persone che vorranno semplicemente prendersi cura della loro gloriosa selezione di cose magnifiche. Questo è il futuro di Internet. Ed è un futuro affascinante e bellissimo, se solo riuscissimo a farlo avverare.

Noi del Museo d'Arte Walters abbiamo seguito quest'esempio, e abbiamo messo su Internet tutti i nostri manoscritti cosicché tutti possano averne accesso -- sia i dati non trattati, che le descrizioni e i metadati -- sotto la licenza Creative Commons. Il Museo d'Arte Walters è un piccolo museo che possiede degli splendidi manoscritti, ma i dati sono fantastici. E il risultato è che se andate a cercare su Google Immagini proprio adesso e scrivete "Illuminated manuscript Koran" per esempio, 24 delle 28 immagini che troverete provengono dalla nostra istituzione.

(Applausi)

Ora, pensiamoci bene per un minuto. Che cosa ne ricavano le istituzioni? Le istituzioni ne ricavano molto sotto diversi punti di vista. Si potrebbe fare un discorso legato alle scienze umanistiche e tutto quel genere di cose, ma voglio andare dritto agli aspetti egoistici. Perché ciò che ne ricavano davvero le istituzioni è questo: perché la gente va al Louvre? Per vederel a Monna Lisa. Perché vogliono vedere la Monna Lisa? Perché già sanno com'è fatta. E sanno com'è perché le sue foto sono praticamente ovunque.

Quindi, non c'è assolutamente bisogno di tutte queste restrizioni imposte. E penso che le istituzioni dovrebbero farsi avanti e lasciare che i dati in loro possesso siano pubblicati sotto licenze pubbliche, affinché tutti possano trarne beneficio. Perché non lasciamo che tutti abbiano libero accesso a questi dati e si prendano cura della nostra collezione di conoscenza antica, e di cose meravigliose e bellissime valorizzando la bellezza e il peso culturale di Internet?

Grazie mille, davvero.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

75° William Noel e il codice perduto di Archimede


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)