« Intera raccolta di 264 Giochi Flash disponibili gratis OnlineSIW - Super programma diagnostico per PC Windows »

TED Talks - Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

29.07.11

  14:49:43, da Alex   , 3079 parole  
Categorie: Video, Ricerca, Salute e Medicina

TED Talks - Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

TED Talks - Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave

In questa interessante video-presentazione tenuta al recente TED, Dave deBronkart racconta alla platea di quando apprese di avere un cancro raro allo stadio terminale, e si rivolse a un gruppo di compagni di sventura online, dove scoprì delle cure mediche che erano sconosciute agli stessi dottori, e per questo si salvò.

Oggi esorta tutti i pazienti a parlare l'un l'altro, a conoscere i propri dati clinici, e rendere la sanità migliore un e-Patient alla volta.

TED Talks - Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo

Siamo qui oggi per parlare di una cosa stupenda, l'anno della rivolta dei pazienti. Avete già ascoltato, in mattinata, storie di pazienti che hanno assunto il controllo dei propri casi, che dicono, "Sai cosa, conosco i fatti, ma voglio cercare maggiori informazioni. Voglio essere io a stabilire le probabilità di successo." Vi voglio raccontare come 4 anni fa stessi per morire -- in effetti avevo scoperto che ero ad un passo dalla morte. E di quello che ho scoperto di lì a poco sul movimento degli e-patient -- vi spiegherò di che si tratta. Avevo cominciato a scrivere sui blog col nome di Patient Dave, e quando ho saputo del movimento mi sono ribattezzato e-Patient Dave.

alla parola "paziente", quando alcuni anni or sono iniziai ad interessarmi di sanità e a partecipare come osservatore ad alcuni dibattiti, notai che le persone parlavano di pazienti come di qualcuno che non fosse presente in sala, qualcuno in giro da qualche parte. Ancora oggi, talvolta, ci comportiamo così. Ma io sto qui per dirvi che "paziente" non è una persona "x". Voi, proprio voi, potreste ritrovarvi in un letto d'ospedale -- oppure vostra madre, i vostri figli -- qualcuno annuisce, state pensando, "Sì, so esattamente a cosa ti riferisci."

Perciò quando sentirete ciò di cui vi voglio parlare oggi, per prima cosa voglio dire che sto qui in rappresentanza di tutti i pazienti che ho conosciuto finora, ma anche di quelli che non ho mai incontrato. Si tratta di far sì che i pazienti abbiano un ruolo più attivo nell'aiutare a risolvere i problemi dell'assistenza sanitaria. Uno dei dottori di lungo corso del mio ospedale, Charlie Safran, e il suo collega Warner Slack, hanno ribadito per decenni che la risorsa meno utilizzata nel sistema sanitario è il paziente stesso. Lo ripetono dagli anni '70.

Ora faccio un passo indietro. Siamo nel luglio del '69. Ero una matricola all'università, e questo è quando l'uomo è sbarcato sulla luna. Era la prima volta che vedevamo la Terra da un'altra superficie -- il luogo dove noi ci troviamo in questo istante, dove viviamo. Il mondo stava cambiando. Stava cambiando in modi che nessuno poteva prevedere. Qualche settimana dopo c'è stato Woodstock. Tre giorni di divertimento e di musica. Per amor di cronaca, ecco una mia foto di quell'anno. (Risate) Sì, una bella chioma, occhi azzurri -- bei ricordi.

Nell'autunno del '69 fu pubblicato 'The Whole Earth Catalog'. Un giornale hippy che promuoveva l'autosufficienza. Noi pensiamo che gli hippy fossero solo degli edonisti, ma c'era una grossa componente -- io facevo parte del movimento -- una componente molto importante che riguardava l'auto responsabilità. Il sottotitolo del libro è "Accesso agli strumenti." Diceva come costruirsi la propria casa, come piantare l'orto, e così via. Negli anni '80, questo dottore, Tom Ferguson, era l'editore medico per The Whole Earth Catalog. E si accorse che per lo più le cose che facciamo in medicina e per la nostra salute è prenderci cura di noi stessi. Infatti diceva che per il 70-80% quello che facciamo è prenderci cura nel nostro organismo. Ma notò anche che quando la cura della salute ha bisogno di assistenza medica a causa di un disturbo più grave, ciò che non ci fa progredire è la mancanza di accesso alle informazioni. Con l'arrivo della Rete tutto è cambiato. Perché non solo era possibile trovare informazioni, ma anche gente come noi che poteva avere delle informazioni da condividere. E coniò il termine e-Patient -- un paziente con strumenti, motivazione e potere di cambiamento. Naturalmente con gli anni il suo aspetto è diventato più dignitoso di come appariva un tempo.

Mi sono sempre sentito coinvolto come paziente ancora prima che il termine fosse coniato. Nel 2006 ero andato dal mio dottore per una normale visita, e gli dissi, "Mi fa male la spalla." Beh, feci una radiografia e la mattina seguente -- forse lo avrete notato, quelli di voi che hanno avuto un problema serio mi capiranno. Stamattina, qualcuno degli oratori ha menzionato la data in cui ha appreso la propria condizione medica. Nel mio caso erano le 9 di mattina del 3 gennaio 2007. Ero in ufficio; la mia scrivania era in ordine; il rivestimento blu sulle pareti del divisorio. Squillò il telefono - era il mio dottore. Mi disse, "Dave, ho rivisto la tua radiografia sul monitor del computer di casa." Disse, "La tua spalla tornerà presto a posto, ma Dave, hai qualcosa al polmone." Se osservate nel cerchietto rosso, quella zona ombrata non si dovrebbe trovare lì. Per farla breve, gli dissi, "Vuoi che torni lì per dei controlli?" Mi disse, "Sì, avremo bisogno di una TAC del torace." E per concludere chiesi, "C'è qualcosa che posso fare?" Rispose -- pensateci un attimo. Questo è il suggerimento del vostro medico. "Va' a casa e fatti un bicchiere di vino con tua moglie."

Andai a fare la TAC, e risultarono altre cinque formazioni in entrambi i polmoni. A quel punto sapevamo che si trattava di cancro. Sapevamo che non era tumore polmonare. Il che voleva dire che le metastasi avevano un'altra origine. La domanda era, da dove? Così mi fecero un'ecografia. Quello che fanno a molte donne -- la gelatina sulla pancia e poi bzzzz. Mi accompagnò mia moglie. E' una veterinaria, dunque conosce le tecniche con gli ultrasuoni. Cioè, lei sa che io non sono un cane. Ma quello che vedemmo -- questa è l'immagine di una RMN. Molto più dettagliata di un'ecografia. Quello che abbiamo visto nel rene era quella pallina lì. Veramente ce n'erano due. Una stava crescendo nella parte anteriore e stava già uscendo, attaccandosi all'intestino. L'altra stava crescendo nella parte posteriore, attaccandosi al muscolo soleo, un grande muscolo posteriore di cui non avevo mai sentito parlare, ma di cui di colpo m'importava. Andai a casa.

Ora, sapevo navigare in rete -- lo facevo dai tempi di Compuserv, dall'89. Andai a casa, e so che non riuscite a leggere i dettagli; ma non è importante. Il punto è che sono andato su un sito medico molto quotato, WebMD, perché so come filtrare le informazioni. Ho trovato anche mia moglie online. Prima di incontrarla ho fatto ulteriori approfondite ricerche su internet. (Risate) Dunque ricercavo informazioni di qualità. Parliamo tanto di fiducia -- di quali fonti ci possiamo fidare? Dove finisce il mio corpo e comincio a invadere lo spazio altrui? E un cancro, un tumore, è qualcosa che generi tu e cresce dentro di te. Come succede? Dov'è che la perizia medica comincia e finisce? Ecco quello che ho letto su WebMD: "C'è poco da fare per un cancro al rene. Quasi tutti i pazienti sono incurabili." Sono abbastanza bravo come internauta da sapere che se non mi piacciono le prime risposte che trovo ne cerco altre. E ho trovato informazioni su altri siti, perfino nella terza pagina dei risultati di Google, "La situazione è deprimente", "La prognosi è nera." E ho pensato, "E che diamine?" Non mi sentivo affatto male. Insomma, la sera mi sentivo stanco, ma avevo 56 anni. Stavo perdendo un po' di peso, ma era quello che il mio dottore mi aveva chiesto di fare. Proprio una cosa strana.

E questo è il diagramma del 4° stadio di cancro renale illustrato sul medicinale che assunsi in seguito. Per dirvela tutta, avevo quelle formazioni nei polmoni. Nel femore sinistro ce n'era un'altra. Una sola, ma la mia gamba alla fine si spezzò. Svenni, e cadendoci sopra si ruppe. Un'altra formazione nel cranio, e per non farmi mancare nulla, avevo anche questi tumori -- e per quando iniziai la cura se ne stava sviluppando un altro sotto la lingua. Un tumore renale che aveva raggiunto la lingua. E da quanto avevo letto, la mia aspettativa di vita era di 24 settimane. Brutta notizia. Ero con un piede nella fossa. Pensai, "Che faccia farà mia madre il giorno del mio funerale?" Dovevo parlare con mia figlia e dirle, "Questa è la situazione." Stava in compagnia del suo ragazzo. Dissi, "Non voglio che anticipiate le nozze solo perché io vi possa partecipare." Davvero una cosa terribile. Perché se vi chiedete come mai i pazienti siano motivati e vogliano dare una mano, pensate a questo.

Bene, il mio dottore mi prescrisse una comunità di pazienti, Acor.org, una rete di pazienti affetti da cancro, cose incredibili. Mi dissero subito, "Il cancro ai reni non è molto comune. Va' in un centro specializzato. Non esistono cure, ma c'è qualcosa che a volte funziona -- ma di solito no -- si chiama interleuchina ad alto dosaggio. Quasi nessun ospedale te la proporrà, e non ti diranno nemmeno che esiste. E non lasciare che ti somministrino niente al posto di quella. A proposito, ecco 4 dottori della tua parte degli Stati Uniti che te la possono far avere, e questi sono i loro numeri di telefono. Forte, no?

(Applausi)

Ecco qua. E ancora adesso, quattro anni dopo, non c'è nemmeno un sito web che vi dà queste informazioni. Approvate dal Governo, dall'American Cancer Society, ma i pazienti sanno ciò che i pazienti vogliono sapere. Potenza delle reti di pazienti. Questa sostanza fantastica -- vi dicevo di nuovo, dove termina il mio corpo? Io e il mio oncologo parliamo molto in questo periodo, perché nelle mie conferenze cerco di usare un linguaggio tecnico appropriato. Mi diceva, "Sai, il sistema immunitario è bravo a scovare agenti estranei -- i batteri provenienti dall'esterno -- ma quando sei tu a sviluppare dei corpi estranei allora la cosa è completamente diversa." E quindi ho modificato il mio modo di pensare, e ho dato inizio a una comunità di supporto per pazienti su un mio sito, e uno dei miei amici, uno dei miei parenti in realtà, mi disse, "Ascolta Dave, chi ha sviluppato questa cosa? Adesso ti stai preparando per attaccare mentalmente te stesso?" E abbiamo cominciato. Tutta la storia viene raccontata in questo libro.

Comunque, ecco come sono andati i numeri. Facendo a modo mio, ho messo i dati numerici dell'ospedale riguardanti la dimensione dei miei tumori su un foglio di calcolo. Non fate caso ai numeri. Vedete, è il sistema immunitario. Affascinante, quelle due linee gialle indicano quando ho assunto le due dosi di interleuchina, a due mesi l'una dall'altra. E guardate come sono diminuite le dimensioni dei tumori in quell'intervallo. Incredibile. Dio sa cosa saremo in grado di fare se impariamo ad usare di più questi strumenti.

Insomma, un anno e mezzo dopo ero presente il giorno in cui questa magnifica ragazza, mia figlia, si sposava. E quando scese dalle scale, e c'eravamo solo noi due in quel momento, ero così felice che non avesse dovuto dire alla madre "Avrei voluto che papà fosse qui oggi." Ecco quello che succede se miglioriamo l'assistenza medica.

Ora vi vorrei parlare brevemente di un paio di pazienti che stanno facendo di tutto per migliorare la qualità della sistema sanitario. Questa è Regina Holliday, una pittrice di Washington D.C., il cui marito è morto di cancro ai reni un anno dopo che avevo scoperto il mio. Qui sta dipingendo un murale delle ultime orribili settimane di ospedale. Una delle cose che aveva scoperto era che la documentazione clinica del marito contenuta in questo faldone era del tutto disorganizzata. E lei pensava, "Sapete, se riusciamo ad avere le tabelle nutrizionali sulle scatole di cereali, perché non possiamo avere qualcosa di altrettanto semplice che indichi a qualsiasi nuovo infermiere che arriva in reparto, a ogni nuovo dottore, i fatti fondamentali sulle condizioni di mio marito?" E così ha dipinto un murale di dati medici una sorta di tabella nutrizionale, qualcosa del genere, creando il diagramma del marito. E poi, l'anno scorso, ha dipinto questo diagramma.

Come me, si è messa a studiare l'assistenza medica. E giunse alla conclusione che molte persone avevano scritto libri in difesa dei pazienti, di cui non si sente mai parlare alle conferenze mediche. I pazienti sono una risorsa così poco sfruttata. Bene, come dicevo all'inizio, ho delle ragioni fondate per dire che i pazienti dovrebbero poter accedere ai loro dati. Ed effettivamente l'ho detto in una conferenza un paio d'anni fa, "Datemi i miei maledetti dati, perché voi non siete capaci di tenerli in ordine." Ed ecco i nostri stramaledetti dati -- come un gioco di parole -- che sta cercando di uscire, di emergere -- l'acqua simbolizza i nostri dati.

E adesso voglio fare un po' d'improvvisazione per tutti voi. C'è un tizio che ho conosciuto su Twitter, un informatico della medicina di Boston, che ha scritto il rap dell'e-Patient. Fa così. ? Datemi i miei maledetti dati ? ? Voglio essere un e-Patient come Dave ? ? Datemi i miei maledetti dati, perché ne va della mia vita ? Basta così. (Applausi) Beh, grazie. Così rientro nei tempi.

(Risate)

Pensate a quello che accade, perché gli iPhone e gli iPad si diffondono tanto più in fretta degli strumenti medici che ti servono per prenderti cura della tua famiglia? Ecco un sito web, VisibleBody, in cui mi sono imbattuto. E ho pensato, "Sai, mi chiedo che cosa sia il muscolo soleo". Così puoi cliccare sui vari strati e rimuoverli. E a un certo punto, "Aha, ecco il rene e il muscolo soleo." Potevo ruotarlo in 3D e alla fine, "Adesso ho capito." E poi mi è venuto in mente Google Earth, che ti permette di raggiungerere qualsiasi indirizzo. E ho pensato, "Perché non usarlo per collegarci i miei dati clinici così da avere un Google Earth del mio corpo? E sapete cosa ha lanciato Google quest'anno? Google Body. Ma vedete, è ancora generico. Non posso metterci i miei dati personali. Ma se si riesce a tirar fuori quei dati in qualche modo così che qualche programmatore innovativo ci si butti, come amano fare tutti gli innovatori, chissà cosa ne uscirà fuori.

L'ultima storia: Kelly Young, una paziente affetta da artrite reumatoide dalla Florida. Una storia ancora non conclusa che sta accadendo in questo periodo. I pazienti di AR, come si fanno chiamare -- il suo blog si intitola Guerriero AR -- hanno un grande problema perché il 40% di loro non ha sintomi visibili. Per cui è molto difficile capire come si stia evolvendo la malattia. E alcuni dottori pensano, "Sì, guarda, stai così male." Beh, attraverso una ricerca in rete, ha trovato che la scansione nucleare per le ossa, usata di solito per quel tipo di cancro, può anche rilevare le infiammazioni. E ha notato che in assenza di infiammazioni la scansione è di un grigio uniforme. E allora l'ha fatta. Il referto radiologico recitava, "Nessuna traccia di cancro." Beh, non è quello che il radiologo avrebbe dovuto fare. Dunque ha chiesto al dottore che lo rileggesse, voleva ascoltarlo di nuovo, finché il dottore l'ha cacciata. Lei ha estratto il CD. E il dottore, "Se non vuole seguire le mie istruzioni, se ne vada." E così lei si è presa il CD con le immagini della scansione, e osservato tutte quelle chiazze rosse. Ora col suo blog sta attivamente cercando aiuto per ottenere un'assistenza migliore. Questa è una paziente che si è ripresa il potere - nessuna preparazione medica.

Noi siamo, voi siete, la risorsa meno utilizzata nella sanità pubblica. Quello che questa persona ha potuto fare, l'ha fatto perché ha avuto accesso ai suoi dati. Se ne è valsa la pena? Bene, a TED2009 lo stesso Tim Berners-Lee, inventore della rete, in un suo discorso disse che il prossimo grande passo per i browser, non sarebbe stato quello di andare a cercare articoli scritti da altri su un certo argomento, ma i dati grezzi su quell'argomento. E alla fine del discorso ha fatto acclamare tutta l'assemblea, "I dati grezzi adesso. I dati grezzi adesso." E io vi chiedo tre parole, per favore, per migliorare la sanità: Fatevi aiutare dai pazienti. Fatevi aiutare dai pazienti. Fatevi aiutare dai pazienti. Fatevi aiutare dai pazienti.

Grazie.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini

36° Hans Rosling: Lavatrice magica e rivoluzione

37° Cynthia Breazeal: Arrivano i Personal Robot

38° M.Jakubowski progetta Macchine open source

39° H.Fineberg: Siamo pronti per la Neo-evoluzione?

40° Eli Pariser: Attenti alle " Gabbie di Filtri " in rete

41° Stephen Wolfram: Calcolare la teoria del tutto

42° Hong: Automobili per conducenti non vedenti

43° Alice Dreger: Il destino è scritto nell'anatomia

44° D.Kraft: Il futuro della Medicina é nelle App

45° C.Seaman: Fantastiche Foto dei Ghiacci Polari

46° Dave deBronkart: Vi presento l'e-Patient Dave


Trovi altri post Taggati "Video" qui, fai una ricerca in archivio, o fai una ricerca per immagini ( clicca sulle immagini per leggere i post ).

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)