« Android App: Mappe Google senza connessione Internet[¯|¯] Ebook " La Principessa " di Jarro ( Giulio Piccini ) »

TED Talks - Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

13.01.11

  14:13:02, da Alex   , 2719 parole  
Categorie: Video, Ricerca, Salute e Medicina

TED Talks - Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

TED Talks - Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

In questa interessante video-presentazione tenuta al recente TED, il ricercatore Marcel Dicke difende l'idea di aggiungere gli insetti alla dieta di ognuno di noi.

Il suo messaggio ovviamente é inconcepibile per chef a buongustai, prelibatezze come le locuste e i millepiedi possono tranquillamente competere con la carne in termini di sapore, proprietà nutritive e sensibilità per la natura.

Se non parti preconcetto, vale la pena di ascoltare le argomentazioni di Marcel Dicke che ha aperto un nuovo campo di ricerca e ha vinto il premio NWO-Spinoza ( il premio Nobel olandese ), e ora vuole cambiare le menti occidentali riguardo gli insetti e in particolare il loro utilizzo come alimento.

TED Talks - Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?
( con sottotitoli in Italiano )

Trascrizione integrale del testo
Ok, sto per mostrarvi nuovamente qualcosa sulle nostre diete. E mi piacerebbe sapere qualcosa sulla platea. Per cui: chi di voi ha mai mangiato insetti? Siete in tanti. (Risate) Ma tuttavia, non rappresentate l’intera popolazione terrestre. (Risate) Perché là fuori c’è davvero un 80% di popolazione che veramente mangiano insetti. E va bene.

n mangiare insetti? Ma innanzitutto, cosa sono gli insetti? Gli insetti sono animali che camminano su 6 zampe. E qua ne potete vedere una selezione. Esistono 6 milioni di specie di insetti su questo pianeta, sei milioni di specie. Ci sono alcune centinaia di mammiferi-- e sei milioni di specie di insetti. Ed infatti se contiamo tutti i singoli organismi, arriveremo a numeri ben più grandi. Infatti, di tutti gli animali sulla Terra, di tutte le specie animali, l’80% cammina su sei zampe. Ma se potessimo contare tutti gli individui, e fare la media del loro peso, ammonterebbe ad un totale di 200 o 2000 kg per ognuno di noi sulla Terra. Questo significa che in termini di biomassa gli insetti sono molto più abbondanti di quanto non siamo noi. E non ci troviamo su un pianeta di uomini, ma su un pianeta di insetti. Gli insetti non solo si trovano in natura, ma sono anche coinvolti nella nostra economia, di solito a nostra insaputa.

Una stima prudente fatta qualche anno fa, mostrava che l’economia statunitense ne beneficiava per 57 miliardi di dollari per anno. Si tratta di un vasto contributo all’economia statunitense, e gratis. Così cercai la spesa nazionale US per la guerra in Iraq nello stesso anno. Si trattava di 80 miliardi di dollari US. E sappiamo che si trattava di una guerra non economica. Per cui gli insetti, gratis, contribuiscono all’economia statunitense per un'ammontare simile, all’insaputa di tutti. E non solo negli Stati Uniti, ma in ogni paese, in ogni economia.

Cosa fanno? Rimuovono lo sterco, impollinano le nostre colture. Un terzo di tutta la frutta che mangiamo è il risultato del lavoro degli insetti che si occupano della riproduzione delle piante. Controllano gli afidi. E sono cibo per gli animali. Si trovano all’inizio della catena alimentare. Gli animali di piccole dimensioni mangiano gli insetti. Anche gli animali più grandi mangiano gli insetti. Ma gli animali piccoli che mangiano gli insetti vengono poi mangiati da animali più grandi. Ed alla fine della catena alimentare, anche noi li mangiamo C’è un certo numero di persone che mangiano insetti. E qui mi vedete in una piccola città di provincia in Cina, Lijiand – due milioni di abitanti circa. Se andate fuori a cena, esattamente come in un ristorante con menù di mare, dove potete selezionare il pesce che vi verrà servito, potrete scegliere gli insetti che volete mangiare. E li preparano meravigliosamente. E qui mi vedete mentre gusto un pasto con millepiedi, locuste, api, [non chiaro] prelibatezze. E potete mangiare qualcosa diverso ogni giorno. Ci sono più di mille specie di insetti che vengono mangiate nel mondo Che è un po’ di più dei pochi mammiferi che mangiamo al momento, tipo mucche, o maiali, o pecore. Più di mille specie, una varietà enorme. E voi direte, “OK, in questa città della Cina fanno queste cose, noi no”.

Be’, abbiamo visto che un bel po’ di voi hanno già mangiato insetti, forse occasionalmente. Ma vi posso assicurare che tutti voi mangiate insetti, senza eccezioni. Ne mangiate almeno 500 gr all’anno. Cosa mangiate? Zuppa di pomodoro, burro d’arachidi, cioccolata, spaghetti di riso, -- qualsiasi cibo preconfezionato che mangiate contiene insetti, perché gli insetti sono ovunque, e quando sono fuori, in natura, si trovano anche nei nostri raccolti. Alcuni frutti sono danneggiati dagli insetti. Quella è la frutta, in caso dei pomodori, che finisce nella zuppa di pomodoro. Se non sono danneggiati, allora finiscono nel reparto frutta e verdura. E questa è l'immagine di un pomodoro. Ma alcuni pomodori finiscono in una zuppa. E, fino a quando sono in regola con i requisiti posti dall’agenzia del cibo, ci può essere di tutto lì dentro. Senza problemi. Difatti, perché mettere le polpette di carne nella zuppa, se c’è già della carne lì dentro? (Risate) In realtà, tutti i cibi preconfezionati contengono più proteine di quanto pensiamo. Per cui, ogni cibo è già una fonte di proteine .

A questo punto potreste dire: “OK, mangiamo 500 gr di insetti, ma solo per sbaglio.” Ma lo facciamo anche di proposito in molti dei cibi che mangiamo. Ho solo due oggetti qui sulla diapositiva – biscotti rosa e surimi, o, se preferite, Campari. Molti dei prodotti in rosso che consumiamo sono tinti con un colorante naturale. I bastoncini di surimi sono carne di granchio, o sono venduti come carne di granchio, si tratta di carne bianca che viene tinta con la cocciniglia. La cocciniglia è il prodotto di un insetto che vive sui cactus. Viene prodotto in grandi quantità, tra le 150 e le 180 tonnellate all’anno, nella isole Canarie, in Perù, con un gran giro d’affari. Un grammo di cocciniglia costa circa 30 euro. Un grammo d’oro costa 30 euro. Stiamo usando qualcosa di veramente prezioso como colorante per il nostro cibo.

Ora la situazione nel mondo sta per cambiare, per me e per voi, per chiunque sul pianeta Terra. La popolazione umana sta crescendo molto rapidamente ed in maniera esponenziale. Al momento ci sono tra i sei e i sette miliardi di persone, che raggiungeranno i nove miliardi nel 2050. Questo significa che avremo molte più bocche da sfamare. E questa è una preoccupazione per un numero crescente di persone. Una conferenza della FAO svoltasi in Ottobre, è stata interamente dedicata a questo tema. Come faremo a sfamare questo mondo? Se guardiamo ai dati là in alto vediamo che avremo un incremento di un terzo di bocche da sfamare ma avremo bisogno di un incremento del 70% in produzioni agricole. E questo è dovuto al fatto che questa popolazione non solo cresce in numero, ma anche in ricchezza, e chiunque diventi più ricco inizia a mangiare di più ed a mangiare più carne. E la carne, di fatto, è qualcosa che incide parecchio sulla nostra produzione agricola.

La nostra dieta consiste in parte di proteine animali, ed al momento, la maggior parte di noi la ottiene da animali da allevamento, pesce e selvaggina. E ne mangiamo parecchia. Nei Paesi sviluppati, in media, sono 80 kg, per persona all’anno, con un valore picco di 120 kg negli Stati Uniti che è un po’ piú basso in altre nazioni, ma in media sono 80 kg per persona all’anno. Nei paesi in via di sviluppo la media è più bassa. Sono 25 kg per persona all’anno. Ma sta crescendo enormemente. In Cina, negli ultimi 20 anni, è cresciuta da 20 a 50, e continua ad aumentare. Per cui se un terzo della popolazione mondiale incrementerà il consumo di carne da 25 a 80 kg in media, ed un terzo della popolazione mondiale vive in India e in Cina, avremo una enorme richiesta di carne. E naturalmente, non siamo lì per dire, è solo per noi, non è per loro. Hanno diritto alla stessa quantità che consumiamo noi.

Per iniziare, devo dire che mangiamo troppa carne nel mondo occidentale. Potremo farcene bastare molto, molto meno -- ed io lo so perché sono vegetariano da molto tempo. E potete farne a meno del tutto. Otterrete le proteine da ogni tipo di cibo comunque. E poi ci sono un sacco di problemi che insorgono con la produzione di carne, e ce li troviamo davanti sempre più spesso. Il primo è la salute umana. I maiali sono molto simili a noi. Sono addirittura usati come modelli in medicina. E possiamo anche trapiantare organi suini negli umani. Questo significa che abbiamo in comune anche le malattie. Ed un’infezione suina, un virus suino, un virus umano possono entrambi proliferare. Ed a causa del loro tipo di riproduzione, possono anche combinarsi e creare un nuovo virus. Questo è successo nei Paesi Bassi negli anni ’90 durante l’esplosione dell’influenza suina. Ti becchi una nuova malattia che può essere mortale. Noi mangiamo gli insetti –che sono tanto distanti da noi che questo non succede. Un punto per gli insetti.

(Risate)

E poi c'è il fattore di conversione. Prendi 10 kg di cibo, ottieni un kg di carne di manzo, ma ne puoi ottenere nove di carne di locusta. Per cui, se voi foste un imprenditore cosa fareste? Con 10 kg di input, potete ottenere un kg o nove kg di output. Per ora stiamo scegliendo tra uno e fino ad un massimo di 5 kg di output. Non stiamo ancora prendendo il bonus. Non stiamo ancora scegliendo i 9 kg di bonus. Per cui, 2 punti per gli insetti.

(Risate)

E poi c'è l'ambiente. Se prendiamo 10 kg di cibo -- (Risate) e il risultato è un kg di carne di manzo, gli altri 9 kg sono prodotti di scarto e gran parte di ciò è costituito da letame. Se producete insetti, avete meno letame per kg di carne che producete. Per cui meno inquinamento. Inoltre, per chilo di letame, avrete molta ma molto meno ammoniaca e meno emissioni di gas serra quando avete letame di insetti rispetto al letame di mucca. Per cui avrete meno materiale di scarto, che è anche meno dannoso dal punto di vista ambientale rispetto allo stallatico di mucca. Per cui siamo a tre punti per gli insetti.

(Risate)

A questo punto c'è un grande "se" e cioè, se gli insetti producano carne di buona qualità. Be', sono state condotti diversi tipi di analisi ed in termini di proteine, o grassi, o vitamine, [la carne d'insetto] è molto buona. di fatto, è paragonabile a qualsiasi carne noi mangiamo al momento. Ed anche in termini di calorie, è molto buona. Un kg di cavallette ha le stesse calorie di 10 hot dogs o 6 Big Macs. Per cui, siamo a 4 punti per gli insetti.

(Risate)

Potrei continuare, e potrei segnare molti altri punti per gli insetti, ma il tempo non ce lo permette. Per cui la domanda è: perché non mangiare gli insetti? Vi ho dato almeno quattro argomenti a favore. In futuro, dovremo. Anche se non vi piace, dovrete abituarvici. Perché al momento, il 70% delle nostre terre arabili viene usate per allevare animali. e non si tratta solo della terra dove gli animali camminano e brucano, ma ci sono anche altre aree dove il cibo viene prodotto e trasportato. Possiamo aumentarlo un po', alle spese della foresta pluviale, ma raggiungeremo un limite molto presto. E se ricordate che dobbiamo aumentare la produzione agricola del 70%, non ce la faremo in quel modo. Potremo stare molto meglio [passando dalla] carne, dal manzo agli insetti. E l'80% del mondo mangia già insetti, per cui siamo solo una minoranza -- in paesi come il Regno Unito, gli Stati Uniti, i Paesi Bassi, ovunque. Sulla sinistra, vedete un mercato nel Laos, dove c'e' un abbondante presenza di tutti i tipi di insetti che si possono scegliere per cena per la sera. Sulla destra, vedete una cavalletta. per cui le persone lì, li mangiano, non perché son affamati ma perché pensano che sia una prelibatezza. Si tratta solo di cibo molto buono. Puoi cambiare spessissimo. E ha molti benefici.

Di fatto, noi abbiamo una prelibatezza che assomiglia molto alla cavalletta: i gamberetti, una delicatezza venduta a caro prezzo. A chi non piace mangiare i gamberetti? Ci sono alcune persone a cui i gamberetti non piacciono, ma i gamberetti, o il granchio, o i gamberi d'acqua dolce, sono tutti simili. Sono prelibatezze. Di fatto, una locusta non è altro che un gamberetto di terra, ed avrebbe un buon effetto nella nostra dieta. Per cui, perché ancora non mangiamo gli insetti? Si tratta solo di una questione mentale. Non siamo abituati, e vediamo gli insetti come organismi essenzialmente diversi da noi. Per questo stiamo cambiando la percezione degli insetti. E sto lavorando sodo con il mio collega, Arnold Van Huis, per spiegare alle persone cosa siano gli insetti, che cose meravigliose essi siano, e che lavoro fantastico facciano in natura. Ed infatti, senza gli insetti, noi non saremmo in questa stanza. Perché se gli insetti sparissero, anche noi presto spariremmo. Se noi ci estinguiamo, gli insetti continuano a vivere felicemente.

(Risate)

Per cui dobbiamo abituarci all'idea di mangiare insetti. E qualcuno potrebbe pensare, be', non sono ancora disponibili. In realtà lo sono. Ci sono imprenditori nei Paesi Bassi che li producono, ed una di loro è qui, nella platea, Marian Peeters, ed è nella foto, Io prevedo che alla fine di quest'anno li troverete nei supermarkets -- non visibili, ma come proteine animali nel cibo. E forse nel 2020, li comprerete sapendo semplicemente che state per mangiare un insetto. e vengono preparati nelle maniere piu' interessanti. Ecco un mastro cioccolataio nei Paesi Bassi. (Musica) (Applausi) E c'e' anche un sacco di design.

(Risate)

Bene, nei Paesi Bassi, abbiamo un ministro per l'agricoltura innovativo, e ha messo gli insetti sul menù nel suo ristornate durante il suo ministero. E quando ha ospitato tutti i ministri dell'agricoltura dell' Unione Europea all'Aia, di recente, sono andati in un ristorante di classe ed hanno mangiato insetti tutti insieme. Non si tratta solo di un mio passatempo. Ha davvero preso piede. per cui, perché non mangiare insetti? Dovreste provarci anche voi. Un paio d'anni fa, avevamo meso insieme 1750 persone in una piazza della città di Wageningen, ed hanno mangiato insetti nello stesso momento, e si trattava di una grande novità. io credo che presto non farà più notizia mangiare insetti, perché si tratta solamente di una cosa normale da fare.

Potete provarci oggi, e vi direi di gustarveli. E sto per mostrare a Bruno alcuni primi tentativi, e può essere il primo ad assaggiare.

(Applausi)

Bruno Giussani: Guardali prima. Guardali prima.

Marcel Dicke: Sono tutti proteine.

Bruno Giussani: Sono proprio quelli che si vedono nel video effettivamente. E sembrano deliziosi. Li fanno con le noci o qualcosa di simile.

Marcel Dicke: Grazie.

(Applausi)

Trovi tutti i link ai post "TED Talks" già pubblicati qui sotto :

Elizabeth Gilbert sul genio

Il Cervello in tempo reale: C.deCharms

Al Gore sulle recenti modificazioni climatiche

Matthieu Ricard e l'abitudine alla felicità

Hans Rosling: I dati cambiano la Mentalità

Rebecca Saxe: Come si forma il giudizio morale

Jill Bolte Taylor: Racconto di un Ictus in diretta

Pranav Mistry: Nuove Tecnologie Sesto-Senso

Ramachandran: I Neuroni plasmano la Civiltà

10° Hans Rosling: Ascesa Asiatica come e quando

11° Rob Hopkins: Verso un Mondo senza Petrolio

12° Jamie Oliver: Educazione al Cibo per i Bambini

13° Bertrand Piccard: Avventura a Energia Solare

14° Dan Barber: Mi sono innamorato di un pesce

15° Aimee Mullins: L'opportunità delle avversità

16° Dan Buettner: Come vivere fino a 100 anni

17° Eric Topol: Il futuro senza fili della Medicina

18° James Randi demolisce le Frodi Paranormali

19° Richard Sears: Pianificare la fine del petrolio

20° Si può "affamare" il cancro con la dieta ?

21° Helen Fisher: Perché amiamo e tradiamo

22° Tan Le: Cuffia per leggere le onde cerebrali

23° J.Assange: Il mondo ha bisogno di Wikileaks

24° Hans Rosling: Cresce la popolazione globale

25° Derek Sivers: Tenetevi per voi i vostri obiettivi

26° C. Anderson: I Video stimolano l'Innovazione

27° Stefano Mancuso: L'intelligenza delle piante

28° Steven Johnson: Da dove provengono le Idee

29° Brian Skerry: Splendore e Orrore degli Oceani

30° TED Talks - Kristina Gjerde: Leggi Acque Internazionali

31° Marcel Dicke: Mangiare insetti: perché no ?

32° Amber Case: Siamo diventati tutti dei Cyborg

33° Hanna Rosin: I dati sull'ascesa delle Donne

34° N. Hertz: Quando non dare ascolto agli esperti

35° Patricia Kuhl: il Genio linguistico dei Bambini


Trovi altri post Taggati "Video" qui, o fai una ricerca in archivio.

Sottoscrivi AB Techno Blog Sottoscrivi AB Techno Blog

Vedi anche:
Filtro Web per minori: Come bloccare i contenuti per adulti
Scrivere la Musica sul PC in un Foglio Musicale Virtuale
Fisica - Corsi online gratuiti dalle migliori Università
Come Automatizzare la Scrittura di Frasi e Testi ripetitivi
Come puoi registrare Video + Audio delle chiamate Skype

Ultimo post pubblicatoIndice dei Post pubblicatiSottoscrivi  AB Techno BlogEnglish automatic translation

No feedback yet

Lascia un commento


Your email address will not be revealed on this site.
  
(For my next comment on this site)
(Allow users to contact me through a message form -- Your email will not be revealed!)