« Musica MP3 da scaricare gratis: 5 Album completi [ # 52 ]Android App: ADIDAS miCoach migliora Corsa e Jogging »

TED Talks - Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

20.06.12

  09:12:41, da Alex   , 3176 parole  
Categorie: Video, Ricerca, Salute e Medicina

TED Talks - Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

TED Talks - Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo

In questa interessante video-presentazione tenuta al recente TED, la ricercatrice Tali Sharot specializzata in Neuroscienze Cognitive, ci presenta un aspetto interessante della natura umana: Siamo nati per essere ottimisti, piuttosto che realisti ?

Tali Sharot ci parla di nuove ricerche che suggeriscono che il nostro cervello è programmato per guardare il lato positivo, e di come questo possa essere pericoloso tanto quanto benefico.

Tendiamo a sopravvalutare le probabilità di fare esperienze positive nella nostra vita e a sottovalutare le probabilità di fare esperienze negative, in poche parole, siamo più ottimisti che realisti, ma non siamo consapevoli di questo fatto.

TED Talks - Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo
Vi parlerò dell'ottimismo - o, più precisamente, dell'inclinazione all'ottimismo. Si tratta di un'illusione cognitiva che abbiamo studiato negli ultimi anni nel mio laboratorio e l'80 per cento di noi ce l'ha.

a sopravvalutare le probabilità di fare esperienze positive nella nostra vita e a sottovalutare le probabilità di fare esperienze negative. Quindi sottostimiamo le probabilità di ammalarci di cancro, di essere coinvolti in un incidente stradale. E sovrastimiamo la nostra longevità, le prospettive di carriera. In poche parole, siamo più ottimisti che realisti, ma non siamo consapevoli di questo fatto.

Prendiamo il matrimonio, per esempio. Nel mondo occidentale la percentuale di divorzi è di circa il 40 per cento. Questo significa che su cinque coppie sposate, due finiranno per dividersi i beni. Ma se chiedete a dei novelli sposi quante probabilità hanno di divorziare le stimano a zero per cento. E persino gli avvocati divorzisti, che dovrebbero saperne di più, sottovalutano molto la loro probabilità di divorziare. E così succede che per gli ottimisti non è meno probabile che divorzino, ma è più probabile che si risposino. Come dice Samuel Johnson "Risposarsi è il trionfo della speranza sull'esperienza."

(Risata)

Quindi se siamo sposati abbiamo più probabilità di avere figli. E tutti noi pensiamo che i nostri figli siano particolarmente dotati. Questo, a proposito, è il mio nipotino di due anni, Guy. E voglio che sia assolutamente chiaro che lui è davvero un cattivo esempio di inclinazione all'ottimismo perché lui è veramente straordinariamente dotato.

(Risata)

E non sono sola. Su quattro cittadini britannici, tre hanno dichiarato di essere ottimisti riguardo al futuro delle proprie famiglie. Rappresenta il 75 per cento. Ma solo il 30 per cento ha detto di pensare che le famiglie in generale stanno meglio ora di qualche generazione fa.

Questo è un punto davvero importante, perché noi siamo ottimisti su noi stessi, siamo ottimisti sui nostri figli, siamo ottimisti sulle nostre famiglie, ma non siamo così ottimisti sul tizio che ci sta seduto accanto, e siamo in qualche modo pessimisti sul destino dei nostri concittadini e sul destino del nostro paese. Ma l'ottimismo privato sul nostro futuro personale rimane costante. E non vuol dire che pensiamo che le cose andranno bene per magia, ma piuttosto che abbiamo una capacità unica di farle andare bene.

Io sono uno scienziato, faccio esperimenti. Quindi per farvi vedere cosa voglio dire, farò un esperimento qui con voi. Vi darò un elenco di capacità e di caratteristiche e voglio che, per ciascuna di queste capacità, pensiate in che posizione siete rispetto al resto della popolazione.

La prima è andar d'accordo con gli altri. Chi crede, qui, di essere nel 25 per cento inferiore? Ok, circa 10 persone su 1500. Chi crede di essere nel 25 per cento superiore? La maggior parte di noi qui. Ok, ora facciamo lo stesso con la vostra abilità alla guida. Quanto siete interessanti? Quanto siete attraenti? Quanto siete onesti? E, per finire, quanto siete modesti?

Quindi, la maggior parte di noi si mette al di sopra della media nella maggior parte di queste capacità. Questo è statisticamente impossibile. Non possiamo essere tutti migliori degli altri. (Risate) Ma se crediamo di essere meglio degli altri, significa che abbiamo più probabilità di ottenere quella promozione, di rimanere sposati, perché siamo più socievoli, più interessanti.

Ed è un fenomeno globale. L'inclinazione all'ottimismo è stata osservata in molti paesi -- nelle culture occidentali, nelle culture non occidentali, negli uomini e nelle donne, nei bambini, negli anziani. È piuttosto diffusa.

Ma la domanda è: è un bene per noi? Alcuni dicono di no. Alcuni dicono che il segreto della felicità è avere basse aspettative. Credo che la logica sia più o meno questa: se non ci aspettiamo grandi cose, se non ci aspettiamo di trovare l'amore, di essere in salute e avere successo, non resteremo delusi quando queste cose non succederanno. E se non restiamo delusi quando delle cose belle non succedono, e veniamo piacevolmente sorpresi quando succedono, saremo felici.

Quindi è una teoria molto buona, ma in realtà è sbagliata per tre ragioni. Numero uno: qualunque cosa succeda, che si abbia successo o si fallisca, le persone con aspettative elevate si sentono sempre meglio. Perché il modo in cui ci sentiamo quando veniamo piantati o nominati impiegato del mese dipende da come interpretiamo quell'evento.

Gli psicologi Margaret Marshall e John Brown hanno osservato studenti con aspettative alte e basse. E hanno scoperto che quando le persone con aspettative elevate hanno successo, attribuiscono quel successo alle proprie caratteristiche. "Sono un genio, per questo ho preso 10, quindi prenderò di nuovo sempre 10 in futuro." Quando falliscono, non è perché sono stupidi, ma perché l'esame era ingiusto. La prossima volta faranno meglio. Le persone con aspettative basse fanno l'opposto. Quindi quando sbagliano è perché sono stati stupidi, e quando hanno successo è perché l'esame, casualmente, era veramente facile. La prossima volta la realtà si metterà in pari. Così si sentono peggio.

Numero due: A prescindere dal risultato, il semplice atto dell'anticipazione ci rende felici. L'economista comportamentale George Lowenstein ha chiesto agli studenti nella sua università di immaginare di ricevere un bacio appassionato da una celebrità, qualunque celebrità. Poi ha detto, " Quanto sareste disposti a pagare per ricevere un bacio da una celebrità se il bacio vi fosse dato subito, tra tre ore, tra 24 ore, tra tre giorni, tra un anno, tra 10 anni? Ha scoperto che gli studenti erano disponibili a pagare di più non per ricevere il bacio immediatamente, ma per riceverlo tra tre giorni. Erano disponibili a pagare di più per aspettare. Certo, non volevano aspettare un anno o dieci anni; nessuno vuole una celebrità invecchiata. Ma tre giorni sembravano il tempo ideale.

Allora perché? Se ricevete il bacio subito, è passato e finito. Ma se ricevete il bacio tra tre giorni, quelli sono tre giorni di snervante anticipazione, di fremito nell'attesa. Gli studenti volevano quel tempo per immaginare dove sarebbe successo, come sarebbe successo. L'anticipazione li rendeva felici.

Questo, tra l'altro, è il motivo per cui la gente preferisce il venerdì alla domenica. È un fatto davvero curioso, perché venerdì è un giorno di lavoro e domenica è un giorno di piacere, quindi si presume che la gente preferisca la domenica, e invece no. Non è perché a loro piaccia veramente stare in ufficio e non sopportano passeggiare nel parco o fare pigramente un brunch. Lo sappiamo, perché quando si chiede alla gente del loro giorno della settimana preferito, in assoluto, sorpresa sorpresa, il sabato risulta primo, poi il venerdì, poi la domenica. La gente preferisce il venerdì perché il venerdì porta con sé l'anticipazione del weekend in arrivo, con tutti i piani che uno ha. Di domenica l'unica cosa che si può aspettare con ansia è la settimana di lavoro.

Quindi gli ottimisti sono persone che si aspettano più baci in futuro, più passeggiate nel parco. E questa anticipazione migliora il loro benessere. In effetti, senza l'inclinazione all'ottimismo, saremmo tutti leggermente depressi. Le persone con una leggera depressione non hanno un'inclinazione quando guardano al futuro. In realtà sono individui più realistici che sani. Mentre gli individui con una depressione grave hanno un'inclinazione al pessimismo. Quindi tendono ad aspettarsi un futuro peggiore di quello che finisce per essere.

Quindi l'ottimismo cambia la realtà soggettiva. Il modo in cui ci aspettiamo che il mondo sia cambia il modo in cui lo vediamo. Ma cambia anche la realtà oggettiva. Agisce come una profezia che si auto-realizza. E questa è la terza ragione per cui abbassare le vostre aspettative non vi renderà felici. Alcuni esperimenti controllati hanno dimostrato che l'ottimismo non è solo collegato al successo, ma porta al successo. L'ottimismo porta al successo nel mondo accademico, nello sport e in politica. E forse il beneficio più sorprendente dell'ottimismo è la salute. Se ci aspettiamo un futuro brillante, stress e ansia diminuiscono.

Quindi, tutto sommato, l'ottimismo porta un sacco di benefici. Ma la domanda che mi disorientava davvero era: come facciamo a restare ottimisti di fronte alla realtà? Come neuroscienziato, la cosa era abbastanza disorientante, perché, secondo tutte le teorie esistenti, quando le proprie attese non vengono soddisfatte, bisonerebbe modificarle. Eppure questo non è quello che abbiamo scoperto. Abbiamo chiesto a delle persone di venire nel nostro laboratorio per cercare di capire cosa succedeva.

Abbiamo chiesto loro di stimare la probabilità di sperimentare in vita loro eventi terribili. Quindi, per esempio, che probabilità avevano di ammalarsi di cancro? Poi abbiamo detto loro qual era la probabilità media che a qualcuno come loro capitassero queste disgrazie. Per il cancro, per esempio, è del 30 per cento. Poi abbiamo chiesto loro di nuovo: "Che probabilità avete di ammalarvi di cancro?"

Quello che volevamo sapere era se prendevano in considerazione le informazioni che davamo loro per modificare le loro convinzioni. E certo che lo facevano -- ma soprattutto quando le informazioni che davamo loro erano migliori di quello che si aspettavano. Quindi per esempio, se qualcuno diceva: "La probabilità che io mi ammali di cancro é circa del 50 per cento." e noi gli dicevamo: "Ehi, buone notizie. La probabilità media è solo del 30 per cento," la volta dopo dicevano, "Forse la mia probabilità è circa del 35 per cento." Quindi imparavano rapidamente e in modo efficiente. Ma se qualcuno cominciava dicendo, "La probabilità media che io mi ammali di cancro è circa del 10 percento," e noi gli dicevamo "Ehi, cattive notizie. La probabilità media è circa del 30 per cento", la volta dopo diceva, "Sì, penso ancora che sia circa dell'11 per cento."

(Risate)

Quindi non è che non apprendevano per niente -- apprendevano -- ma molto, molto meno di quando davamo loro un'informazione positiva sul futuro. E non è che non ricordassero i numeri che davamo loro; tutti si ricordano che la probabilità di ammalarsi di cancro è circa del 30 per cento e che la probabilità media di divorziare è circa del 40 per cento. Ma non pensavano che questi numeri fossero a loro collegati.

Questo significa che segnali d'allarme come questi [Il fumo uccide] possono avere solo un impatto limitato. Sì, fumare uccide, ma soprattutto uccide gli altri.

Quello che volevo sapere era cosa succede all'interno del cervello umano che ci impedisce di considerare personali questi segnali d'allarme. Ma nello stesso tempo, quando sentiamo che il mercato immobiliare va bene, pensiamo, "Oh, certamente il valore di casa mia raddoppierà." Per cercare di capire ho chiesto ai partecipanti dell'esperimento di stendersi in uno scanner per risonanza magnetica cerebrale. È fatto così. E usando un metodo che si chiama Risonanza Magnetica funzionale, siamo stati in grado di identificare le aree del cervello che rispondono alle informazioni positive.

Una di queste aree si chiama circonvoluzione frontale inferiore sinistra. Quindi se qualcuno diceva: "La probabilità che io mi ammali di cancro è del 50 per cento'" e noi dicevamo, "Ehi, buone notizie. La probabilità media è del 30 per cento," la circonvoluzione frontale inferiore sinistra rispondeva vivacemente. E non importava il fatto di essere estremamente ottimisti o mediamente ottimisti o leggermente pessimisti, la circonvoluzione frontale inferiore sinistra di chiunque funzionava perfettamente, che foste Barack Obama o Woody Allen.

Sull'altro lato del cervello, la circonvoluzione frontale inferiore destra reagiva alle cattive notizie. Ed ecco qui: non stava facendo un buon lavoro. Più eravate ottimisti, e meno probabile era che questa regione rispondesse a informazioni negative inaspettate. E se il cervello non riesce ad integrare le cattive notizie sul futuro, indosserete costantemente gli occhiali rosa.

Allora volevamo sapere, è possibile cambiare questo stato di cose? Si può alterare l'inclinazione all'ottimismo della gente interferendo con l'attività cerebrale in queste regioni? E c'è un modo per farlo.

Questo è il mio collaboratore Ryota Kanai. Quello che sta facendo è far passare un piccolo impulso magnetico attraverso il cranio dei partecipanti al nostro test nella loro circonvoluzione frontale inferiore. Così facendo, interferisce con l'attività di questa regione cerebrale per circa mezz'ora. Dopodiché tutto torna normale, ve lo assicuro.

(Risata)

Ora, vediamo cosa succede. Prima di tutto, vi faccio vedere la quantità media di inclinazione che vediamo. Quindi, se ora facessi il test a tutti voi, questa è la quantità che apprendereste in più dalle buone notizie rispetto alle cattive notizie. Ora interferiamo con la regione che, come abbiamo scoperto, integra le informazioni negative nel compito, e l'inclinazione all'ottimismo aumenta ancora di più. Abbiamo aumentato la predisposizione delle persone nel mondo in cui analizzano l'informazione. Poi abbiamo interferito con la regione cerebrale che abbiamo scoperto integrare le buone notizie in questo compito, e l'inclinazione all'ottimismo è scomparsa. Siamo rimasti piuttosto colpiti da questi risultati perché eravamo in grado di eliminare un'inclinazione profondamente radicata negli esseri umani.

A questo punto ci siamo fermati e ci siamo chiesti, vogliamo davvero mandare in frantumi l'illusione dell'ottimismo? E se potessimo farlo, vorremmo portar via alla gente l'inclinazione all'ottimismo? Vi ho già raccontato di tutti i benefici dell'inclinazione all'ottimismo, cosa che probabilmente vi fa tenere duro. Ma ci sono, naturalmente, delle trappole, e sarebbe davvero sciocco ignorarle.

Prendiamo per esempio una email che ho ricevuto da un vigile del fuoco qui in California. Dice: "Gli studi sugli incidenti mortali tra i vigili del fuoco spesso includono "Non pensavamo che il fuoco avrebbe fatto così", anche quando tutte le informazioni disponibili erano disponibili per prendere la decisione giusta. Questo capitano userà le nostre scoperte sull'inclinazione all'ottimismo per cercare di spiegare ai vigili del fuoco perché pensano in quel modo, per renderli estremamente consapevoli di questa inclinazione umana all'ottimismo.

Quindi un ottimismo irrealistico può portare a comportamenti rischiosi, a crolli finanziari, a pianificazioni sbagliate. Il governo britannico, per esempio, ha riconosciuto che la tendenza all'ottimismo può spingere gli individui a sottovalutare i costi e la durata di un progetto. Quindi hanno adeguato il budget per le Olimpiadi del 2012 all'inclinazione all'ottimismo.

Un mio amico che si sposa tra qualche settimana ha fatto lo stesso con il budget del suo matrimonio. E, a proposito, quando gli ho chiesto della sua probabilità di divorziare ha detto che era abbastanza sicuro che fosse dello zero per cento.

Quello che vorremmo veramente fare è proteggerci dai pericoli dell'ottimismo, ma rimanere nello stesso tempo fiduciosi beneficiando dei molti frutti dell'ottimismo. Io credo che ci sia un modo per farlo. Qui il punto è la conoscenza. Non siamo nati con una comprensione innata delle nostre inclinazioni. Devono essere identificate con uno studio scientifico. Ma la buona notizia è che diventare consapevoli dell'inclinazione all'ottimismo non distrugge l'illusione. È come un'illusione ottica: il fatto di capirla non la fa sparire. Questo è un bene perché significa che dovremmo essere in grado di trovare un equilibrio, di escogitare dei piani e delle regole per proteggerci dal nostro ottimismo irrealistico, ma allo stesso tempo non perdere la speranza.

Penso che questa vignetta lo illustri bene. Perché se siete uno di questi pinguini pessimisti lassù che semplicemente non credono di poter volare, certamente non volerete mai. Perché per fare un qualunque tipo di progresso dobbiamo essere in grado di immaginare una realtà differente, e poi dobbiamo credere che quella realtà sia possibile. Se invece siete un pinguino estremamente ottimista che salta giù alla cieca sperando per il meglio, potereste trovarvi in un bel pasticcio quando toccate terra. Ma se siete un pinguino ottimista che crede di poter volare, ma poi si mette il paracadute sulla schiena solo nel caso le cose non andassero esattamente secondo i piani, volerete come un'aquila, anche se siete solo un pinguino.

Grazie.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

47° Fischer: Un Robot che vola come un Uccello

48° Julian Treasure: 5 modi per ascoltare meglio

49° M.Pagel: Le Lingue hanno cambiato l'Umanità

50° Huang: La democrazia soffoca la crescita economica ?

51° Bruce Schneier: Il miraggio della Sicurezza

52° Resnick: Benvenuti alla rivoluzione genomica

53° Pamela Meyer: Come smascherare i bugiardi

54° Anna Mracek: Un aereoplano che puoi guidare

55° Christoph McDougall: Siamo nati per correre ?

56° Yves Rossy: In volo con Jetman

57° Daniel Wolpert: La vera ragione del Cervello

58° Plait: Come proteggere la Terra dagli asteroidi

59° Y.Medan: Chirurgia a Ultrasuoni senza Bisturi

60° Britta Riley: Un Orto nel mio Appartamento

61° Antonio Damasio: Comprendere la Coscienza

62° Clay Shirky: Perché SOPA è una cattiva Idea

63° Mikko Hypponen: 3 tipi di Attacchi Informatici

64° Peter van Uhm: Perché ho scelto un fucile

65° Shawn Achor: Il segreto per lavorare meglio

66° Kevin Allocca: Perché i Video diventano Virali

67° Vijay Kumar: Robot che Volano e Cooperano

68° Susan Cain: Il potere degli introversi

69° Paul Snelgrove: Un Censimento dell'Oceano

70° Sherry Turkle: Siamo tutti Connessi ma Soli ?

71° Lisa Harouni: Un'introduzione alla Stampa 3D

72° Brain Greene: Il nostro è l'unico Universo ?

73° Hans Rosling: Religioni e Bambini

74° Tali Sharot: Naturale inclinazione all'Ottimismo


Trovi altri post Taggati "Video" facendo una ricerca in archivio o una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)